Ricetta della nonna per fare la birra

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

rimedinonna-ricetta-birra

Fare in casa la birra è sicuramente molto stimolante e appagante, ma siete sicuri di saperla fare? La nonna con questo articolo vi svela la sua ricetta, in formato extra large per 23 persone, non sia mai che i vostri ospiti restino a bocca asciutta! E se vi avanza ricordatevi dei rimedi della Nonna con la birra, per la casa e per la cura del vostro corpo!

Ingredienti per 23 persone:

  • 3600 G Estratto Di Malto
  • 140 G Luppolo
  • 2000 G Zucchero
  • 1 Bustina Lievito

Preparazione:

  • Riscaldate 4.5 litri d’acqua in un recipiente adatto, pulito e sterilizzato (per esempio di acciaio, di alluminio o smaltato), quando è calda scioglietevi l’estratto di malto un po’ alla volta e mescolate in continuazione.
  • Portate ad ebollizione, aggiungete metà del luppolo;
  • Mescolate bene e portate rapidamente in ebollizione, mescolate e fate bollire per 25 minuti.
  • Aggiungete il resto del luppolo, continuate a bollire per altri 5 minuti.
  • Togliete il recipiente dal fuoco e lasciatelo raffreddare per alcuni minuti.
  • Mettete lo zucchero nel contenitore per la fermentazione ed aggiungeteci il mosto filtrandolo.
  • Versate un po’ d’acqua calda nel filtro per ripulirlo e fate sgocciolare.
  • Mescolate il mosto finché lo zucchero non si è completamente sciolto.
  • Riempite d’acqua fino a 23 litri, lasciate raffreddare fino a 24 gradi (importantissimo! aspettate i 24 gradi altrimenti il lievito, che verrà aggiunto in seguito, morirà).
  • Controllate per mezzo di un ‘beer hydrometer’ se il peso specifico iniziale del mosto corrisponde a quello della ricetta, se necessario aggiungete zucchero.
  • Aggiungete la bustina di lievito ed agitate vigorosamente.
  • Coprite il contenitore con un panno e lasciate riposare il mosto in un posto caldo (20-25 gradi) dai 5 ai 14 giorni (mediamente 7) fino al termine della fermentazione.
  • Dopo 1 giornata si forma in superfice della schiuma che deve venire rimossa, prima del termine della fermentazione sarà forse necessario rimuovere la schiuma una seconda volta.
  • La fermentazione è terminata quando non salgono più bollicine in superfice o quando il peso specifico finale è quello previsto dalla ricetta.

Adesso la birra è pronta per essere imbottigliata. Ecco il procedimento per imbottigliare e mantenere le bottiglie in perfetto stato:

  • Mettete nelle bottiglie sterilizzate da 1/2 litro 1 cucchiaino di zucchero e riempitele fino a 2.5 centimetri dal bordo utilizzando un tubo di gomma.
  • Se il tubo ha anche un sifone è più facile non risucchiare il sedimento.
  • Il sedimento può essere recuperato e conservato in congelatore come lievito per la successiva produzione.
  • Tappate le bottiglie con un tappo a corona per mezzo di una tappatrice e conservatele a 21-25 gradi per 4-7 giorni.
  • Lo zucchero serve a produrre il gas, se ne aggiungete di più la bottiglia esploderà, se ne aggiungete di meno la birra sarà meno gasata.
  • Spostate le bottiglie in un luogo fresco (7-10 gradi) per 5-10 giorni.
  • Questa operazione serve a fare depositare i sedimenti.
  • La birra è pronta ma sarà più buona se lasciata più a lungo in bottiglia, il top viene raggiunto ad un mese dall’imbottigliamento.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Loading...
Nessun commento

Lascia un messaggio alla Nonna

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.