Propoli: Storia e Rimedi di una Medicina Naturale

Anche se la sua composizione può variare leggermente a seconda di dove l’alveare è posto, in generale la propoli è composta da:

  •  Resine e balsami (50 – 55%)
  • Cera (25 – 35%)
  • Oli volatili (10%)
  • Polen (5%)
  • Sostanze organiche e minerali (5%)

All’interno di quest’ultimo gruppo, si trovano acidi organici, fenoli, composti aromatici (cumarine, flavonoli tra gli altri) e metalli come alluminio, argento e ferro. La sua composizione principale è la provitamina vitamina A e varie del gruppo B.

Cure con propoli

Ecco alcune condizioni in cui l’azione della propoli è molto efficace:

  • Rimedio per l’Acne: strofinare la zona interessata con una garza che è stato bagnata da qualche gocce di tintura propoli. (leggi anche i rimedi della Nonna per i brufoli)
  • Rimedio per l’ulcera alla Bocca: Eseguire gargarismi con il contenuto di tre gocce di tintura di propoli in un bicchiere d’acqua.
  • Rimedio per il mal di denti: Bagnare un batuffolo di cotone con tintura di propoli e posizionarlo sul dente interessato. Il dolore andrà via in circa venti minuti. (mal di dentileggi anche i rimedi della nonna per i denti)
  • Rimedio per le infezioni della gola: Fate dei gargarismi con il contenuto di tre fiale di propoli in un bicchiere d’acqua. (leggi anche i rimedi della nonna per il mal di gola)

Altre applicazioni con la propoli

Usato nella cosmesi naturale, per la preparazione di creme a base di propoli (si possono creare ottime creme per la notte, del latte detergente, latte per il corpo e crema per le rughe), per fare deodoranti, grazie al suo profumo gradevole o per fare delle lozioni da barba, così da essere antisettico e anestetico.

Raccomandazioni

Non è facile ottenere propoli pura. Più spesso si trovano come estratti di unguenti, tinture, pillole e fiale. In ogni caso, è necessario acquistare quelli che hanno una percentuale maggiore o pari al 20%. Alcune persone sono allergiche alla propoli. Per questo motivo, si deve usare cautela quando si consuma e deve essere utilizzata esternamente la prima volta, applicate un po’ di propoli in una piccola zona di pelle per vedere se, dopo un po’ di tempo verificate del rossore o del rigonfiamento.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Leave a Reply