Omega 3 negli alimenti: tutto quello che serve sapere

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

 

Uno dei rimedi della Nonna più classici per star bene e mantenersi in forma è quello di assumere un cucchiaio di olio di fegato di merluzzo al giorno. Col tempo si è capito perchè: l’Omega 3, il principale acido grasso benefico nell’olio di fegato di merluzzo, è un prezioso alleato per numerosi compiti: riduce l’ansia, migliora la memoria, riduce il rischio di malattie cardiovascolari, aiuta la vista, lenisce i dolori, combatte il diabete. Ma i suoi vantaggi non si fermano qui.

Omega 3: perché ci manca?

Ai tempi in cui l’uomo cacciava cibo fresco da terra e mare, la sua dieta conteneva Omega 3 a sufficienza. Tuttavia dall’avvento della produzione di massa del cibo le nostre diete ne sono diventate carenti: uno dei motivi è che l’Omega 3 aumenta la velocità con cui il cibo si deteriora, dunque agli animali da allevamento viene a volte dato cibo carente di questa sostanza. Non possiamo produrre il nostro proprio Omega 3, quindi dobbiamo fare affidamento alle fonti alimentari.

Negli anni ’70 i ricercatori notarono che pur avendo una dieta ricca di grassi, gli eschimesi (in particolare i cacciatori, i pescatori e le loro mogli) che vivono nella costa occidentale della Groenlandia avevano una bassa incidenza di malattie cardiache e diabete di tipo 2. Poco dopo i riflettori si spostarono su un acido grasso, chiamato Omega 3. Si è scoperto che gli alti livelli di Omega 3 consumati dalla popolazione eschimese fluidificano il sangue riducendo la formazione di coaguli. Ma questa era solo la punta dell’iceberg dei benefici dell’Omega 3: le ricerche condotte negli anni seguenti hanno rivelato una moltitudine di motivi per cui la gente dovrebbe assumere sufficiente Omega 3 negli alimenti, sia aumentando la quantità di pesce azzurro consumata (la prima fonte di Omega 3), sia assumendo integratori concentrati.

Omega 3 negli alimenti

Che cosa è l’Omega 3? E quanto ne va consumato?

L’Omega 3 è un acido grasso essenziale, che il nostro corpo non crea, ed è formato da due componenti attivi: acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA). L’Organizzazione mondiale della sanità consiglia di consumare pesci particolarmente grassi almeno una volta alla settimana, a causa dei loro 200-500 mg di EPA e DHA forniti in ogni porzione. Fonti alimentari di Omega 3 sono i pesci particolarmente grassi, come sgombri, aringhe e salmone, ma anche olio di semi di lino e olio di krill.

I benefici per la salute dell’Omega 3

Oltre a ridurre l’ansia e migliorare la memoria, l’Omega 3 porta un gran numero di benefici per la salute:

  • Cuore: Un gran numero di studi hanno dimostrato l’influenza positiva dell’Omega 3 nella dieta, che può ridurre la coagulazione del sangue, e ciò riduce i rischi di malattie cardiache. L’Omega 3 può anche essere utile per ridurre i livelli di colesterolo e la frequenza cardiaca (che riduce la morte improvvisa).
  • Effetti cervello: L’Omega 3 (in particolare il DHA) aumenta la concentrazione, e migliora la memoria. Studi più recenti dimostrano che l’Omega 3 può contribuire a trattare la depressione.
  • Artrite: L’effetto anti-infiammatorio dell’Omega 3 può aiutare a mantenere le articolazioni in salute per le persone con artrosi e artrite reumatoide.
  • Asma: Dato che l’Omega 3 ha un effetto anti-infiammatorio, può migliorare l’asma.
  • Eczema: Gli effetti anti-infiammatori possono anche estendersi per ridurre l’infiammazione per chi soffre di eczema, e anche aiutare ad idratare la pelle.

Omega 3 in gravidanza

La componente DHA dell’Omega 3 diventa molto importante in gravidanza così come nei bambini di età inferiore ai 5 anni. Studi hanno dimostrato che l’assunzione di DHA durante la gravidanza riduce il rischio di nascite premature, ed aumenta la grandezza del bambino. I neonati prematuri le cui madri hanno assunto Omega 3 durante la gravidanza hanno una migliore possibilità di sopravvivenza. Gli Omega 3 presi in gravidanza pare che rafforzino lo sviluppo delle ossa del nascituro, un effetto che continua anche nella prima infanzia.

L’Omega 3 continua ad affermarsi nel mondo degli integratori nutrizionali e della salute e benessere, e lo farà per molti anni a venire, mentre gli scienziati cercano di comprendere appieno come la dieta influenza la nostra salute. Nel frattempo ascoltate la Nonna, e continuate ad assumere il vostro Omega 3.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Loading...
Nessun commento...sii tu il primo

Rispondi

Il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.