I rischi del pulire troppo la casa per voi e per l’ambiente

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

 

E’ vero che avere una casa pulita e in ordine è il sogno di ogni casalinga. Tuttavia, spesso la pulizia diventa un’ossessione e può portare a problemi di salute. D’altra parte bisogna essere molto attenti con i prodotti che usiamo, poichè molti di loro sono tossici e nocivi.

In questo articolo la Nonna vi spiegherà quali sono i rischi che correte quando volete mantenere una casa troppo pulita.

Quando la pulizia è un’ossessione

Dicono che tutti gli eccessi sono cattivi. Questo è vero anche quando pensiamo di fare qualcosa per il bene e chi ci circonda. Per la pulizia di casa, molte persone rendono questo compito una malsana ossessione.

Quando qualcuno insiste nel pulire modo persistente e ansioso, cambia il suo umore o il suo stato d’animo se vede un oggetto fuori posto o pulisce la stessa stanza per ore, è perché ha una malattia.

Questo tipo di comportamento rende la persona un “maniaco della pulizia“, e perde la capacità di controllare le sue azioni. L’idea di ordine e pulizia è l’unica cosa che gli passa per la mente. Il soggetto soffre di disturbo ossessivo compulsivo caratterizzato da un’ossessione irrazionale e una costrizione per qualche attività o attività.

Per quanto riguarda la pulizia, può essere l’eccessiva preoccupazione di ammalarsi o diventare contaminati. Pertanto la pulizia di alcune aree o superfici (come il bancone della cucina o il tavolo da pranzo) e lavarsi le mani diventano una via di fuga per lenire l’angoscia e l’ansia. Quando v’è un ossessione per qualcosa, è perché il pensiero è alterato, e quindi certe azioni si ripetono con insistenza. In molti casi la persona non si rende conto del problema o non vuole ammetterlo.

È necessario prestare attenzione ad alcuni segnali che indicano la presenza di un disturbo ossessivo in relazione alla pulizia. Alcuni segni da non ignorare sono:

  • Trascorrere ore a pulire il bagno.
  • Ordinare oggetti al millimetro nella stanza.
  • Mettere in ordine la cucina ogni volta che qualcuno la usa.
  • Camminare con le pattine per casa.
  • Non riuscire a dormire se qualcosa è fuori posto.

Questo non significa che se usate un giorno del fine settimana a pulire casa avete un problema. L’ossessione inizia quando, per pulire, rinunciate ad altre attività come, per esempio, fare una passeggiata con la famiglia o andare a teatro.

pulire casa fa male
Pulizia della casa in eccesso

L’abuso di prodotti per la pulizia è dannoso

Senza raggiungere il punto di avere un ossessione per la pulizia, possiamo parlare di un altro problema comune nelle case di oggi: l’uso di certi prodotti influenzano la salute di tutta la famiglia.

Quando diciamo la parola “inquinamento“, probabilmente si pensa ad un luogo pieno di spazzatura o di smog. Ma anche casa possiamo far danni all’ambiente con le nostre abitudini quotidiane: in casa tipicamente vi sono tra 3 e 5 litri di materiali tossici come detergenti e fertilizzanti per le piante. I prodotti di pulizia più utilizzati (detersivo, candeggina, ecc) portano diversi effetti collaterali come:

  • Problemi respiratori.
  • Disturbi del sistema endocrino.
  • Irritazione agli occhi.

I prodotti per la pulizia inquinano l’aria all’interno delle abitazioni (che può essere fino a 5 volte più torbida di quella in strada). Non sono certo strani casi di eruzioni cutanee, nausea e ustioni causate da questi prodotti che dovrebbero aiutare a rendere casa nostra pulita e disinfettata. A contatto con la pelle o i polmoni, i prodotti per la pulizia possono causare danni come allergie o intossicazioni.

non possiamo dimenticare l’uso di detersivi per bucato, i quali vengono trasferiti sulla pelle, e le cui sostanze respiriamo quando usiamo i vestiti. Il detersivo che usiamo per lavare piatti e bicchieri contiene una sostanza chiamata diossano che è il principale inquinante delle acque sotterranee. La sua tossicità è molto alta e non degrada facilmente come gli altri componenti.

Leggi anche: come pulire il bagno in modo naturale con il sale

La liscivia e suoi effetti sulla salute

La liscivia è considerata il più potente detergente che esista, ma non è innocuo. Scoperto nel 1774, può essere usato per candeggiare certi materiali e, dato che è solubile in acqua, viene utilizzato nella pulizia domestica. La liscivia ha un potere antibatterico molto alto (cloro o candeggina).

Tuttavia, invece di pensare che sarà la nostra salvezza quando uccide i microrganismi che ci fanno male, dobbiamo ricordare che l’uso a lungo termine colpisce anche il nostro sistema immunitario, poichè non sa distinguere i batteri buoni da quelli cattivi.

Inoltre, la liscivia produce bruciature cutanee, irritazione oculare e delle mucose, reazioni respiratorie e cali di pressione dell’ossigeno nel sangue. E’ particolarmente dannosa per i bambini sotto i 12 anni, ed aumenta la probabilità di problemi come sinusite, polmonite o bronchite. Come se non bastasse, il cloro o la candeggina squilibrano l’ambiente e inquinano il suolo, l’acqua e l’aria.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Summary
I rischi del pulire troppo la casa
Article Name
I rischi del pulire troppo la casa
Description
I rischi del pulire troppo la casa
Author
Publisher Name
Rimedi della Nonna
Publisher Logo
Loading...
Nessun commento...sii tu il primo

Rispondi

Il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.