Rimedi della Nonna a base di Cera d’api

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

 

La cera d’api è rilasciata dalle api in forma di sottili scaglie e viene usata per costruire le celle del favo, dove vengono allevate le larve e depositati miele e polline. In commercio è usata per la fabbricazione di candele, cosmetici e prodotti farmaceutici, ma non tutti sanno che in casa si può utilizzare per tantissime cose! Ecco alcuni dei rimedi della Nonna con la cera d’api, rimarrete stupiti dai mille usi di questo prodotto e dopo un po’ non potrete più farne a meno.

Cera d’api come lubrificante

La cera d’api è un’eccellente alleata per lubrificare porte, finestre e cassetti. Quando i vostri stipiti e le vostre giunture si aprono e scorrono con fatica, non esitate a spalmarci sopra uno strato sottile di cera: il beneficio che otterrete sarà tanto in maneggevolezza quanto in pace per le orecchie dai fastidiosi stridii e cigolii.

Cera d’api per lucidare i mobili

La cera d’api può rivelarsi un’ottima alleata per la lucidatura dei mobili. Con il suo utilizzo, potete preparare facilmente un composto che nutre e protegge il legno: tagliate a pezzi un panetto di cera e riempitene un vasetto di vetro fino a metà: ricoprite di trementina pura e lasciate riposare per 24 ore, così che le scaglie di cera diventino una pasta omogenea: se necessario, aggiungete della trementina per ottenere la consistenza voluta, ripetendo l’operazione per più giorni. La cera può anche essere colorata aggiungendo dei pigmenti, secondo le vostre esigenze. Applicate il composto con l’aiuto di una spazzola o di un panno di cotone, con movimenti circolari per farla penetrare: lasciate agire e seccare per 24-48 ore, dopodichè lucidate con una spazzola e un panno di lana per dare il lustro finale. Potete utilizzare il composto ottenuto anche per proteggere e ravvivare gli infissi di legno, oltre che il parquet diventato opaco.

Cera d’api per sculture e gioielli

La cera d’api è considerata da secoli un eccellente prodotto per fare sculture, stampi, lavorazioni in campo orafo: si tratta dell’applicazione della tecnica di fusione a cera persa, in cui la fusione della cera all’interno uno stampo lascia spazio ad altri materiali, come metalli fusi, che così possono assumere la forma che aveva precedentemente la cera.

Poco conosciuto, ma in realtà molto diffuso, è invece l’impiego della cera d’api come materiale per realizzare gioielli. Se volete cimentarvi in questa tecnica, vi basterà ammorbidire il prodotto con olio vegetale affinchè risulti ancora più duttile e malleabile: creare originali e insoliti monili sarà per voi un gioco da ragazzi.

Cera d’api per pavimenti in cotto

I pavimenti in cotto esercitano sempre un grande fascino, creando e donando un’atmosfera di calore ed eleganza alla casa. Come ogni cosa bella e preziosa hanno però bisogno di attenzioni per mantenere intatte le loro caratteristiche. Un rimedio della Nonna per prendervene cura in modo ecologico? Vi bastano pochi ingredienti: per prima cosa lavate il pavimento con acqua e un detergente non aggressivo come l’aceto, facendo molta attenzione nel rimuovere ogni residuo di polvere e sporco.

rimedi nonna cera d'api
La cera d’api? Fondamentale in casa!

Asciugate con uno straccio o un panno morbido e aspettate che i pavimenti si siano asciugati completamente, dopodichè trattateli con la cera d’api, ricordandovi di evitare di passare esclusivamente la cera non diluita perchè la porosità del pavimento potrebbe portare alla creazione di aloni. Vi basterà diluire la quantità di una tazzina da caffè di cera in tre litri d’acqua per evitare questo spiacevole inconveniente e ravvivare in maniera definitiva i vostri pavimenti in cotto.

Cera d’api per le scarpe

Volete che le vostre scarpe di pelle siano sempre curate e pulite? La prima regola per una buona manutenzione è non indossare mai le scarpe per più di un giorno di seguito, perchè andrebbero lasciate riposare. La seconda mossa da fare è pulirle regolarmente dopo averle calzate, al massimo entro il giorno successivo all’utilizzo, avendo cura che siano sempre ben asciutte. Il terzo e fondamentale consiglio della Nonna, infine, è quello di utilizzare la cera d’api per ottenere una patina protettiva intensa e brillante, applicandola con movimenti circolari come se fosse una crema. A ogni applicazione ricordatevi di inumidire il panno, dopodichè sarete pronti per uscire e sfoggiare il vostro look impeccabile.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Loading...
Nessun commento...sii tu il primo

Rispondi

Il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.