Le 5 nuove malattie causate da Internet

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

 

Internet ha cambiato il modo in cui socializziamo, lavoriamo, viaggiamo e impariamo, ma ha anche cambiato la nostra salute. La prevalenza dell’utilizzo di Internet e la tecnologia mobile ha portato alla nascita di nuove malattie che non esistevano vent’anni fa. Comprendono sia sintomi mentali che fisici, e queste malattie e sindromi variano in gravità, da lievi a fastidiose, da rischiose per la vita a pericolose. Ecco cinque delle nuove malattie introdotte da Internet.


 

1. L’effetto Google

Internet fornisce accesso immediato a grandi quantità di informazioni, ma questo accesso ha un prezzo. A partire dal 2011, i ricercatori hanno cominciato a notare che l’accesso a internet si correla ad una diminuzione della memoria e della funzione cognitiva. I loro studi hanno concluso che la possibilità di recuperare le informazioni da Internet in qualsiasi momento diminuisce la capacità di ricordare e conservare tali informazioni.

Noto come Effetto Google, il fenomeno è nuovo e gli scienziati non conoscono le conseguenze a lungo termine che avrà sul funzionamento del cervello e della memoria. Tuttavia, hanno scoperto anche che siamo più propensi a ricordare le informazioni che non pensiamo di poter ritrovare su Internet.

2. Sindrome dello squillo fantasma

Sentite mai il vostro telefono cellulare vibrare solo per scoprire che nessuno ha chiamato? Se siete fotemente dipendenti dal telefono, è possibile che questa sensazione si verifichi così frequentemente da alterare i segnali nel cervello.

Nota come sindrome dello squillo fantasma o sindrome della vibrazione fantasma, questa sensazione può essere accompagnata da altri sintomi, come un prurito sulla gamba sotto una tasca o la sensazione che qualcuno tocchi il braccio che tiene la vostra borsa. Poichè il vostro cervello è stato programmato per rimanere in allerta per sentire il telefono che squilla, questa sensazione invia una raffica di messaggi attraverso i neurotrasmettitori nel cervello, e ciò può provocare sensazioni estreme di piacere o ansia, a seconda del rapporto che avete con il vostro telefono. In casi estremi, questo può creare un bisogno ossessivo compulsivo di controllare il telefono.

3. Nomofobia

Abbreviazione di “no mobile fobia“, la nomofobia è un tipo di ansia estrema e talvolta debilitante che nasce dal non essere in grado di accedere ai dispositivi mobili.

La nomofobia è più comune tra gli utenti che usano in dosi massicce la tecnologia mobile. Ad esempio, pensate a qualcuno che controlla compulsivamente il proprio telefono ogni pochi minuti. Avere il proprio telefono a corto di batteria, essere obbligati a spegnerlo, o scoprire di averlo lasciato da qualche parte può causare un enorme aumento di ansia (o addirittura un attacco di panico), che può non placarsi fino a quando si torna ad avere di nuovo l’accesso al dispositivo mobile. Il problema è diventato così grave e diffuso tra gli utenti mobili che è stato aggiunto alla versione più recente del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5). Molte strutture di salute mentale stanno sviluppando trattamenti per questo tipo di ansia.

4. Dipendenza dal gioco online

Molti utenti giocano ai giochi online di tanto in tanto. Ma per alcuni di essi, il gioco online multiplayer non è più un hobby. Si tratta di una dipendenza, alimentata dal rinforzo positivo che ricevono dal giocare. La dipendenza dal gioco online si manifesta come un bisogno compulsivo di giocare a scapito delle relazioni sociali, di andare al lavoro o a scuola, e anche dell’igiene personale e della salute.

Le statistiche sul numero di giocatori che soffrono di dipendenza variano sensibilmente. Uno studio del 2010 ha rilevato che l’8% della popolazione in Corea del Sud di età compresa tra 9 e 39 anni è dipendente dal gioco online, mentre uno studio del 2014 a Hong Kong ha stabilito che il 15,6% dei partecipanti allo studio ha mostrato sintomi di una dipendenza da gioco online. I ricercatori si aspettano che il numero continuerà ad aumentare, e anche se non è attualmente incluso nel DSM-5, è incluso nella sezione III, il che significa che è probabile ulteriore ricerca sulle cause e sul trattamento della dipendenza da gioco online.

5. Cybersickness

Quando ci si muove, i segnali che il cervello riceve dai cinque sensi concordano. Ma quando il senso di movimento non corrisponde al senso della vista, il cervello reagisce come se fosse avvelenato, con conseguenti vertigini e nausea, che avvengono mentre il corpo cerca di liberarsi dal veleno.

La forma più comune di questa sensazione è la cinetosi, ma ce n’è un altro tipo causata dall’uso di Internet e dei dispositivi mobili, chiamato cybersickness. Questa malattia ha tutti i sintomi associati alla cinetosi, ma è causata dal disorientamento causato dalla realtà virtuale, dalla tecnologia 3D, o anche dagli smartphone. Alcune persone sono più inclini al problema rispetto ad altri; coloro che sono sensibili possono sperimentare mal di testa, vertigini, nausea e vomito.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Loading...
Nessun commento...sii tu il primo

Rispondi

Il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.