Problemi con la tachicardia? Vi aiutano i rimedi naturali!

Rimedi naturali per la tachicardia

 
Problemi con la tachicardia? Vi aiutano i rimedi naturali!

Problemi con la tachicardia? Vi aiutano i rimedi naturali!

Il cuore è una pompa che dirige il flusso sanguigno ed è considerato uno degli organi vitali del nostro corpo. Tuttavia, la sua importanza è raramente percepita, spesso solo in presenza di condizioni come la tachicardia. La tachicardia comune, chiamata anche tachicardia atriale parossistica è un’alterazione del normale ritmo cardiaco che passa da 72 battiti al minuto (in un adulto a riposo) a 120-180-200 in pochi secondi.

Come risultato, il corpo non riceve abbastanza ossigeno e nutrienti per funzionare correttamente. Tra le cause di tachicardia ci sono:

  • Problema congenito
  • Malattie delle arterie o cuore
  • Stati di ansia o stress
  • Tabacco
  • Mancanza di attività fisica
  • Abuso di stimolanti come caffè, tabacco e alcool
  • Emozione momentanea
  • Sforzo
  • Febbre

I sintomi più comuni sono:

  • Palpitazioni
  • Mancanza di respiro
  • Vertigini
  • Stanchezza
  • Dolore toracico
  • Panico accompagnato da nausea
  • Debolezza
  • Sudore
  • Svenimento

Rimedi naturali per la tachicardia

Per prevenire questo disturbo si possono utilizzare i seguenti rimedi naturali:

Rimedio per la tachicardia 1: Preparare un tè con un cucchiaino di fiori secchi o freschi di biancospino in una tazza di acqua che deve bollire per 10 minuti, prenderla due volte al giorno. Questa infusione aiuta a regolare il battito cardiaco e aumenta il potere del muscolo cardiaco abbassando la pressione sanguigna.

Rimedio per la tachicardia 2: Preparare un tè con un cucchiaino di valeriana secca in una tazza di acqua che deve bollire per 10 minuti. La valeriana non solo rassicura la persona, ma aiuta anche a regolare il ritmo cardiaco. Assumerne una tazza preferibilmente la sera.

Rimedio per la tachicardia 3: Fare un tè con fiori secchi di caprifoglio e far bollire per 10 minuti. Prendere due volte al giorno.

Rimedio per la tachicardia 4: Posizionare una manciata di foglie essiccate di verbena limone in una pentola di acqua bollente, lasciar riposare e prendere. Prendere una tazza almeno due volte al giorno.

Rimedio per la tachicardia 5: Versare 3 rami di menta piperita in una tazza di acqua bollente. Coprire e lasciare raffreddare. Prenderne una tazza al giorno.

Rimedio per la tachicardia 6: Versare diverse foglie di lattuga in un litro di acqua bollente. Coprire, filtrare e berne 3 tazze al giorno.

Rimedio per la tachicardia 7: Prendere acqua distillata con fiori di mandarino, in quanto ha proprietà antispasmodiche.

Rimedio per la tachicardia 8: Versare 1 cucchiaino di semi di sedano in polvere in una tazza di acqua bollente. Coprire e lasciare raffreddare. Prendere una tazza di questo tè al giorno.

Rimedio per la tachicardia 9: Macerare una parte vischio in 5 di alcool a 90°. Conservare in frigorifero in un barattolo con chiusura ermetica. Applicare questa preparazione sul petto con un panno umido.

Rimedio per la tachicardia 10: Far bollire per 10 minuti 1 litro di acqua contenente 2 cucchiai di achillea, ginestra, e ruda. Poi coprire e lasciare raffreddare. Filtrare e bere una tazza dopo pranzo e cena.

Rimedio per la tachicardia 11: Mescolare parti uguali di lavanda, passiflora e rosmarino e prenderne un cucchiaio, da versare in una tazza di acqua bollente. Prenderne 3 tazze al giorno con miele. Questo rimedio è l’ideale se la tachicardia è causata da forti emozioni.

Rimedio per la tachicardia 12: Mescolare in parti uguali lavanda, valeriana, melissa e biancospino e prenderne un cucchiaio. Preparare un tè sotto forma di decotto e prenderne 2 tazze al giorno.

Rimedio per la tachicardia 13: Mescolare 10 grammi di melissa in foglie, 15 grammi di tila, 10 grammi di valeriana in polvere e 10 grammi di finocchio. Prenderne un cucchiaio e versarlo in una tazza di acqua bollente. Bere una tazza quando si presentano le palpitazioni e due ore dopo. La dose può essere ripetuta nei giorni successivi.

Raccomandazioni per la tachicardia

Riposo: le persone che lavorano sotto pressione hanno una maggiore disponibilità di soffrire di tachicardia. Questo perché lo stress provoca un guasto della conduzione autonoma del cuore, una perdita di ritmo. E’ importante riposare e imparare a visualizzare le questioni personali e professionali con serenità, tranquillità e calma.

Evitare di assumere caffè, coca cola, tè, cioccolato, pillole dimagranti e stimolanti di ogni genere. E ‘importante per le persone che soffrono di tachicardia ridurre e addirittura eliminare l’uso di stimolanti.

Esercizio fisico. Quando si fa esercizio la frequenza cardiaca aumenta e il cuore tende ad essere ripristinato a un livello inferiore. L’esercizio prevede anche la produzione di adrenalina sana e fa andar via sentimenti ostili o aggressivi che accumulati per le diverse situazioni che si presentano nella vita. Così il cuore soffre meno.

Regolare il vostro pasto sulla base del metabolismo. Le persone con metabolismo veloce dovrebbero mangiare più alimenti ricchi di proteine, perché ci mettono più tempo per essere digerite e aiutano a prevenire che si abbassi troppo lo zucchero nel sangue. Quando si abbassa lo zucchero, si scatena il processo dell’adrenalina che può portare a un aumento della frequenza cardiaca.

Mangiare cibi con magnesio e potassio. Per quanto riguarda il magnesio, esso crea contrazione ritmica e relax e rende il cuore meno in grado di diventare irritato. Gli alimenti ad alto contenuto di magnesio sono, ad esempio, soia, noci, fagioli o legumi e crusca. Per quanto riguarda il potassio, questo è un altro minerale che aiuta ad abbassare l’attività cardiaca e l’irritabilità delle fibre muscolari. Si trova in frutta e verdura.

Prima della comparsa dei sintomi, si consiglia una visita presso uno specialista per una diagnosi corretta. I rimedi naturali vanno integrati con un trattamento medico.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Loading...

Lascia un messaggio alla Nonna

Scrivi il dato mancante dell\'operazione che leggi qui sotto