Come fare i cuscini caldi per il freddo

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

 

Ecco come fare dei cuscini caldi e profumati per l'inverno, per muscoli, dolori e cervicali!
Ecco come fare dei cuscini caldi e profumati per l’inverno, per muscoli, dolori e cervicali!

Tutti amiamo le ciliegie, ma non tutti sanno che i noccioli sono dei preziosi alleati per creare un prodotto davvero insolito: un cuscino fai da te. Questi cuscini fatti con i noccioli sono molto utili in inverno o per curare reumatismi o dolori muscolari. Non ci credete? Continuate a leggere!

Tenete da una parte i noccioli delle ciliegie che si mangiano in estate: ne servono almeno 300 grammi. Dopo averli lasciati a mollo, ripulendoli da eventuali residui di polpa, fateli seccare per bene al sole. Inseriteli quindi in sacchetti di cotone ma meglio provvedere a una doppia fodera, di modo che la prima, a contatto con la pelle, possa essere cambiata e lavata all’occorrenza, mentre è meglio evitare di bagnare i noccioli, che stenterebbero ad asciugarsi in inverno. Cucite i noccioli all’interno della prima fodera (basterà un rettangolo di 10×15 cm circa) e create una seconda fodera, più grande di almeno un centimetro su ogni lato, che si possa facilmente aprire tramite una cerniera, o meglio uno strap. Il cuscino va riscaldato o appoggiandolo su una superficie di calore che sia termosifone o stufa, oppure inserendolo per qualche minuto in forno a 100 °C o in microonde a 600 W (ma in questo caso ricordatevi che se avete montato la cerniera questa NON va messa all’interno!).

I noccioli mantengono il calore a lungo e lo rilasciano lentamente, perciò possono essere utilizzati per curare dolori muscolari o reumatismi, per alleviare i problemi di cervicali e di geloni, sciatalgie, cefalee, tensioni o anche per combattere la tosse e la bronchite o le colichette nei bambini più piccoli. Possono anche essere raffreddati, se inseriti in congelatore, e servire in caso di traumi, febbre alta, pruriti, punture d’insetto e scottature solari.

Per questi cuscini possono essere utilizzati anche i semi di lino e il riso con grano, farro, legumi e possono essere aromatizzati con fiori essiccati, ad esempio con spighe di lavanda, che uniscono all’effetto del calore anche un profumo dalle proprietà rilassanti.

Trucchi della Nonna

  • Questi cuscini dopo essere stati riscaldati possono anche essere messi nei cassetti o negli armadi: d’inverno, specie nelle case umide, aiuteranno a deumidificare e saranno un eccellente sostituto della naftalina.
  • Se volete usare un cuscino come questo per dormire è sufficiente raddoppiare le dosi di noccioli di ciliegia e adattarlo alle dimensioni del cuscino da letto

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Loading...
Nessun commento...sii tu il primo

Rispondi

Il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.