Lo zucchero a tavola: i migliori sostituti, come consumarne meno e come disintossicarsi

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

L’eccessivo consumo di zucchero raffinato è uno dei fattori legati allo sviluppo di problemi metabolici e cardiaci. Anche se l’industria cerca di nascondere questi effetti da decenni, gli studi hanno dimostrato come possa essere pericoloso per l’intero organismo.

E’ certamente delizioso e sempre presente nella dieta di milioni di persone, ma la sua presenza nel corpo può causare gravi squilibri nei principali apparati. Ma la cosa più preoccupante è che dà dipendenza ed è presente in una vasta gamma di prodotti consumati quotidianamente.

I migliori sostituti naturali dello zucchero

Tuttavia, sempre più persone che hanno a cuore la loro salute conoscono gli effetti negativi che porta la sua assunzione quotidiana e, proprio per questo, stanno prendendo provvedimenti per ridurre al massimo dieta. La buona notizia è che ci sono alcuni sostituti dello zucchero completamente naturali, che hanno meno calorie e sono ottimi dolcificanti per molte ricette. Volete conoscerli?

Zucchero di cocco

Lo zucchero di cocco è un prodotto naturale usato come dolcificante nella cucina tradizionale asiatica. Nonostante ciò, è diventato noto nei paesi occidentali solo pochi anni fa, come alternativa sana allo zucchero raffinato. Il suo indice glicemico è solo 35 e, oltre a questo, fornisce una quantità significativa di minerali essenziali che fanno bene alla salute: infatti, i suoi livelli di vitamina C sono piuttosto elevati e contribuiscono a fornire la dose giornaliera raccomandata per il corpo. Come se non bastasse, è uno dei dolcificanti più sostenibili del mondo perché proviene da un albero benefico per l’ambiente. Le palme da cocco riparano il terreno, richiedono pochissima acqua e producono più zucchero per ettaro rispetto alla canna da zucchero.

Sciroppo di radice di yacon

Lo sciroppo di radice di yacon è un dolcificante naturale noto per il suo basso indice glicemico e per il suo alto contenuto di minerali e sostanze nutritive essenziali. La sua ingestione non interferisce con i livelli di zucchero nel sangue e non influenza il metabolismo, in quanto fornisce pochissime calorie. Contrariamente a quanto accade con lo zucchero tradizionale, lo sciroppo di radice di yacon aiuta la perdita di peso e la normalizzazione dei movimenti intestinali. Ha un sapore dolce ma più delicato del miele e, tra le altre cose, si distingue come un probiotico molto efficace.

Miele

Il miele biologico è uno sostituti dello zucchero più conosciuti e utilizzati in tutto il mondo. Si distingue per il suo alto valore energetico, oltre alle sue sostanze nutrienti e composti antibiotici. Anche se il suo contenuto calorico è leggermente più alto, è una delle migliori opzioni per addolcire le ricette perché non influisce sulle funzioni del metabolismo. Ha anche centinaia di applicazioni mediche che possono essere sfruttate come prevenzione e cura di molte malattie. Naturalmente, è indispensabile verificare la qualità e l’autenticità del miele, poiché alcune aziende lo distribuiscono raffinato o in combinazione con lo zucchero tradizionale.

i migliori sostituti dello zucchero

Stevia

La stevia non sarà il sostituto dello zucchero più popolare sul mercato, ma è uno dei più dolci e dei più sani. La sua capacità di addolcire supera di gran lunga quella dello zucchero convenzionale, ma non fornisce troppe calorie e non aumenta i livelli di zucchero nel sangue. Al suo stato naturale può essere così dolce che molti la mescolano con polvere di cellulosa e altri agenti che ne facilitano il consumo.

Sciroppo di agave

Questo prodotto naturale è originario dell’America centrale e, oggi, è uno dei sostituti dello zucchero raffinato più popolari. Questo perché il suo indice glicemico è solo 30, meno della metà di quello del dolcificante tradizionale. Ciò significa che il corpo lo assimila più lentamente e, grazie a questo, non genera picchi di zucchero nel sangue. Al contrario, finisce per essere una fonte significativa di energia, per fornire una buona prestazione fisica e mentale. Sul mercato lo si può trovare in due varietà, ma è meglio scegliere quello scuro perché è meno raffinato. La sua dolcezza è superiore fino al 25% di quella dello zucchero e si usa nello stesso modo del miele.

In conclusione, anche se sono poco conosciuti, questi sostituti dello zucchero sono la scelta migliore per addolcire i piatti senza rischi per la salute. Occorre tenere a mente che tutti possono essere venduti di bassa qualità, mescolati con lo zucchero, o con altre sostanze chimiche che influiscono sulle loro proprietà. Quindi, sceglieteli sempre biologici al 100%, anche se costano un po’ di più.

I modi per consumare meno zucchero

sostituti dello zucchero

Ecco alcuni semplici consigli della Nonna su come salire sul treno della buona salute consumando meno zucchero.

Cambiare abitudini a colazione

Guardate le etichette sulle merendine o sui cereali che mangiate a colazione: ci sono altissime probabilità che siano piene di zuccheri aggiunti. Iniziate a eliminare i cereali in scatola, optando invece per cereali integrali e alimenti alternativi per la prima colazione. Provate riso integrale, orzo, miglio o una ciotola di quinoa condita con fette di avocado, o una classica fetta di pane e marmellata. L’energia sostenibile viene dagli alimenti non trasformati, non da prodotti industriali confezionati.

Mangiare verdure a foglia verde

Studi hanno dimostrato che aumentare la quantità di verdure a foglia verde nella dieta aumenta la quantità di antiossidanti e di energia nel corpo, e ciò non vi lascerà con un brutto calo di zucchero un paio d’ore più tardi. Tenete in frigo spinaci, rucola, cavoli rapa, e mangiateli come fareste con patatine o popcorn. Nessun condimento, solo una manciata di magia a foglia verde.

4- Dormire di più

Numerosi studi hanno riscontrato che dormire meno di 7-8 ore per notte aumenta il rischio di mangiare di più. E, come tutti sappiamo, quando ci facciamo le abbuffate compulsive non mangiamo certo cavolo o carote. Cerchiamo di essere realisti. Preparatevi a dormire bene e in maniera abbondante, evitando così le voglie e le abbuffate di zucchero.

Stop agli alimenti confezionati

Mangiate alimenti non trasformati ed evitate completamente i fast food. Non lasciate che vi freghino con le loro opzioni di menu a basso costo. Additivi, edulcoranti e coloranti alimentari tossici non possono essere buoni per il vostro organismo.

Bere molto

Bevete tè verde, succo di verdure verdi e acqua con limone, verde. Trattate le bibite gassate come un dessert, bevendole forse una o due volte ogni tre mesi. Non fanno bene alla vostra salute, quindi lasciatele perdere. Questo vale anche per le bibite “light” o “zero”: lo zucchero falso fa male, e solo Dio sa quello che combina ai nostri corpi.

Succhi di frutta e frullati

I succhi di frutta e i frullati sono di gran moda nell’epoca dei social network, quindi potreste già essere abituati a consumarne. Provate a fare del succo verde in un frullatore; è più facile da pulire, e la polpa di frutta e verdura fornisce fibra extra che fa sempre bene.

Cucinare con le spezie

Stimolatevi cucinando con spezie sempre diverse. Provate nuove ricette e vedete dove andate a finire. Cucine di mezzo mondo (che stanno incontrando il gusto degli italiani) abbondano in cannella, cumino, curcuma, peperoncino e quant’altro. Provate ad aggiungerle anche all’insalata, al petto di pollo o agli hamburger, la varietà è davvero il sale della vita!

Non saltare i pasti

È un dato di fatto, mangiare durante tutta la giornata snack come verdure a foglia verde, noci senza zucchero, o qualche fetta di formaggio aiuta ad allontanare la voglia di zucchero. Mantenete diversi cibi integrali e sani a portata di mano, ed evitate la tentazione del distributore automatico alle 3 del pomeriggio ogni giorno.

Provare nuovi spuntini sani

Provate nuovi snack fai da te naturali fatti senza zucchero. Molti dessert possono essere fatti senza dolcificanti aggiunti. Nel corso del tempo, le vostre papille gustative si abitueranno agli alimenti che contengono meno zuccheri aggiunti, quindi siate pazienti e non aspettare che insorgano problemi di salute prima di tagliare l’assunzione di zucchero. La prevenzione è l’arma migliore, provateci e non ve ne pentirete.

La dieta dei tre giorni per disintossicarsi dallo zucchero

come consumare meno zucchero

E’ quasi impossibile sconfiggere la dipendenza da zucchero se non si agisce con forza. Cercando di eliminare lo zucchero nella dieta, molte persone sperimentano i classici sintomi di astinenza di qualunque dipendenza: tristezza, mal di testa, nausea, stanchezza e voglie. In una dipendenza da zucchero, questo accade di solito dopo che un pasto viene digerito: si verifica un desiderio di zucchero e il corpo dice al cervello che ha di nuovo fame. Cosa farebbe una persona dipendente da zucchero in una tale situazione? Mangiare qualcosa di dolce, naturalmente! Finché saziate questa “fame” con i biscotti, la tristezza, il mal di testa e i sentimenti cattivi spariscono, e vi sentirete subito meglio. E’ necessario astenersi dallo zucchero completamente per rompere questo ciclo. Assumerlo con moderazione è solo una scappatoia. Se riuscirete a far fronte al disagio dei primi giorni, sarete sulla strada giusta per sconfiggere la dipendenza e migliorare la vostra salute.

Giorno 1

Colazione: 1 tazza di avena con bacche e semi o mandorle oppure 3 uova strapazzate.
Spuntino a metà mattina: Una piccola ciotola di frutta a guscio.
Pranzo: Petto di pollo con a scelta zucca, carote, barbabietole, pastinaca, rape, fagioli e mandorle.
Cena: pesce alla griglia con una ciotola di fagioli verdi o in alternativa salmone con broccoli e funghi (mangiateli entrambi se siete veramente affamati) saltati in padella.

Giorno 2

Colazione: 1 tazza di avena con bacche e semi o mandorle oppure 3 uova strapazzate con spinaci saltati.
Spuntino a metà mattina: Una piccola ciotola di frutta a guscio.
Pranzo: Zucchini cotti con peperoni rossi e gialli e un condimento di limone, aceto e timo, o un’insalata di cavolo verde e rosso con carote, condito con un olio d’oliva, succo di limone e sale, e guarnito con pezzetti di prezzemolo.
Cena: verdure al vapore a scelta con una casseruola di verdure e fagioli o merluzzo saltato in padella con cavolo cinese, cavolini di Bruxelles o rape.

Giorno 3

Colazione: 1 tazza di avena con bacche e semi o mandorle oppure 3 uova strapazzate con spinaci saltati o una frittata di 3 uova con gamberetti e cavolo saltati, ravanello e insalata di noci.
Spuntino a metà mattina: Una piccola ciotola di frutta a guscio.
Pranzo: cosce di pollo arrosto con Pan-rosmarino, salvia e limone, oppure pollo al forno con cipolla, olive nere e timo.
Cena: funghi con un brodo di aglio, cipolla, carote, sedano, timo e alloro oppure riso con salsa di funghi, basilico e pomodoro.

Bevande per disintossicarsi dallo zucchero

Eliminare le bevande zuccherate dalla dieta è un modo infallibile per battere la dipendenza. Sostituire i succhi di frutta zuccherati con tisane, succhi naturali o intrugli caldi sani aumenterà i vostri sforzi per disintossicarvi e non vi priverà della vostra assunzione di liquidi.

Affettate o tagliate uno di questi frutti: pompelmi, mirtilli, fragole o arance, e anche rosmarino fresco o menta e aggiungeteli a una bottiglia di acqua, conservatela in frigo e bevetela ogni giorno. Potete anche bere un tè verde o una tisana non zuccherata 3 volte al giorno.

Il passo successivo

Dopo aver completato con successo questo programma di disintossicazione di tre giorni, avrete frenato in modo significativo la vostra dipendenza da zucchero. Depressione, stanchezza e mal di testa inizieranno a svanire e vi renderete conto che si può sopravvivere senza zucchero ogni giorno! Il prossimo passo è parlare con il vostro nutrizionista o medico per scegliere un programma di dieta più lungo per mantenere la dipendenza da zucchero a bada, mentre gradualmente incorporate forme sane di zucchero (come frutta, frutta secca e una varietà di dolci a basso contenuto di zucchero) nella vostra dieta giornaliera.

Suggerimenti finali della Nonna

  • State lontani da prodotti come miele, sciroppo d’acero e dolcificanti artificiali. Se siete esposti ad una piccola quantità di zucchero, ne vorrete sempre di più.
  • Combattete le voglie. Sarà una sfida, allacciate le cinture!
  • Sostituite gli alimenti che apportano carboidrati veloci, come pane bianco e succhi di frutta, con cibi a rilascio di carboidrati lenti come i cereali integrali: essi regolano il rilascio di zucchero nel sangue, evitando sovraccarichi di zucchero e le conseguenti voglie.
  • Cucinate sempre con l’olio extravergine di oliva.
  • Consumate un po’ di noci e semi di lino ogni giorno.
  • Mangiare verdure verdi cotte ogni giorno. Dovete mantenere le sostanze nutrienti e micronutrienti nel corpo quando combattete una dipendenza.
  • Cercate di consumare una grande porzione di insalata verde ogni giorno e assicuratevi di scegliere un condimento sano.
  • Mangiate fagioli, ceci e lenticchie tutti i giorni. Non molte persone sanno che legumi e fagioli in un pasto riducono la voglia di zucchero per il pasto successivo.
  • Bevete molta acqua. Fa sempre bene!
Summary
Lo zucchero a tavola: i migliori sostituti, come consumarne meno e come disintossicarsi
Article Name
Lo zucchero a tavola: i migliori sostituti, come consumarne meno e come disintossicarsi
Description
Lo zucchero a tavola: i migliori sostituti, come consumarne meno e come disintossicarsi
Author
Publisher Name
Rimedi della Nonna
Publisher Logo
Loading...
Ancora nessun commento... sii il primo

Lascia un messaggio

Your email address will not be published.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.