Rimedi della Nonna per pulire la cera delle candele

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

Il loro sfarfallio rassicura le buie notti, e diffondono in casa un’atmosfera romantica e profumata: sono le candele, note per giocare un ruolo importante sia nell’arredamento domestico che nella sicurezza.

Molto belle e allo stesso tempo molto utili, le candele in casa diventano un vero e proprio disastro quando cadono e la cera si sparge dappertutto. Sui divani, sui mobili, o sui tappeti, anche quando riesci a toglierla spesso l’alone che rimane ti fa pensare a buttare via tutto. Ma per fortuna c’è la Nonna con i suoi rimedi e i suoi consigli per pulire la cera delle candele!

Rimedi della Nonna per le candele

Le candele sono un oggetto d’arredamento funzionale, ma da maneggiare con cura. Quelle sottili possono rompersi facilmente e la cera calda può attaccarsi a mobili, tavoli, vestiti e tovaglie. A volte invece è difficile accendere la tua candela preferita. Ma per fortuna, ci sono molti rimedi ai problemi più comuni: continuando a leggere scoprirai come pulire la cera delle candele, mantenere la loro longevità ed evitare problemi ben peggiori.

una candela pulita che brilla

Congelatore

 
Quando si tolgono le candele dai candelabri dopo molto tempo, è possibile rimuovere le gocce di cera mettendole nel congelatore per un paio d’ore: la cera si indurirà e potrai eliminare l’eccesso. Alcuni conservano addirittura le candele nel congelatore, poichè quando verranno accese, inizieranno a gocciolare soltanto dopo ore.

Acqua salata

Per evitare il gocciolamento delle candele, immergile in una soluzione di acqua salata. Affinché questo rimedio funzioni, la soluzione deve essere il più forte possibile: una soluzione satura contiene abbastanza sale quando le particelle aggiunte non si sciolgono più in un contenitore di acqua riscaldata. Lascia le candele immerse per due ore, quindi asciugale.

Olio d’oliva

Quando strofini una piccola quantità di olio sui candelabri prima di inserire la tua candela preferita, sarà molto più facile rimuoverla quando sarà il momento, e anche la cera gocciolata si staccherà molto più facilmente.

Bottiglie di plastica

La plastica di una bottiglia può aiutare a proteggere il vento e tenere acceso il fuoco di una candela quando sei fuori. Basta tagliare la parte superiore e inferiore della bottiglia e posizionare la parte centrale sopra le candele.

Forno

Se sei interessato a riutilizzare il contenitore di vetro dopo che la tua candela è finita, puliscilo mettendolo in forno a 200 gradi. La cera rimanente si scioglierà e potrai buttarla via… ma non nel lavandino!

Carta cerata

Per proteggere quella costosa tovaglia che usi per le occasioni importanti, avvolgi le candele colorate nella carta cerata, in modo che il colore della candela non si stacchi sulla biancheria.

Spaghetti

Quando non riesci a raggiungere gli stoppini sul fondo di una candela, usa uno spaghetto non cotto: accendine un’estremità e usala come un fiammifero.

Alcol

Per pulire la cera delle candele, dopo averla rimossa dai vestiti, potresti affrontare il problema di una macchia persistente. Riempi un secchio con due parti di alcool e due parti di acqua fredda. Appoggia gli abiti con la macchia rivolta verso l’alto. Inumidisci un panno bianco nella soluzione e quindi asciuga la macchia di cera. Inizia dal bordo, muovendoti vicino al centro della macchia. Usa acqua fresca corrente per eliminare la miscela dagli indumenti, e procedi applicando un trattamento antimacchia al punto trattato. Infine, aspetta 15 minuti prima del lavaggio come al solito.

Carta bianca o carta igienica

Se la candela è gocciolata su un tappeto chiaro, per pulire la cera prova a rimuovere la macchia stirandolo su un foglio di carta bianca o di carta igienica, messo sopra preventivamente: la cera si scalda e si scioglie, e dovrebbe trasferirsi sulla carta.

Asciugacapelli

Per pulire la cera di una candela che ha gocciolato sul pavimento, usa un asciugacapelli per ammorbidire il materiale, che ti permetterà di staccarlo facilmente. Usa poi un tovagliolo di carta per rimuovere la cera in eccesso, infine pulisci con una miscela fatta da una parte di aceto bianco e una parte di acqua.

Ghiaccio

Un cubetto di ghiaccio può aiutare a rimuovere la cera di una candela che gocciola su una tovaglia o sui vestiti: strofina il ghiaccio sul tessuto, quindi usa un coltello smussato per raschiare delicatamente la cera, infine lava a 90 gradi in lavatrice. I cubetti di ghiaccio possono anche essere usati per indurire la cera della candela caduta sui pavimenti di legno, che puoi potrai raschiare via usando le unghie.

Sacchetto di ferro e carta

La cera è gocciolata su un divano o una tovaglia? Niente panico! Prova a mettere un sacchetto di carta marrone sopra la cera e poi stira la borsa, impostando il ferro a potenza medio. La cera dovrebbe trasferirsi sul sacchetto, in modo da poterla facilmente staccare.

Summary
Rimedi della Nonna per pulire la cera delle candele
Article Name
Rimedi della Nonna per pulire la cera delle candele
Description
Rimedi della Nonna per pulire la cera delle candele
Author
Publisher Name
Rimedi della Nonna
Publisher Logo
Loading...
Ancora nessun commento... sii il primo

Lascia un messaggio

Your email address will not be published.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.