Come fare meno spazzatura e salvare l’ambiente

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

 

E’ bello usare una bottiglia d’acqua riutilizzabile o prendere l’abitudine di riciclare le confezioni di cartone, ma la verità è che c’è molto di più che si può fare per l’ambiente. Dalla cucina al bagno e non solo, ci sono un sacco di modi creativi per adottare uno stile di vita più sostenibile. Se volete rendere il vostro 2016 più verde, seguire questi rimedi della Nonna per fare meno spazzatura in tutti i settori della vostra vita domestica.


 

Sostituire il detergente con le noci del sapone

Per lavare i vestiti, provate a usare le noci del sapone al posto delle bottiglie di plastica di detersivo. Queste bacche contengono naturalmente un tipo di sapone chiamato saponina, che rimuove le macchie e vi libera dalla spazzatura. Questo potrebbe sembrare strano, ma funzionano davvero! Tutto quello che dovete fare è mettere le noci del sapone in un sacchetto di cotone, metterle in ammollo in acqua calda per 3-5 minuti, e poi metterle assieme al bucato.

Usare uno spazzolino da denti compostabile

La maggior parte degli spazzolini da denti devono essere gettati via quando si usurano, ma gli spazzolini da denti di bambù sostenibili sono una storia diversa. A parte le setole di nylon, ogni parte dello spazzolino di bambù può essere compostato!

Leggi anche: Dieci modi per riutilizzare lo spazzolino da denti

Articoli da bagno fai da te

Troppi gel doccia, creme idratanti e simili sono confezionati in contenitori che sono solo parzialmente riciclabili (o addirittura non sono riciclabili per niente). Per ovviare a questo problema e anche per ridurre l’esposizione a sostanze chimiche potenzialmente tossiche, provate a farvi da soli i vostri articoli da bagno. Questo è un processo emozionante e divertente e potrete rimanere sorpresi da quanti ingredienti potenziali avete già nella vostra casa! Ecco alcuni esempi:

Scegliere rasoi riutilizzabili

Certo, i rasoi usa e getta possono essere molto convenienti, ma non sono così gentili con il pianeta. Investite invece in un rasoio elettrico di buona qualità, o esaminate la possibilità di un rasoio di sicurezza. Quest’ultimo può essere difficile da abituarsi in un primo momento, ma in genere fornisce ottimi risultati.

Usare strofinacci riutilizzabili

Basti pensare a quanti strofinacci usa e getta avete buttato via nella vostra vita finora! E’ possibile rendere la vostra casa più eco-friendly (e risparmiare), acquistando strofinacci lavabili o persino usando i vostri vecchi abiti. Se vi assicurate che i panni sono realizzati con materiali naturali, potete anche compostare i panni quando dovete buttarli via.

Usare il proprio contenitore di cibo da asporto

Sia che vogliate mangiare qualche gustoso cibo cinese sia che semplicemente vogliate portare via da casa vostra gli avanzi di un pasto abbondante, assicuratevi di avere un contenitore riutilizzabile (preferibilmente di acciaio inox) con voi. In questo modo, non dovrete usare i contenitori usa e getta che i ristoranti tendono ad offrire e farete meno spazzatura.

Usare bicchieri o tazze riutilizzabili

La maggior parte delle grandi catene di fast food usano tazze e bicchieri che finiscono direttamente in discarica dopo che sono state usate. Di conseguenza, vale la pena prendersi del tempo per comprare un bel bicchiere riutilizzabile che è possibile usare a casa o portarsi dietro. Alcuni dei migliori hanno una protezione intorno alla metà, che aiutano a evitare che vi scottiate le dita!

Usare shampoo solido anzichè liquido

Gli shampoo solidi eliminano le bottiglie di plastica dall’equazione, riducendo in modo significativo la quantità di spazzatura che si produce in un anno. Essi sono disponibili in una varietà di profumi e formulazioni, e sicuramente ne troverete uno che soddisfa il vostro tipo di capelli. Ad esempio, i negozi che vendono cosmetici fatti a mano hanno tutti una vasta gamma di questi prodotti.

Sacchetti per alimenti in rete

E’ sano e naturale fare scorta di frutta e verdura al supermercato, ma è uno spreco continuare ad utilizzare i sacchetti di plastica sottili. Invece di utilizzare questi, comprate alcuni sacchetti riutilizzabili in rete e usateli per confezionare i vostri prodotti freschi. Potete utilizzare questa stessa borsa per portarsi dietro spuntini in viaggio ma assicuratevi che il rivestimento non contenga sostanze potenzialmente pericolose come piombo o ftalati.

Coppetta mestruale

Le donne sanno benissimo quanta spazzatura fanno utilizzando tamponi o assorbenti. Una coppetta mestruale è un’alternativa riutilizzabile, e a molte donne piace usarle una volta abituate al metodo. Nel frattempo, se non vi piace l’idea di una coppetta mestruale o non l’avete trovata confortevole finora, usare assorbenti lavabili è una buona opzione che contribuisce ancora a proteggere l’ambiente e fare meno spazzatura (e consente di risparmiare denaro per giunta).

Via i fazzoletti di carta

Infine, invece di comprare scatole e scatole di fazzoletti di carta, investite in un fazzoletto di stoffa, o fatene uno da alcuni materiali che avete in giro per casa. Alcune persone temono che i fazzoletti di stoffa non siano puliti, ma ricordate che potete lavarli tutte le volte che volete, e diventano impuri soltanto quando avete un brutto raffreddore (ma per quello ci sono i rimedi della Nonna!)

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Loading...
Nessun commento...sii tu il primo

Rispondi

Il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.