Vitamina C fatta in casa: come si fa e come si usa

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

 

L’acido ascorbico o vitamina C è coinvolto in numerose funzioni del corpo, come ad esempio un adeguato assorbimento del ferro, la sintesi del collagene e dei globuli bianchi. È un nutriente che di solito non provoca tossicità per il corpo quando viene ingerita in grandi quantità, poiché, essendo solubile in acqua, viene espulsa attraverso l’urina e mantiene i livelli richiesti per il corpo.

Tuttavia, come supplemento è controindicato nei pazienti con calcoli renali, poichè può aggravare la situazione. Tralasciando questo, la vitamina C è una delle più importanti sostanze per il sistema immunitario del corpo, poiché è essenziale per migliorare la risposta a varie malattie.

Per questo motivo è essenziale incorporarla naturalmente nella dieta, aumentando il consumo di alimenti che la contengono o preparando un integratore da fonti naturali.

Stavolta la Nonna vi insegnerà a preparare la vitamina C fatta in casa, che permetterà di aggiungerla più facilmente al cibo senza scuse.

Come fare la vitamina C fatta in casa naturale per rafforzare le difese

Anche se in farmacia ci sono diverse forme di vitamina C, molti operatori sanitari suggeriscono che è meglio assumerla di origine naturale.

Tuttavia, come sappiamo che molti hanno difficoltà ad ottenere il cibo che la fornisce, quindi per facilitare l’assunzione adeguata è possibile fare la vitamina C fatta in casa, creando un integratore con bucce di agrumi, che contengono fino a 10 volte più vitamina C del succo di frutta.

Ingredienti

  • 2 bucce d’arancia o di limone fresco
  • un foglio di carta da forno
  • 1 tritatutto

Procedimento

  • Mettete le bucce su una teglia per alimenti e portatela a 40° C per 18 o 24 ore.
  • Una volta asciutte, disidratate e croccanti, fate passare le bucce attraverso il tritatutto per renderle polvere.
  • Conservate il composto in un contenitore ermetico a temperatura ambiente.

Come si usa

Aggiungete un cucchiaio di polvere di vitamina C fatta in casa nei frullati, succhi di frutta, insalate o in un bicchiere di acqua tiepida. Consumatela quotidianamente, soprattutto se non assumete altre fonti di questo nutriente.

Benefici della vitamina C fatta in casa per rafforzare le difese?

vitamina c fatta in casa
Vitamina C fatta in casa. Semplicissima da fare con i rimedi della Nonna!

La vitamina C ha la capacità di modulare il sistema immunitario del corpo per aumentare la resistenza agli attacchi di vari tipi di malattie batteriche e virali.

L’apporto giornaliero aumenta l’attività fagocitica delle cellule, che migliora la capacità di riconoscere questi patogeni che attaccano la salute. Può attivare macrofagi responsabili di stimolare la fagocitosi dei corpi estranei nel corpo e, a loro volta, aumentare la produzione di anticorpi.

La vitamina C è considerata inoltre un potente antiossidante naturale, adeguata per inibire l’azione negativa dei radicali liberi e lo stress ossidativo. La sua assunzione giornaliera migliora quasi tutte le funzioni corporee, dal momento che è un cofattore in molte reazioni enzimatiche vitali.

Nel complesso, il consumo di vitamina C aiuta a:

  • Controllare allergie, raffreddori e influenza.
  • Prevenire lo sviluppo di infezioni cutanee.
  • Prevenire le infezioni del tratto urinario.
  • Regolare il metabolismo cellulare.
  • Aiutare la disintossicazione da metalli pesanti.
  • Trattare malattie infiammatorie e le articolazioni.
  • Prevenire i vari tipi di tumori.
  • Sintetizzare collagene e proteggere la cartilagine.
  • Impedire rughe premature della pelle.
  • Sintetizzare ormoni e neurotrasmettitori.
  • Alleviare lo stress fisico e mentale.

Fatti importanti da sapere sulla vitamina C

Per cominciare, meglio consumare dosi basse e, in seguito, aumentarle fino a raggiungere i livelli giornalieri raccomandate: 75 mg al giorno per le donne, e 90 mg al giorno per gli uomini. I fumatori hanno bisogno di una maggiore quantità di vitamina C, almeno 110 mg al giorno, mentre i fumatori passivi dovrebbero consumarne almeno 100 mg al giorno. In ogni caso superare i 1000 mg consumo giornaliero non è raccomandato perché può portare a mal di stomaco e diarrea.

Un’unica arancia fornisce circa 53 mg di vitamina C, cioè, fino a 80 mg per 100 grammi. Ma si ossida facilmente e richiede quindi attenzione quando viene esposta alla luce solare, all’aria o all’acqua.

Dato che una delle sue funzioni principali è quella di aiutare ad assorbire il ferro, la Nonna consiglia di aumentarme l’assunzione durante il trattamento dell’anemia.

Pronti a beneficiare della vitamina C fatta in casa? Cominciate a includerla nella vostra dieta tutti i giorni e scoprirete che sarà un grande sostegno per la vostra salute.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Loading...
Nessun commento...sii tu il primo

Rispondi

Il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.