Rimedi naturali della Nonna per pulire l’argento

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

L’argento è un elemento chimico metallico spesso usato per realizzare gioielli e argenteria. Purtroppo la sua composizione fa si che sia facilmente soggetto a striature “nere – marroni – macchie” – in sostanza all’appannamento. L’appannamento rende l’argento non bellissimo da vedere, e spesso si cercano dei prodotti per lucidare i vostri oggetti.

La patina scura in superficie dell’argento è causata dall’ossidazione a contatto con l’aria (il fenomeno è dovuto al fatto che l’argento metallico reagisce con i composti solforati normalmente presenti nell’aria formando una sottile patina di solfuro d’argento di colore nero). Anche se i popoli orientali, come i giapponesi, amano la raffinatezza dell’argento opacizzato, noi occidentali preferiamo lo splendore folgorante della pulizia. Senza spendere dei soldi per prodotti specifici, e magari non propriamente salutari, potete utilizzare i rimedi naturali della nonna: come sempre sono rimedi casalinghi di facile realizzazione.

Rimedi casalinghi per la pulizia dell’argento

La pulizia periodica degli oggetti d’argento è utile a renderlo più pulito nel tempo e di facile pulizia ogni volta – la Nonna consiglia di pulire gli oggetti d’argento almeno ogni 15 giorni a rotazione tra loro se ne avete tanti.  E’ utile prevenire e curare l’argento così da non permettere, ai vostri orecchini, braccialetti o anelli,  di lasciare dei segni sulla vostra pelle o sui vestiti.

Consiglio: quando pulite i vostri oggetti in argento, indossate dei guanti di cotone per evitare di trasferire gli oli e acidi che sono sulle mani. Ora che lo sapete, ecco quali sono, secondo la Nonna, i migliori rimedi per pulire l’argento:

Foglio di alluminio

Per vivacizzare l’argento opaco, procedete alla lucidatura con un foglio di alluminio, così da creare una reazione molecolare chiamata  “scambio ionico”. La lamina d’alluminio farà da catalizzatore. Foderare una teglia con un foglio di alluminio e riempite con acqua fredda. Aggiungere due cucchiaini di sale. Mettete l’argenteria nella teglia  con la soluzione. Lasciate agire per 2-3 minuti, risciacquare e asciugate.

ecco il risultato sui cucchiaini dopo aver applicato i rimedi della nonna per pulire l'argento

Amido di granturco

Per dare splendore alla vostra argenteria, create una pasta di farina di grano e acqua. Applicate il composto con un panno umido sulla vostra argenteria. Lasciatelo asciugare, e successivamente strofinare con un panno morbido.

Ketchup

Per aggiungere lucentezza ai vostri gioielli d’argento ossidati, metteteli in una piccola ciotola piena di ketchup per un paio di minuti. Questo rimedio funziona su anelli, bracciali e orecchini con una superficie liscia. Per i gioielli con una superficie “rigata”, per far lavorare al meglio il ketchup dentro le fessure, utilizzate un vecchio spazzolino da denti. Ma attenzione: lasciare l’argento troppo a lungo nel ketchup  può rovinarlo.

Latte

Il Latte acido (scaduto) ha il “potere” di ringiovanire l’argenteria offuscata. Immergete l’oggetto d’argento nel latte per 30 minuti, così da allentare l’appannamento. Trascorso il tempo lavate con acqua calda e sapone. In fine strofinate con un panno morbido. Se non avete del latte acido in casa, potete aggiungere un po’ d’aceto al latte fresco.

Ammoniaca

L’ammoniaca aggiunge lucentezza agli oggetti d’argento ossidati: con delicatezza strofinate gli oggetti con una spazzola morbida, dopo averla immersa in una piccola quantità di ammoniaca. Asciugare il liquido in eccesso con un panno morbido.

Banana

Sembrerà strano, ma l’interno della buccia di banana può essere molto utile per lucidare l’argenteria. Prima di utilizzare la buccia di banana, rimuovete qualsiasi materiale filamentoso dalla parte interna della buccia. Strofinate la parte interna sull’argenteria, e in conclusione lucidate con un tovagliolo di carta o un panno morbido.

Leggi anche: Rimedi per riutilizzare le bucce di banana

Dentifricio

Prendete un panno morbido e pulito, applicate del dentifricio bianco sopra l’argento ossidato. L’oggetto da lucidare deve essere totalmente coperto, una volta fatto lasciate asciugare il dentifricio – ci vorranno circa 2/3 minuti. Sciacquate gli oggetti d’argento con acqua corrente tiepida. Per concludere asciugate con cura con un panno asciutto. Attenzione: Non usate il dentifricio in gel o correrete il rischio di danneggiare i vostri oggetti d’argento.

pulizia dell'argento con i rimedi della nonna

Patate

Per una pulizia veloce dell’argenteria, se state cucinando delle patate lesse, non buttate via l’acqua di cottura, ma riutilizzatela in questo modo: posizionare  l’argenteria nell’acqua rimanente e lasciatela “riposare” per un’ora (l’acqua non deve essere fredda). Trascorsa l’ora, sciacquate e asciugate.

Aceto

Un altro rimedio della Nonna semplice e veloce per far splendere la vostra argenteria è quello di lasciare i vostri oggetti d’argento (consigliati, per praticità, oggetti piccoli – braccialetti, anelli, orecchini) a bagno per tre ore in una soluzione composta da 100 ml d’aceto bianco e due cucchiai di bicarbonato di sodio. Trascorso il tempo indicato, lavare sotto acqua fredda e asciugate, con cura, con un panno morbido.

Gesso

Per rallentare l’appannamento  dell’argento, mettete 1-2 pezzi di gesso nel cassetto con il l’argento. Il gesso assorbirà l’umidità e rallentare il processo di ossidazione. È inoltre possibile utilizzare questo rimedio nella tua trousse di gioielli.

Come pulire l’argento con il sale

Il sale è da sempre una materia prima molto importante. Adesso che non è più prezioso come una volta lo utilizziamo per insaporire i cibi, ma è anche un prezioso alleato per le faccende domestiche. Per pulire l’argento ad esempio, riempite d’acqua una bacinella e aggiungete un cucchiaio di sale grosso. Immergete l’argenteria e lasciatela in ammollo per una decina di minuti, poi asciugatela con un panno pulito. Per le macchie difficili preparate una pasta con un cucchiaio di sale, uno di bicarbonato di sodio e poca acqua. Con un panno in microfibra leggermente inumidito prendete un po’ della pasta e strofinate l’argento facendo un po’ di pressione. Lasciatelo poi ancora in ammollo in acqua e sale. Asciugate bene e infine, con una microfibra molto morbida, lucidate bene.

Summary
Rimedi naturali della Nonna per pulire l'argento
Article Name
Rimedi naturali della Nonna per pulire l'argento
Description
Rimedi naturali della Nonna per pulire l'argento
Author
Publisher Name
Rimedi della Nonna
Publisher Logo
Loading...
6 Commenti
  1. io come rimedio ho sempre usato il Foglio di alluminio, l’unica cosa il pentolino foderato lo metto a bollire mentre qui dice che l’acqua deve essere fredda!
    Cmq funziona e lo consiglio a tutti perchè è molto veloce 🙂
    Qualche tempo fa avevo preso preso uno snake (collana) su ebay annunci..dopo poco è diventata nera e così pensavo di aver preso una fregatura…invece in questo modo sono riuscita a farla tornare slendente meglio addirittura di quando l’ho comprata 🙂

    1. Ho sentito consigliare per la pulizia dell’argento di usare l’acqua di cottura delle patate ,sapete darmi delle risposte in merito ?anche perchè non è stato precisato se le patate sono state bollite sbucciate o no. Ciao un saluto in attesa di una gradita risposta. Gianni O.

  2. ho provato a pulire l argento con il foglio di alluminio nella teglia e il sale, non si e pulito ho sbagliato io. GRAZIE

  3. Ragazzi grazie mille ma grazie a Lulu ho pulito la mia collana in pochissimo tempo ed è più bella di prima. Usate il dentifricio e vedrete che sarete soddisfatti. Lory

Lascia un messaggio

Your email address will not be published.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.