Dovete correre al bagno con la diarrea? Ecco i rimedi della Nonna

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (7 voto/i, media: 4,29 su 5)
Loading...

Una delle malattie dello stomaco che colpiscono di più le persone è senza dubbio la diarrea, tutti l’abbiamo sofferta almeno una volta e sappiamo quanto sia sgradevole e scomoda. Ma ecco che la Nonna vi viene incontro con alcuni rimedi casalinghi e naturali che possono aiutare nei casi d’emergenza ed alleviare il dolore.

Nessuno è immune alla diarrea. Il più delle volte è il processo naturale tramite il quale il vostro corpo elimina le tossine. Eppure, ci sono momenti in cui questo processo sembra non fermarsi mai, ma in questi casi dovete sapere che sarete affetti da disidratazione. Questo può essere particolarmente pericoloso per i bambini e gli anziani: chiunque abbia un sistema immunitario debole deve mantenersi idratato in ogni momento.

Tra le cause della diarrea vi sono batteri, virus o parassiti, alcuni farmaci, intolleranze alimentari e malattie che colpiscono lo stomaco, intestino tenue e colon.

Rimedi della Nonna per la diarrea

A volte occorre andare dal medico, ad esempio quando ci sono segni di disidratazione: lingua secca, capogiri in posizione eretta, diminuzione della produzione di urina, oppure quando le feci sono accompagnate da sangue, pus o muco o quando persiste per più di due settimane. Ma per i casi più semplici ecco alcuni rimedi della Nonna che riusciranno a placare il vostro malessere e a rimettervi in sesto dopo pochi giorni!

Sciroppo casalingo

La diarrea fa perdere sali minerali e zuccheri vitali al corpo: uno sciroppo casalingo fornirà liquidi ed elettroliti necessari per sconfiggere questa malattia dello stomaco e aiutare a prevenire la disidratazione. Mettete in un contenitore di acqua 2 cucchiai di sale, 2 cucchiai di bicarbonato di sodio e un cucchiaino di zucchero. Mescolate e bevete due volte al giorno.

Camomilla

La camomilla è usata da secoli per le sue proprietà medicinali. Nell’antica Grecia, Egitto e Roma veniva usata per il trattamento di vari disturbi, le erano infatti attribuite proprietà antispasmodiche e per trattare l’infiammazione intestinale. Si può fare un tè con i sacchetti già pronti, o comprare i fiori e bollirli.

Acqua di riso

L’acqua di riso è usata fin dall’antichità per fermare la diarrea, si dice che si rilassa lo stomaco, aiuta l’idratazione ed è una ricca fonte di vitamine e minerali. È anche una fonte di amido, è senza glutine e quando viene bollito aiuta a bloccare il canale del cloro nelle cellule intestinali.

Limone

Nel XVII secolo il limone era considerato un digestivo e purificatore del sangue. Oggi gli viene accreditato un effetto astringente che impedisce la perdita di fluido dall’intestino e aiuta a normalizzare il flusso di acido del tratto digerente. Spremete il succo di 2 limoni in un litro d’acqua con un pizzico di sale e bicarbonato di sodio e bevete per idratare il corpo e recuperare i sali minerali persi.

Leggi anche: Rimedi a base di limone

Brodo di pollo

Un ricco brodo di pollo fatto dalla Nonna è sempre perfetto per risolvere i problemi di stomaco. Il suo ingrediente principale è l’acqua, e contribuisce in tal modo a mantenere una corretta idratazione. E’ un pasto profondamente radicato nella cultura popolare di molti paesi di Europa e America, ed è ormai considerato uno dei rimedi casalinghi per eccellenza.

brodo-pollo-rimedinonna

Aglio e zucchero di canna

L’aglio crudo ha proprietà antisettiche, fungicide, battericide e purificanti, perché contiene un composto chiamato allicina che agisce contro molti virus e batteri. Schiacciate due spicchi d’aglio senza la pelle e aggiungete due cucchiaini di zucchero di canna, poi fate bollire una tazza di acqua, aggiungete il composto e bevetene due o tre volte al giorno.

Banane

Oltre ad essere uno dei frutti più consumati al mondo, la banana è un frutto ricco di vitamine C e B6 e di minerali essenziali, tra cui il potassio, che ha la capacità di ripristinare gli elettroliti persi durante la diarrea. Mangiare banane mature può aiutare a indurire le feci e reintegrare l’acqua persa.

Mele

La saggezza popolare attribuisce alla mela proprietà curative per la diarrea. La pectina, una fibra solubile presente nelle mele, agisce come una spugna può assorbire ed eliminare le tossine prodotte dai batteri che causano problemi di stomaco ed aiuta ad indurire le feci acquose. Un consiglio della Nonna: se avete il rifiuto per il cibo provate a mangiarla grattugiata, al forno o bollita.

Carote bollite

Nel 1908 il pediatra tedesco Ernst Moro creò un efficace rimedio per la diarrea: la zuppa di carote. Fornisce acqua per combattere la disidratazione, riempie di sodio, potassio, fosforo, calcio, magnesio e zolfo e altri minerali e ripristina l’equilibrio della flora intestinale.

carote-bollite-rimedinonna

Buccia d’arancia

La buccia d’arancia è uno dei rimedi casalinghi per la diarrea più popolari. Il suo guscio ha più fitonutrienti e flavonoidi della polpa interna, ciò le conferisce proprietà anti-infiammatorie che possono aiutare la digestione e alleviare problemi intestinali come bruciore di stomaco, flatulenza e diarrea.

Rimedi per la diarrea cronica

La nonna ha il rimedio naturale perfetto per la diarrea cronica che funziona! Smettete di fare supposizioni e di sprecare tempo prezioso, e provate questo ottimo rimedio della Nonna.

I dolcetti al cocco sono ottimi per i bambini e gli adulti che soffrono di diarrea cronica. Hanno un sapore fantastico e sono facili da acquistare in qualsiasi negozio di alimentari. Avrete solo bisogno di mangiarne uno o due un paio di volte al giorno per riportare il vostro corpo in equilibrio.

Ai bambini con sintomi di diarrea o a qualcuno che è gravemente malato non c’è modo di far ingoiare un dolcetto al cocco, ma c’è ancora una soluzione semplice, il latte di cocco. E’ possibile acquistare il latte di cocco in qualsiasi negozio di alimentari, si trova di solito in lattina e talvolta è zuccherato. Bevendo questa miscela tutta la giornata il corpo sarà in grado di ripristinare gli elettroliti e i fluidi corporei.

Questa ricetta non è solo valida per i bambini: è ottima per gli anziani e per chiunque soffra di diarrea cronica e disidratazione. È molto più facile da mandare giù rispetto all’acqua naturale e passerà attraverso le pareti dello stomaco molto più velocemente, dunque il corpo si reidraterà velocemente.

Inoltre i bambini irritabili ne ameranno il gusto, quindi è più facile far bere loro qualcosa. Se necessario, date loro questa miscela un cucchiaino alla volta, l’importante è che reintegrino i liquidi!

Dieta per la diarrea cronica

Quando si tratta di diarrea cronica sembra che non importi ciò che si mangia o beve, si vuole solo correre al bagno. Naturalmente si deve rimanere idratati e, naturalmente, è importante inserire un po’ di cibo all’interno dell’organismo.

rimedi della nonna per la diarrea

Che ci crediate o no, l’acqua non è la risposta in questa fase. L’acqua può essere difficile da buttare giù, è molto meglio sorseggiare una tazza di tè. Il tè alla menta o il tè allo zenzero sono estremamente facili da digerire per lo stomaco e saranno di grande aiuto nella digestione. Se vi sembra difficile buttare giù questi due tè, provatene un altro che vi piace di più, addolcitelo con miele o zucchero se preferite: il miele è un dolcificante molto salutare, ma ancora una volta, se non vi va proprio giù potete utilizzare lo zucchero.

Consigli della Nonna: state lontano da tutti i prodotti lattiero-caseari e state lontano da tutti i succhi di frutta e verdura! La soda invece è un ottimo modo per mantenersi idratati, anche i bambini possono tollerarla ma ricordatevi di berla a temperatura ambiente e con calma!

Le banane sono un’ottima fonte di potassio e vitamine durante la diarrea cronica. Sono facili da digerire ed è facile convincere chi ne soffre a mangiarne qualcuna. Quando si alimenta un bambino, mescolate un po’ di latte di cocco con la banana per tenerlo idratato.

I rimedi della Nonna per la diarrea cronica sono consigli che vale la pena provare. Certamente non dovrete preoccuparvi di un sovradosaggio o di diventarne assuefatti, e cosa meglio di tutti, non dovete preoccuparvi del vostro disagio che va nella direzione opposta.

Provate questa dieta per un paio di giorni e introducete gradualmente gli alimenti che naturalmente mangiate abitualmente nella vostra dieta. Fare attenzione a non tornare ai latticini subito. Se notate che la diarrea ritorna potreste essere affetti da una allergia alimentare, in questo caso recatevi dal medico e fatevi prescrivere dei test.

Cinque linee guida per combattere la diarrea

diarrea rimedi

Vediamo adesso cinque linee guida per cercare di limitare, o per lo meno arginare, questo fastidioso problema, nella speranza che non vi capiti molto spesso.

Restate idratati

Perderete diversi liquidi quando la diarrea è negli stadi più avanzati, così come sali minerali, sodio e potassio. Per cercare di riequilibrare i livelli all’interno dell’organismo dovrete bere molto, anche se risulterà difficile perchè avrete lo stomaco chiuso. Principalmente acqua, ma se vi è più facile potete provare con del tè al limone o all’arancia, della camomilla o bevande sportive come Gatorade o Powerade.

Mangiate yogurt

Cercate di assumere yogurt con fermenti lattici: batteri ‘amichevoli’ che possono aiutare il vostro intestino, fornendovi protezione dai batteri ‘nemici’ che in circostanze come queste proliferano. Se avete già avuto la diarrea, lo yogurt potrà aiutarvi a produrre acido lattico nel vostro intestino, che ucciderà i batteri cattivi e vi aiuterà a sentirvi meglio più alla svelta.

State a riposo

Non esagerate e prendetevi cura di voi, se restate a letto un paio di giorni non succede niente, e il corpo si ricaricherà lontano da situazioni di stress. Cercate di mantenere una temperatura della stanza costante ed accettabile, nè troppo calda nè troppo fredda. Se avete dolori addominali, una borsa dell’acqua calda posta sulla pancia vi aiuterà a trovare sollievo.

Assumete alcuni cibi ed evitatene altri

Mentre siete alle prese con la diarrea, evitate latte, formaggio ed altri prodotti caseari (eccetto lo yogurt che abbiamo descritto prima): l’intestino è impegnato a combattere la diarrea, non avrà tempo per digerire anche il latte. Evitate anche il caffè, dato che la caffeina stimola il sistema nervoso e l’intestino, ossia tutto quello che deve stare a riposo mentre avete la diarrea. Mangiate invece riso in bianco, cereali o >patate, evitando di aggiungere zuccheri o sale. Se reperirli non è un problema, provate con i mirtilli, che sono pieni di proprietà antiossidanti e antibatteriche. Contengono anche tannini, che combattono la diarrea

Prendete medicine

Non è detto che i rimedi naturali aiutino. Dopo aver provato soluzioni casalinghe, siate lucidi nel valutare se funzionano o meno, e nei casi più gravi parlate con il vostro medico e fatevi prescrivere medicinali. Se non volete o potete rivolgervi ad un medico, fatevi consigliare in farmacia qualcosa a base di fermenti lattici.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Summary
Dovete correre al bagno con la diarrea? Ecco i rimedi casalinghi
Article Name
Dovete correre al bagno con la diarrea? Ecco i rimedi casalinghi
Description
Dovete correre al bagno con la diarrea? Ecco i rimedi casalinghi della Nonna
Author
Publisher Name
Rimedi della Nonna
Publisher Logo
Loading...
Ancora nessun commento... sii il primo

Lascia un messaggio

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.