Cosa far mangiare ai bambini quando fa caldo

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

 

Estate, caldo e afa. Un trittico che spesso genera inappetenza nei bambini. Maggior consumo di acqua, qualche snack di troppo e un gelato fuori pasto aumentano il senso di sazietà. Al mattino i bambini hanno meno voglia di fare colazione e a pranzo preferiscono un panino o una pizzetta. Specie in vacanza, pranzare o cenare in un fast food con cotoletta, hamburger, patatine, bevanda gassata e gelato finale impone una rivalutazione delle calorie giornaliere assunte soprattutto nei bimbi che fanno poco movimento.

Anche se per periodi limitati, questo tipo di alimentazione sotto i 10 anni non è corretto: l’alimentazione estiva prevede infatti alimenti più leggeri e digeribili nel rispetto dell’apporto calorico giornaliero e di una ripartizione adeguata dei nutrienti di cui i bimbi necessitano per età e sesso. La regola dei 4-5 pasti va continuata anche d’estate e la prima colazione più spuntino di metà mattina deve apportare come sempre almeno il 20% del fabbisogno calorico. Il pranzo rimane il pasto principale e la cena, anche se più leggera, deve come il pranzo essere un pasto completo di primo, secondo con contorno e frutta. Può essere anche solo un piatto unico con proteine, cereali e verdure preparato con fantasia e colori accattivanti anche per i bambini che hanno meno fame.

In vacanza, un dolce dopo cena a base di gelato, frappè o un dolce una tantum è ammesso, non va dimenticato che un bicchiere di latte fresco prima di andare a letto concilia il sonno in tutte le stagioni. Con la merenda pomeridiana si introduce un altro 10% di calorie: spuntini, snack e fuori pasto in genere sono una quota importante di nutrienti giornalieri, basta non esagerare. I bambini mangerebbero solo quello a discapito di una dieta variata.

Colazione

Una adeguata prima colazione aiuta ad ingranare la marcia giusta per mente e corpo e permette al bambino di arrivare a pranzo con solo uno spuntino leggero a metà mattina. Il latte è l’alimento base con aggiunta di cereali, orzo, malto o biscotti secchi. Fette biscottate con miele e marmellata, una fetta di torta casalinga alle mele o di crostata di frutta (ottima quella della Nonna)sono una buona aggiunta più che un’opzione al latte che non deve mai mancare. Yogurt, frutta fresca di stagione, un succo o un frullato, se non consumati a colazione, diventano lo spuntino ideale (5% delle calorie totali giornaliere).

Pranzo

Il pranzo è il pasto più importante e deve essere completo. se il bambino ha mangiato meno o in eccesso, quantità e qualità degli alimenti vanno correttamente integrati o sottratti a cena. Primo di pasta o riso con pomodoro o sugo di verdure, secondo con contorno di verdure crude o cotte. Le proteine vanno alternate tra carne a pranzo e pesce, uova o formaggi a cena e viceversa. Carni bianche, vitello, manzo magro, maiale sgrassato e pesce azzurro. Cotture semplici a vapore o forno e olio extravergine d’oliva. Non sostituire l’acqua del pasto con succhi di frutta e bevande.

Merenda

La merenda pomeridiana deve essere nutriente ed equilibrata. Non c’è che l’imbarazzo della scelta tra latte o yogurt con cereali, pane o fette biscottate. Come alternativa una fetta di torta casalinga allo yogurt, carote, mele o marmellata. Per rinfrescarsi un frullato di frutta, un budino alla vaniglia o cacao fatto in casa o un ghiacciolo. Se si opta per il gelato, quelli alla frutta sono da preferire: sono più leggeri, digeribili e non diminuiscono l’appetito a cena. Panini con salumi, pizze, focacce o patatine vanno concessi una tantum e in quantità ridotte.

Cena

Anche la cena deve essere un pasto completo ma senza eccessi per non disturbare il sonno. Cibi diversi da quelli consumati a pranzo creano equilibrio nell’alimentazione. Se il bambino ha mangiato meno durante il giorno, per integrare e compensare le calorie è preferibile mangiare più frutta e verdura a cena o qualcosa nel dopocena. Latte e biscotti secchi sono ideali come dopocena in città. In vacanza si fanno più eccezioni e un gelatino non sempre di frutta o frappè sono molto graditi. E se dopo il gelato viene sete, un succo di frutta risolve.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Loading...
Nessun commento...sii tu il primo

Rispondi

Il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.