I trucchi della nonna per riconoscere prodotti

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

 

prodotti-rimedinonna

Con questo breve articolo, la Nonna vi insegnerà a riconoscere i prodotti, ossia ad effettuare dei test per vedere se quel bracciale di metallo bianco-cromato che avete nel cassetto e che vi ha lasciato vostra nonna in eredità è d’argento, di nichel o di stagno, se quella collanina che è nel portagioie di vostra madre fin da prima della vostra nascita è di oro vero o di oro falso. Capirete se l’olio che conservate nelle bottiglie in cantina è d’oliva, di semi o di arachidi. Infine se il vostro fidanzato vi ha regalato un gioiello che afferma convinto essere di diamanti veri, potrete smascherarlo immediatamente dicendogli che è semplice vetro!

Dopo questa divertente premessa la Nonna si ricompone e torna seria, e vi illustra come fare a riconoscere alcuni prodotti: tutti questi test saranno eseguiti utilizzando prodotti che molto probabilmente avrete in casa. In ogni caso potrete procurarveli a basso prezzo in un qualunque supermercato.

Per riconoscere argento, nichel e stagno: immergere l’oggetto in acqua molto salata: l’argento resta inalterato, lo stagno ha una colorazione grigia, il nichel diventa violetto-rossastro.

Per riconoscere l’oro vero e l’oro falso: una goccia di acido nitrico scioglie tutte le leghe simili all’oro, ma non l’oro vero. Questo è il sistema usato anche dai gioiellieri per individuare i falsi.

Per riconoscere l’olio: occorre versare acqua ossigenata in una boccetta contenente l’olio e agitare: olio d’oliva diventa verde, quello di semi rosa chiaro, di arachidi grigio-giallastro. Quando avete appurato che l’olio analizzato è di oliva, potrete utilizzare i rimedi della Nonna con l’olio extravergine d’oliva.

Per riconoscere i diamanti veri e i diamanti falsi: Immergendo la pietra in un bicchiere d’acqua, il diamante vero resta visibile e molto nitido; la forma della pietra falsa, invece, appare piuttosto indecisa.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Loading...
Un commento
  1. Per riconoscere argento, nichel e stagno se deve immergere l’oggetto in acqua molto salata…
    Ma in acqua salata, in che senso? Acqua e sale o acqua di mare?

Rispondi

Il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.