Come trattare la stitichezza nei neonati

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (12 voto/i, media: 4,25 su 5)
Loading...

 

La stitichezza, soprattutto nei bambini, è un problema difficile da trattare. E straziante per i genitori vedere i loro bambini a disagio o provare dolore. La normale quantità di movimenti intestinali che un bambino passa dipende sua età e da cosa mangia; un bambino soffre di stitichezza se i suoi movimenti intestinali sono meno frequenti del solito. Altri segni includono sangue nelle feci e rifiuto di mangiare a causa del crescente disagio.

Questo problema nei bambini può essere dovuto all’introduzione di nuovi alimenti solidi, ma anche ad una mancanza di attività o peggio ancora a disidratazione. Anche se raro, i bambini possono soffrire di stitichezza a causa di problemi di salute come l’ipotiroidismo, il botulismo, alcune allergie alimentari e disturbi metabolici. Se il bambino sperimenta frequente stitichezza, consultate un pediatra ma per la stipsi lieve potete provare qualche esercizio e alcuni cambiamenti nella dieta per aiutare ad affrontare questo problema. Ecco alcuni rimedi della Nonna per curare la stitichezza nei bambini.

Esercizi leggeri

Per aiutare il trattamento della stitichezza nei bambini piccoli si possono far fare alcuni esercizi che aiutano a migliorare la digestione e a rendere i movimenti intestinali regolari: i bambini attivi soffrono meno di gas, mal di stomaco e costipazione. Se il vostro bambino ha già iniziato a strisciare, incoraggiatelo a fare un paio di giri. Anche gli esercizi per le gambe aiutano: mettete il vostro bambino in una posizione sdraiata, tenetegli le gambe in una posizione semi-piegata e cominciate a muoverle delicatamente, come se andasse in bicicletta. Se il vostro bambino ha iniziato a camminare, fatelo camminare un po’ dopo aver mangiato, ed evitate di metterlo a letto subito.

Massaggio alla pancia

Massaggiare il pancino del bambino è un altro buon rimedio della Nonna per i neonati stitici. I massaggi al basso addome stimolano infatti i movimenti intestinali, contribuendo nel contempo ad alleviare gas e coliche. Inoltre, un leggero massaggio aiuta il sonno vostro del bambino. Mette il piccolo in una posizione sdraiata e versate un po’ di oliva caldo o olio di cocco sul suo stomaco. Rimanete a 2 dita di distanza dall’ombelico e massaggiate delicatamente lo stomaco in senso orario per 3 o 4 minuti. Fate vari tipi di massaggi per tutto il giorno, fino a quando il bambino non starà meglio.

Bagno caldo

Far fare al vostro bambino un bagno caldo rilassante aiuta molto la stitichezza, fa scendere le cose attraverso il corpo più rapidamente e porta anche sollievo dal gas intestinale. Riempite la vasca del bambino con acqua tiepida e fategli fare un bagnetto. Dopo averlo asciugato, fategli un massaggio alla pancia come descritto poco sopra.

Probiotici

Alcuni neonati che soffrono di stitichezza trovano molto sollievo con i probiotici. Un probiotico è una dose di batteri vivi simili a quelli presenti nell’intestino naturalmente. Potete dare probiotici al vostro bambino tramite yogurt contenente fermenti vivi, o potete chiedere al vostro pediatra un integratore probiotico adatto per i bambini.

Aumentare l’assunzione di liquidi

Una corretta idratazione è fondamentale per i movimenti intestinali regolari. Per i bambini piccoli, acqua e latte sono ottime opzioni per tenerli idratati e aiutare il loro apparato digerente. Questo assicurerà movimenti intestinali regolari e aiuterà a prevenire la stipsi e i gas intestinali. Fate bere il bambino ad intervalli regolari; per migliorare la digestione si può dare anche acqua calda al vostro bambino. Oltre all’acqua, continuate ad allattarlo o dategli del latte.

Semi di finocchio

I semi di finocchio sono utili nel trattamento della stitichezza nei bambini: incoraggiano i muscoli del tratto digerente, con conseguente digestione sana e movimenti intestinali regolari. Il finocchio previene anche i gas. Usate questo rimedio della Nonna aggiungendo un cucchiaino di semi di finocchio a circa 2 bicchieri di acqua, fate bollire e lasciate raffreddare per 10 minuti, poi filtrate e date un cucchiaino di questa soluzione al vostro bambino un paio di volte al giorno. Le madri che allattano dovrebbero anch’esse bere tè di finocchio 2 o 3 volte al giorno.

Succo di mela

Potete dare al vostro bambino una piccola quantità di succo di mela per contribuire ad alleviare la stitichezza in quanto ha un lieve effetto lassativo. Esso contiene pectina che incoraggia i movimenti intestinali regolari. Tuttavia, evitate di alimentare il vostro bambino con salsa di mele, che potrebbe contenere un livello di pectina troppo elevato che potrebbe portare a problemi. Date un bicchiere di succo di mela una volta al giorno al bambino, se possibile estraendolo a casa da mele biologiche invece di comprare succo confezionato.

Prugne

Le prugne secche sono un frutto ricco di fibre che aiuta a combattere la stitichezza nei bambini. E’ un lassativo naturale che aiuta a regolare i movimenti intestinali. Per i bambini fino a 6 mesi di età, aggiungete 1 o 2 cucchiai di succo di prugna un bicchiere di latte artificiale o semplicemente all’acqua, e fatelo bere al bambino una volta o due al giorno. Per i bambini più grandi, aggiungete succo di prugna diluito alle pappine del bambino, oppure se sta mangiando cibi solidi, provate con la purea di prugne. Attenzione: Consultate il pediatra prima di dare succo di prugna al bambino in quanto contiene irritanti naturali per l’intestino.

Zucchero di canna

Lo zucchero di canna è ottimo per il trattamento della stitichezza nei bambini, perchè aiuta ad ammorbidire le feci. Mescolate mezzo cucchiaino di zucchero di canna in 2 o 3 cucchiai di acqua bollita raffreddata, mescolare bene fino a quando lo zucchero non si scioglie completamente e fate bere al vostro bambino 3 volte al giorno, prima di mangiare qualsiasi cibo solido.

Cibi ad alto contenuto di fibre

La fibra aiuta ad ammorbidire le feci assorbendone l’acqua, ciò le rende più ingombranti e più facile da eliminare. Se il vostro bambino ha iniziato a mangiare cibi solidi, cercate di introdurre alcuni alimenti ricchi di fibre nella sua dieta come broccoli, pere, pesche, piselli o mele sbucciate. E’possibile anche fare dei frullati. Si possono anche provare cereali per bambini che contengono orzo o crusca. Un’altra opzione è quella di dare al vostro bambino una piccola quantità di cereali cotti come orzo, avena o quinoa. Le madri che allattano dovrebbero includere anch’esse cibi ricchi di fibre nella loro dieta.

Ulteriori suggerimenti

  • Evitare di far mangiare al bambino prodotti addensati con cereali di riso.
  • Evitare di dare al vostro bambino costipato alimenti come riso, banane e carote cotte.
  • Stabilite un orario regolare per andare al bagno e incoraggiate il bambino a rispettarlo.
  • Garantite che il vostro bambino stia comodo mentre è al bagno.
  • Le madri che allattano dovrebbero limitare i latticini nella loro dieta.
  • Evitare di dare latte vaccino al bambino, in quanto può essere difficile da digerire.
  • Non dare farmaci per la stitichezza al bambino se non prescritti da un medico.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Summary
Come trattare la stitichezza nei neonati
Article Name
Come trattare la stitichezza nei neonati
Description
Come trattare la stitichezza nei neonati, i migliori rimedi naturali
Author
Publisher Name
Rimedi della Nonna
Publisher Logo
Loading...
Nessun commento...sii tu il primo

Rispondi

Il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.