Stress e disturbi allo stomaco: consigli e indicazioni

Lo stress può causare tantissimi problemi e, tra questi, molti riguardano sicuramente l’apparato digerente. Infatti, lo stomaco e l’intestino risentono molto del nervosismo e delle preoccupazioni, anche quando si è bambini. Se questi sono episodi sporadici, allora basteranno dei semplici rimedi per crampi allo stomaco, mentre se i disturbi sono prolungati nel tempo, magari perché si continua a vivere una situazione stressante, allora si può presentare anche dispepsia (cattiva digestione) persistente o disagio a livello intestinale.

I sintomi del mal di stomaco causato da stress

A volte, quando si vive una situazione stressante, non sempre ce ne si rende conto, ma ci si accorge di avere dei disturbi dei quali non si riesce a comprendere bene la causa. I disturbi dello stomaco e dell’intestino causati dallo stress fanno parte di quella serie di problemi di natura psicosomatica che, se non risolti, possono poi portare a disturbi più seri.

Oltre a insonnia, agitazione, palpitazioni, ridotta capacità di concentrazione e umore altalenante, lo stress influisce negativamente sulla salute dell’apparato gastrointestinale.

Tra i principali sintomi del mal di stomaco causato dallo stress c’è sicuramente un’alterazione della motilità del tubo digerente che, in base alla persona, può presentarsi con digestione troppo lenta o al contrario con diarrea.

A volte, poi, si modifica la sensibilità della mucosa gastrica e si può avvertire un senso di sazietà precoce o di pienezza eccessiva che si può accompagnare spesso a dolori. In questo caso, per alleviare i fastidi, si può ricorrere a dei rimedi da assumere all’occorrenza.

Se il mal di stomaco deriva dall’ansia, meglio scegliere rimedi con una spiccata attività anti-acidità, svolta dalla presenza di bicarbonato di sodio o magnesio, efficaci nel contrastare gonfiore, meteorismo e dolore.

Lo stress provoca un’aumentata secrezione dei succhi gastrici e ciò porta, nel tempo, a sviluppare una gastrite nervosa che si può accompagnare anche a una malattia da reflusso gastroesofageo e sfociare, poi, nei casi più gravi, anche in ulcera. Meglio intervenire per tempo, quindi, dedicandosi anche a prevenire la comparsa dei sintomi.

Consigli per ridurre i fastidi allo stomaco

Se a causa dell’ansia e dello stress si soffre di disturbi di stomaco, oltre a prendere dei rimedi all’occorrenza per lenire i dolori, è bene anche seguire alcune semplici indicazioni che possono aiutare a rilassare la mente e a prevenire questi problemi.

Ad esempio, è consigliato consumare i pasti in un ambiente rilassato e accogliente, senza fretta e prestando attenzione a masticare lentamente. In questo modo, infatti, la digestione sarà aiutata e il rischio di pesantezza, bruciori e dolori di stomaco sarà minore.

Quando si è a tavola, quindi, è meglio evitare anche di guardare il cellulare per far sì che eventuali comunicazioni personali e di lavoro non interferiscono con la propria tranquillità.

Preparare i pasti con cura, realizzando piatti belli anche da vedere è un’altra indicazione utile se, invece, a causa dello stress, l’appetito viene meno e magari si è colti da un forte senso di nausea. In questo caso, per evitare di saltare pasti e rimanere a stomaco chiuso, è preferibile consumare pasti leggeri e sani: insomma, meglio distribuire piccoli spuntini durante la giornata, come yogurt, frutta secca, biscotti e barrette di cereali che danno energia e nutrimento, senza appesantire.

Dopo ogni pasto, poi, per facilitare la digestione e prevenire sintomatologie come bruciore, pesantezza e reflusso, meglio alzarsi da tavola e fare una passeggiata, anche breve, di circa 10-15 minuti: sarà un’abitudine piacevole e sicuramente amica dello stomaco.

Passeggiare all’aria aperta o dedicarsi ad attività rilassanti è consigliato anche per alleviare lo stress e l’ansia e, quindi, risolvere alla radice i problemi che causano dolori e disturbi allo stomaco.

Leave a Reply