Come sbarazzarsi dell’acne del cuoio capelluto

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (5 voto/i, media: 3,60 su 5)
Loading...

Succo di pomodoro

I pomodori sono una fonte eccellente di acido salicilico, molto efficace nel trattamento di qualsiasi tipo di acne. I pomodori contribuiscono anche a ridurre la produzione di sebo, una delle cause dell’acne del cuoio capelluto, e aiutano a mantenere un pH sano. Applicate del succo di pomodoro fresco in modo uniforme sul cuoio capelluto e attendete 10 minuti, quindi risciacquate i capelli con acqua tiepida. Ripetete una volta al giorno per alcuni giorni.

Un altro rimedio della Nonna molto efficace è quello di preparare una miscela con un cucchiaio di succo di pomodoro, qualche goccia di succo di limone e mezzo cucchiaino di miele. Immergete un batuffolo di cotone dentro e applicatelo sulle zone colpite. Attendete 5 minuti, quindi risciacquate con acqua tiepida. Utilizzate questo rimedio una volta al giorno per un paio di giorni.

Miele

Il mieleha proprietà antibatteriche e antiossidanti che aiutano a inibire la crescita dei batteri che causano l’acne del cuoio capelluto. E’ anche efficace nel ridurre l’arrossamento e il dolore. Tamponate un po’ di miele sulla zona interessata e attendete 10 minuti prima di risciacquare con acqua tiepida. Ripetete l’operazione due volte al giorno per un paio di giorni per ottenere i migliori risultati. In alternativa, mescolate due cucchiai di miele e un cucchiaino di cannella. Applicate sul cuoio capelluto con le dita, attendete 20 minuti, quindi risciacquate con acqua tiepida. Utilizzare questo rimedio della Nonna una volta al giorno.

Aglio

Un altro popolare rimedio della Nonna che aiuta a guarire l’acne cuoio capelluto è a base di aglio, che ha proprietà antiossidanti e antibatteriche che aiutano a trattare l’acne del cuoio capelluto causata da infezione batterica. L’aglio può anche lenire l’infiammazione, ridurre il dolore e velocizzare il processo di guarigione. Fate bollire 4 spicchi d’aglio sbucciati in un litro d’acqua per 5 minuti, poi coprite e lasciate raffreddare. Rimuovete gli spicchi d’aglio e utilizzate l’acqua per lavare i capelli. Attendete 10 minuti, quindi risciacquate con acqua pulita. Ripetete una volta al giorno.

In alternativa, potete applicare spicchi d’aglio schiacciati o qualche goccia di olio all’aglio direttamente sulla zona interessata, 2 o 3 volte al giorno. Per mantenere il cuoio capelluto e la pelle libera dall’acne, includete l’aglio nella vostra dieta.

Foglie di betel

Nella medicina ayurvedica, le foglie di betel sono spesso utilizzate per il trattamento di diversi tipi di problemi della pelle, tra cui l’acne. Le foglie hanno proprietà antimicrobiche e antisettiche che aiutano a curare e prevenire l’acne del cuoio capelluto. Ecco un utile rimedio della Nonna: sminuzzate alcune foglie di betel fresche per fare una pasta fine, e applicatela sulla zona interessata. Lasciate agire per 30 minuti, poi risciacquate con acqua fredda e ripetete 2 o 3 volte al giorno.

Potete anche mettere dell’olio di ricino caldo su una foglia di betel e metterla sopra l’area interessata prima di andare a letto. La mattina seguente, lavate i capelli e ripetete tutti i giorni.

Igiene del cuoio capelluto

Per trattare e prevenire i problemi del cuoio capelluto come l’acne, è necessario prendersi cura dei capelli. In primo luogo, è necessario lavarli regolarmente per evitare l’accumulo di residui oleosi sul cuoio capelluto. Potete utilizzare uno shampoo contenente acido salicilico per la lotta contro l’acne. Tenete puliti pettini, spazzole, bigodini e fermagli e assicuratevi di lavare cappelli e asciugamani. Se la vostra testa suda molto, sciacquate i capelli e il cuoio capelluto ogni sera con semplice acqua. Quando lavate i capelli, massaggiate il cuoio capelluto per un paio di minuti: ciò contribuirà a sciogliere lo sporco, i detriti e il ​​sudore migliorando la circolazione.

Quando avete a che fare con l’acne del cuoio capelluto, state lontani da prodotti grassi per capelli come cera, gel, mousse e spray per capelli. Questi prodotti ostruire i pori. Chi ha i capelli grassi dovrebbe usare poco il balsamo, in quanto potrebbe aggravare il problema. Evitate di utilizzare il balsamo per un paio di settimane per aiutare a prevenire i focolai di acne. Se usate un balsamo, applicatelo solo sui capelli evitando di usarlo sulle radici.

Ulteriori suggerimenti

  • Applicate un caldo panno umido o comprimete la zona colpita più volte al giorno per alleviare il disagio e aiutare il drenaggio dell’acne, se necessario.
  • Evitate di radervi la testa quando soffrite di acne del cuoio capelluto, perchè aumenta il rischio di infezione.
  • Non strizzate o graffiate l’acne, in quanto potrebbe portare a infezioni e rallentare la guarigione.
  • Bevete bevande disintossicanti per purificare il corpo dalle tossine e dai rifiuti che causano questi problemi.
  • Evitate cibi grassi, fritti e piccanti.
  • Controllate il vostro livello di stress, in quanto può peggiorare la situazione.
  • Proteggete la testa dal sole quando uscite d’estate.
  • Chi ha i capelli lunghi è a più alto rischio di acne del cuoio capelluto, quindi, se volete, provate un taglio di capelli più corto.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Summary
Come sbarazzarsi dell'acne del cuoio capelluto
Article Name
Come sbarazzarsi dell'acne del cuoio capelluto
Description
Come sbarazzarsi dell'acne del cuoio capelluto, gli ottimi consigli della Nonna
Author
Publisher Name
Rimedi della Nonna
Publisher Logo
Ancora nessun commento... sii il primo

Lascia un messaggio

Your email address will not be published.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.