Stitichezza: cause e rimedi naturali

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (33 voto/i, media: 3,55 su 5)
Loading...

La stitichezza è un disturbo decisamente diffuso, soprattutto nella società occidentale a causa dei suoi ritmi di vita e lavoro sempre frenetici e ad una dieta che spesso lascia il tempo che trova. Ciò porta a far sì che la stitichezza colpisca milioni di persone di ogni età, spesso in forma cronica, e a cercarne cause e rimedi naturali per cercare di guarire da questo disturbo una volta per tutte.

Vegliate sulla regolarità del vostro intestino e sul buon funzionamento dell’apparato digerente, o gli alimenti mal digeriti fermenteranno liberando sostanze tossiche, avvelenando il sangue, offuscando la carnagione e ottenebrando la vostra mente. Gli stitici sono generalmente persone tristi e ansiose (dico generalmente ma per fortuna non è una legge, altrimenti la vita su questa terra sarebbe difficile a sopportarsi..).

Per prima cosa occorre capire bene cosa significhi essere stitici: considerando che l’atto della defecazione non segue regole scritte e varia da persona a persona, alcuni medici hanno definito NON stitica una persona che evacua dalle tre volte al giorno ad una ogni tre giorni. Per semplicità, si inizia a parlare di stitichezza se una persona defeca meno di 2 volte alla settimana.

Facciamo il punto sull’alimentazione

Come spesso accade, uno dei fattori principali che portano alla stitichezza è l’alimentazione. Non bisogna eccedere in grassi e zuccheri raffinati, mentre invece occorre prevedere molte fibre alimentari, che sono sono sostanze non digerite dal corpo ma che quando arrivano nell’intestino fanno massa e stimolano l’evacuazione, rendendo le feci più morbide.

Leggi anche: Le virtù dei cereali

Stitichezza: Alimenti si

Ecco un elenco di alimenti da prevedere all’interno di una dieta contro la stitichezza:

  • Yogurt e probiotici (sono utili a preservare la flora batterica intestinale)
  • Legumi
  • Frutta sia secca che fresca, soprattutto kiwi, fichi, papaia e mango
  • Verdura, sia cruda che cotta
  • Cereali integrali, avena, frumento e derivati
  • Olio extravergine d’oliva e semi oleosi
  • …Mai dimenticarsi dell’acqua (almeno 8 bicchieri al giorno)

Stitichezza: Alimenti no

Non tutti sanno che alcune sostanze “stringono” più di altre, eccone una lista:

  • riso
  • antidolorifici e antiacidi
  • integratori di ferro
  • antidepressivi
  • cibi avariati (che possono causare anche diarrea)
  • banane e mele

Ricordatevi anche che abitudini alimentari sregolate rendono difficile all’intestino svolgere il suo compito correttamente: ecco quindi che dovrete mettere al bando patatine fritte e cibi del fast food, bevande gasate e dolci, merendine e cibi con conservanti.

rimedi-naturali-stitichezza
Problemi di stitichezza? Seguite i consigli della Nonna!

Rimedi della Nonna a base di acqua per la stitichezza

Come avrete modo di vedere, molti rimedi naturali sono a base d’acqua, un elemento indispensabile per il nostro fisico! Per prima cosa, non appena vi alzate dal letto, iniziate la giornata con un bicchiere di acqua naturale a temperatura ambiente da bere a digiuno, con aggiunta di poche gocce di olio d’oliva.

Una volta al giorno consumate poi due cucchiai di semi di lino interi, e poi bevete un bicchiere di acqua tiepida o a temperatura ambiente.

Se il problema non sparisce, 2-3 volte al giorno bevetevi un bicchiere d’acqua tiepida, cercando di rilassarti. E’ molto importante non forzare, andate sulla tazza solo in presenza dello stimolo.

Rimedi naturali a base di piante per la stitichezza

Aloe vera

L’aloe vera è una pianta curativa multiuso, si può affermare che fa bene a tutto! E anche alla stitichezza, in quanto il gel contenuto nelle sue foglie si impiega anche per il suo effetto lassativo. Il succo di aloe vera possiede un’azione protettiva verso l’intestino, dunque può aiutare per risolvere problemi di stitichezza.

Fichi d’India

I fichi d’India sono un alimento lassativo e possono essere usati come un rimedio naturale contro la stitichezza. Consumateli freschi o secchi, e assumeteli in piccole dosi: le loro sostanze favoriscono il transito intestinale e i semi sono assimilabili alle fibre, contribuendo alla pulizia dell’intestino.

Frangola

Se sentite il bisogno di prendere di tanto in tanto una tisana lassativa al fine di sbloccare un intestino un po’ pigro, vi consigliamo la frangola. E’ una pianta molto utile in caso di stitichezza, ma non prendetela tutti i giorni perchè rischierebbe di irritare fortemente il vostro intestino: Fate bollire 10g di scorza stagionata in un quarto di litro d’acqua per cinque minuti e lasciate macerare tutto un pomeriggio. Edulcorate con un po’ di liquirizia e prendetene una tazza la sera al momento di coricarvi dopo aver filtrato e aggiunto un po’ di miele di rosmarino.

L’ideale è di regolarizzare progressivamente l’intestino con una dieta attenta e paziente a base di verdure, di frutta matura, di pane integrale, piuttosto che ricorrere a potenti lassativi.

Liquirizia

Per i bambini, il miglior lassativo resta la polvere di liquirizia (un cucchiaio da dessert diluito in un po’ d’acqua, alla sera, prima di dormire) che sarà certamente molto gradita. Per i lattanti, si metterà in infusione qualche fiore di malva nell’acqua destinata a diluire il latte del biberon, senza dimenticare che la stitichezza proviene spesso da una alimentazione scorretta (eccesso di zuccheri, mancanza di verdure o succhi di frutta).

Approfondimento: Come trattare la stitichezza nei bambini e nei neonati

Polipodio

Un altro rimedio contro la stitichezza da usare di tanto in tanto giunge dal polipodio (o felce dolce). Questa varietà di felce si usa al mattino a digiuno in ragione di una tazza. Mettetene in infusione per un quarto d’ora da 20 a 50 grammi in un litro di acqua bollente.

Stitichezza e psicologia

Può darsi che dietro alla stitichezza si nascondano ragioni di origine psicologica. Ad esempio se vivete tutto il giorno fuori casa potreste pensare di non utilizzare bagni pubblici o che non siano vostri, puliti come voi volete. Ricordatevi che ogni volta che troverete una scusa per rimandare lo stimolo, starete rendendo la prossima defecazione ancora più difficile di quanto potrebbe essere.

Rimedi contro la stitichezza ostinata

Prima di passare ad una consultazione medica per stabilire se non esista una anomalia a livello dell’intestino crasso vi consiglierei un regime vegetariano: verdure e pane integrale, frutta molto matura o preparata in composta, oli vegetali per lubrificare l’intestino. Evitate gli eccitanti, l’alcool, i formaggi grassi e fermentati. Inoltre, prendete ogni mattina oppure ogni sera 5 o 6 prugne che avrete precedentemente fatto macerare per 24 ore in una tazza di acqua fredda.

Il mattino, quando vi svegliate, bevete un bicchiere d’acqua fredda oppure una tazza di latte scremato edulcorato con miele. Non dimenticate di camminare tutti i giorni per almeno un’ora, soprattutto dopo i pasti e praticate la ginnastica addominale. In stagione, o quando potete, cibatevi regolarmente di insalata fresca composta di malva, cicoria e tarassaco, gradevole, aperitiva e leggermente lassativa.

Grazie per l’’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Summary
Stitichezza: cause e rimedi naturali
Article Name
Stitichezza: cause e rimedi naturali
Description
Stitichezza: cause e rimedi naturali. Seguite i consigli della Nonna per non avere problemi
Author
Publisher Name
Rimedi della Nonna
Publisher Logo
Loading...
Ancora nessun commento... sii il primo

Lascia un messaggio

Your email address will not be published.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.