Rimedi della Nonna contro le infezioni agli occhi

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (44 voto/i, media: 4,00 su 5)
Loading...

 

Un’infezione all’occhio è un problema molto comune che può colpire persone di ogni età. L’infezione può essere dovuta a batteri, virus, allergie o altri mezzi microbiologici e può interessare uno o entrambi gli occhi. Ci sono molti diversi tipi di infezioni oculari, come:

  • Congiuntivite: Questa infezione provoca arrossamento dell’occhio e causa irritazione. Di solito è dovuta ad un virus, ma a volte può essere batterica o causata da una reazione allergica.
  • Blefarite: Accade quando le piccole ghiandole vicino alla base delle ciglia si occludono e le palpebre si infettano, portando intenso prurito e bruciore. Può anche causare lacrimazione intermittente e la sensazione di sentirsi qualcosa negli occhi.
  • Cellulite orbitale: In questa infezione batterica, i tessuti circostanti l’occhio si infettano. Può essere una pericolosa infezione e può portare a problemi duraturi.
  • Cheratite: Questa infezione coinvolge batteri, virus, funghi o parassiti ed è causata principalmente dalla presenza di un corpo estraneo nell’occhio che provoca lesioni alla cornea.

Deficienze immunitarie, traumi, interventi chirurgici, esposizione a sostanze chimiche nocive, scarsa igiene e contagio possono anch’essi portare a infezioni di vario tipo.

Alcuni sintomi comuni delle infezioni oculari sono eccessiva lacrimazione, rossore, palpebre gonfie, dolore, prurito, sensazione di sabbia negli occhi o croste intorno all’occhio. I sintomi possono variare in intensità da lieve a grave, a seconda della portata e del tipo di infezione. Un’infezione agli occhi in genere non è un problema permanente e raramente è una seria preoccupazione per la salute, ma può causare molto disagio. Tuttavia è importante farla controllare da un medico per escludere qualsiasi problema grave che potrebbe danneggiare la retina, i vasi sanguigni o il nervo ottico all’interno dell’occhio, se non trattata. Nel frattempo potete provare molti rimedi della Nonna facili, poco costosi ed efficaci per ridurre i sintomi e accelerare il processo di guarigione. Ecco i migliori rimedi della Nonna per le infezioni oculari.

Impacchi caldi

Questo è uno dei rimedi della Nonna più efficaci per la congiuntivite. Il calore dell’impacco caldo aumenta la circolazione del sangue e favorisce la guarigione, e contribuisce anche a ridurre il dolore e il gonfiore e a prevenire ulteriori infezioni. Immergete un asciugamano pulito e privo di lanugine in acqua calda e strizzate il liquido in eccesso, e tenere questo caldo panno umido sulla palpebra chiusa per 5 minuti alla volta. Ripetete un paio di volte pulendo eventuali residui oleosi raccolti sulle palpebre o ciglia con un panno pulito. Utilizzate questo trattamento più volte al giorno fino a quando non starete meglio. Se l’infezione è in entrambi gli occhi, utilizzate impacchi caldi separati per ciascun occhio.

Eufrasia

L’Eufrasia è un trattamento a base di erbe efficace per le infezioni agli occhi e l’irritazione, soprattutto congiuntivite. L’eufrasia combatte l’infezione e l’essiccazione dell’occhio accelerando il processo di guarigione e prevenendo la diffusione dell’infezione. Fate bollire un cucchiaino di eufrasia in un bicchier d’acqua per circa 10 minuti, lasciate raffreddare poi filtrate utilizzando una garza pulita. Utilizzate questa soluzione per lavare gli occhi un paio di volte al giorno. Potete anche utilizzare l’Euphrasia sottoforma di medicinale omeopatico (collirio al 10%) per sbarazzarvi dell’irritazione agli occhi. Mettete una goccia in ogni occhio un paio di volte al giorno tutti i giorni fino a quando l’infezione non sarà scomparsa.

Soluzione salina

È possibile utilizzare una soluzione salina fatta in casa per sbarazzarsi di un’infezione agli occhi, un ottimo rimedio per occhi irritati, infiammati e prurito. Aiuta a mandar via i detriti raccolti negli occhi e controlla l’infezione, assicurando così che non si diffonda. Mescolate un cucchiaino di sale in un bicchier d’acqua, fate bollire e lasciate raffreddare completamente. Usatela per sciacquare abbondantemente l’occhio interessato un paio di volte al giorno. Attenzione: Se possibile, usate acqua distillata in quanto l’acqua di rubinetto può contenere sostanze chimiche e impurità.

Argento colloidale

L’argento colloidale può essere utilizzato per ridurre irritazione e prurito causati da infezioni virali e batteriche. Esso contiene minuscole particelle di argento sospese in acqua che, se usate come collirio, raccolgono le cellule infette attirandole elettromagneticamente. Queste cellule infette vengono poi inviate nel flusso sanguigno per essere eliminate. Mettete 2 gocce di argento colloidale in ogni occhio e battete le ciglia, ripetete due volte al giorno fino a quando l’infezione non sarà scopmarsa.

Miele

Il miele ha proprietà antibatteriche che possono uccidere i batteri nocivi negli occhi i quali causano infezioni. Per ottenere i migliori risultati, utilizzate il miele di manuka o miele biologico. Mescolate in parti uguali miele e acqua distillata e utilizzando un batuffolo di cotone pulito, applicate la soluzione sull’occhio. Utilizzate questo rimedio della Nonna 2 o 3 volte al giorno fino a quando i sintomi non saranno scomparsi. Potete anche mettere una goccia di miele direttamente negli occhi: esso aiuterà a sbarazzarvi di tutta la sporcizia e detriti negli occhi. Usatelo 2 o 3 volte al giorno.

Tè verde

Il tè verde è ricco di acido tannico che può aiutare a tenere a bada le infezioni. Esso può fornire sollievo dal prurito agli occhi, così come ridurre il gonfiore. Il tè verde contiene una varietà di sostanze nutritive e antiossidanti che contribuiscono alla salute generale degli occhi: immergete 2 bustine di tè verde in acqua calda per alcuni secondi, rimuovetele, fate uscire l’acqua in eccesso e mettete sia il tè che le bustine in frigorifero a raffreddare. In primo luogo, usate il tè freddo per lavare gli occhi. Poi, posizionate le bustine umide fredde sugli occhi chiusi per 10 minuti. Ripetete fino a 3 volte al giorno fino a quando i sintomi non saranno scomparsi. Invece delle bustine di tè verde, è possibile utilizzare anche quelle di tè nero.

Camomilla

La camomilla è nota per le sue proprietà anti-irritanti, anti-infiammatorie e antimicrobiche, che la rende incredibilmente efficace per il trattamento della congiuntivite. Le sue proprietà lenitive e calmanti contribuiscono a ridurre rossore, irritazione e gonfiore sotto gli occhi. Mettete un cucchiaino di fiori secchi di camomilla in una tazza di acqua filtrata bollita, coprire e lasciate in infusione per 5 minuti, poi filtrate e lasciate raffreddare a temperatura ambiente. Utilizzate questa soluzione per pulire l’occhio dall’interno e dall’esterno, e ripetete ogni due ore durante il giorno. Potete anche mettere le bustine usate di camomilla in frigorifero e poi metterle sulle palpebre chiuse per non più di 10 minuti alla volta per contribuire a ridurre il gonfiore. Utilizzate questo rimedio della Nonna un paio di volte al giorno.

Acido borico

L’acido borico può aiutare ad affrontare i problemi correlati alle infezioni agli occhi, come rossore, secchezza, sensazione di bruciore e lacrimazione. Le sue lievi proprietà antibatteriche e antifungine aiutano a trattare l’infezione e a lenire l’irritazione. Mescolate un cucchiaino di acido borico in una tazza di acqua, portate a ebollizione, poi lasciate raffreddare e filtratela attraverso una garza pulita. Utilizzate la soluzione come un collirio e ripetete fino a 3 volte al giorno, utilizzando una soluzione fresca ogni volta. Attenzione: potreste sperimentare un leggero pizzicore o bruciore, ma presto andrà via.

Aceto di mele

Per il trattamento della congiuntivite, l’aceto di mele è molto efficace. L’acido malico in esso contenuto funziona come un agente antimicrobico, che aiuta a combattere le infezioni batteriche e aiuta a rimuovere i germi e detriti dagli occhi per una rapida guarigione. Mescolate un cucchiaino di aceto di mele in un bicchiere d’acqua filtrata, immergete un batuffolo di cotone in questa soluzione e usatelo per lavare a fondo l’esterno dell’occhio infetto. Ripetete ogni poche ore per un paio di giorni.

Latte materno

Questo rimedio della Nonna è molto efficace e sicuro per sbarazzarsi della congiuntivite, soprattutto nei bambini. Il latte materno contiene anticorpi specifici, in particolare immunoglobuline E, che impediscono ai batteri che causano infezioni di attaccarsi alla superficie della mucosa degli occhi. Questo a sua volta limita la crescita dei batteri, aiutando l’infezione a guarire rapidamente. Mettete un po’ di latte materno in una tazza e utilizzando un contagocce pulito, mettetene 2 o 3 gocce nell’occhio infetto. Riapplicate ogni due ore o quando necessario. Il latte materno è efficace anche nel trattamento delle infezioni dell’orecchio nei bambini.

Ulteriori suggerimenti

  • Spruzzate acqua fredda sugli occhi un paio di volte al giorno per rafforzare gli occhi.
  • È possibile utilizzare il collirio per alleviare i sintomi associati alle infezioni.
  • Lavate gli occhi con acqua di rose pura, almeno due volte al giorno. Potete anche usare acqua di rose come collirio per un sollievo immediato dal prurito.
  • Diluite una piccola quantità di shampoo per bambini in un bicchier d’acqua e usatelo per pulire i detriti dentro o intorno all’occhio.
  • Durante una infezione, evitate di indossare le lenti a contatto.
  • Non toccate gli occhi infetti senza lavare prima le mani.
  • Non condividete asciugamani o biancheria da letto con nessuno per prevenire la diffusione dell’infezione.
  • Non truccate gli occhi ed evitate di scambiare il trucco per gli occhi durante un’infezione.
  • Mantenete disinfettanti per le mani, detergenti e spray anti-infettivi a portata di mano e usateli di conseguenza.
  • Se l’infezione non migliora in pochi giorni, consultate il medico.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Summary
Rimedi della Nonna contro le infezioni agli occhi
Article Name
Rimedi della Nonna contro le infezioni agli occhi
Description
Rimedi della Nonna contro le infezioni agli occhi, i migliori rimedi naturali
Author
Publisher Name
Rimedi della Nonna
Publisher Logo
Loading...
Un commento
  1. Salve! Io sono Sandro da Vibo Valentia e volevo raccontare la mia esperienza con la speranza che qualcuno possa aiutarmi!! 7 mesi fa ho fatto un intervento di befaropladtica alle palpebre superiori!! Sono disperato, in quanto mi sono affidato ad un chirurgo non all’altezza del problema!! Non voglio annoiarvi e dilungarmi troppo, vi dico solamente che dopo l’intervento si é formato nella parte dove stanno le ciglia un gonfiore eccessivo dovuto forse a un trauma post operatorio!!! Il chirurgo mi disse che dopo 6 mesi il gonfiore si sarebbe ridotto!!! Ma non é così!! Difatti siamo a 7 mesi e il gonfiore é uguale!!! Sono stato da un Dermatologo, il quale sostiene che questo gonfiore è una blefarite cronica e che non si può fare nulla neanche chirurgicamente, in quanto si trova proprio sotto le palpebre, (sarebbe la parte dove stanno attacate le ciglia) non potete immaginare la delusione che ho nel cuore!!! Speravo che almeno chirurgicamente o tramite laser potessi ridurre il gonfiore!!! Vi prego di aiutarmi!!! Sto proprio male!!! Ultimamente un mio amico ottico mi ha suggerito di fare dei semici impacchi di acqua calda (mattina e sera) per 5 o 10 minuti, con la speranza che si attenui un pochino o come prevenzione affinché non peggiori!!! Spero che qualcuno possa aiutarmi perché sto davvero a pezzi e sono triste!!! Grazie

Rispondi

Il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.