Rimedi per pulire pentole, tegami e padelle

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

rimedi-nonna-pentole-padelle

Pentole e padelle si trovano in ogni cucina: dalla padella di teflon alle pentole di alluminio per la minestra, è necessario dare a questi attrezzi la cura adeguata. Per rendere la vita domestica più facile, la Nonna conosce una discreta varietà di rimedi casalinghi per le pentole e per i tegami, vediamo se possono servirvi!

Diversi tipi di pentole

Una delle prime cose da conoscere per la pulizia e la manutenzione della pentola è il tipo di materiale utilizzato per la costruzione delle vostre pentole e padelle. Con diversi stili, vantaggi e svantaggi – troverete pentole composte da materiali comunemente utilizzati, come rame, acciaio inossidabile e ghisa.

Pentole di rame: Il rame è uno dei migliori conduttori di calore, specialmente per i pasti dove il cibo richiede temperature controllate con precisione. Quando le pentole di rame sono rivestite in acciaio inox durano più a lungo. Il lato negativo delle pentole in rame è che sono difficili da mantenere, più costose da acquistare, e hanno bisogno di lucidatura frequente.

Pentole in alluminio: L’alluminio è un buon conduttore di calore. Poiché è realizzato con un metallo morbido, reagisce con il cibo e si graffia facilmente. Per questo motivo si dovrebbero scegliere pentole e padelle in alluminio trattato, con una finitura esterna più dura.

Pentole in acciaio inox: sono tra i tipi più semplici da mantenere. Sono leggere e durevole con i vantaggi di non offuscarsi o corrodersi. Un aspetto negativo del pentolame in acciaio inox è che è un cattivo conduttore di calore e non distribuisce il calore in modo uniforme. Quando si compra questo tipo di pentole, scegliete pezzi di qualità con fondo pesante o con un nucleo di rame.

Pentole in ghisa: La ghisa trattiene ed eroga in modo uniforme il calore, e ciò può tornare utile quando si desidera trattare cibi da friggere o infornare. Tuttavia, le pentole e le padelle in ghisa sono pesanti.

Pentole antiaderenti: hanno una superficie facile da pulire e da mantenere – soprattutto quando si acquistano prodotti di alta qualità. Inoltre, è possibile utilizzare meno grassi durante la cottura con questo tipo di pentola perché il cibo non si attacca alla superficie. Scegliete le marche con una buona reputazione per farle durare a lungo perché uno svantaggio di questo tipo di pentole consiste nel logoramento della superficie antiaderente.

Problemi comuni delle pentole

Alcuni tipi di padelle possono lasciare residui di piccole particelle che rimangono anche dopo averle accuratamente lavate. Quando utilizzate la padella ancora una volta, la particella di cibo crea un punto di contatto che favorisce la viscosità. Alla fine, la pentola inizia a bruciare anche se è rivestita ed è stata scaldata di aggiungere il cibo. Questo fenomeno è comune in pentole e padelle di acciaio inossidabile.

La temperatura impostata quando si utilizzano pentole e padelle può causare che le vostre pentole brucino, o che il cibo si attacchi alla superficie della stessa. Una volta che si bruciano certi pezzi di pentole, non c’è niente da fare intorno alle bruciature. Utilizzare metodi di pulizia abrasivi, quali lana di vetro, può danneggiare la maggior parte delle pentole e padelle – lasciando graffi e staccando le superfici di protezione, come il teflon.

L’articolo continua alla pagina seguente!

Loading...
Ancora nessun commento... sii il primo

Lascia un messaggio

Your email address will not be published.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.