Combattere lo stress da ufficio con gli oli essenziali

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

 

La vita di tutti i giorni è già abbastanza pesante e come se non bastasse in ufficio diventa ancora più dura. L’orologio brutale e implacabile che scandisce il ritmo, a volte troppo lento e a volte troppo veloce, di una convivenza “forzata” spesso difficile.

Un rimedio semplice e spesso facile da far accettare a colleghi e capiufficio, è usare gli oli essenziali. Non dovrebbe essere una sorpresa che alcune essenze aiutano a ritrovare il buonumore e stimolano la produttività. Menta, Rosmarino e Cipresso, aiuteranno a favorire la concentrazione negli ambienti caotici. Lavanda, Camomilla e Neroli sono in grado di calmare anche le atmosfere più agitate.

Mai e poi mai vaporizzare le essenze con la classica candelina/fornelletto: costituirebbe una fonte di rischio inaccettabile (non vogliamo creare attriti con i capiufficio vero?) perché quando l’acqua si esaurisce diventa facilmente rovente e “frigge” le essenze stesse, rovinandone le caratteristiche.

Esistono oggi dei diffusori del tutto puliti e sicuri, che vaporizzano le essenze con il cosiddetto “meccanismo a ultrasuoni”. Si riempiono di acqua di rubinetto e poche gocce di essenza, poi l’apparecchio fa vibrare elettronicamente un sottile disco di ceramica che nebulizza l’olio essenziale con l’acqua, favorendo un ambiente sano e veicolando gli aromi senza alterarli.

Conviene sempre acquistare, per l’uso in ufficio, un apparecchio in materiale antiurto fatto per durare, e soprattutto con lo ionizzatore: l’aria in cui vengono immessi ioni negativi stimola l’attenzione e favorisce la “voglia di fare” in modo facilmente percettibile. Apparecchi di questo tipo si trovano da NaturEssenza come ad esempio il modello AlphaN10 o il robustissimo AromaVase che è fatto per durare molte ore. Assolutamente da evitare le imitazioni economiche, che tendono a rompersi dopo pochi giorni, e che no hanno ionizzazione, di cui il mercato è purtroppo saturo.

Infine un consiglio: ricordate che respiriamo le essenze che acquistiamo. Anche qui vale il concetto per cui è meglio spendere qualcosa di più in oli essenziali puri 100% e biologici, piuttosto che sostanze chimiche di dubbia provenienza.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Loading...
Nessun commento...sii tu il primo

Rispondi

Il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.