Capelli unti? Ecco i migliori rimedi della Nonna

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (1 voto/i, media: 5,00 su 5)
Loading...

Non importa quanto lavi (o non lavi) i tuoi capelli, ci sono una serie di cause che possono farli diventarli unti, lisci al tatto produrre una lucentezza innaturale. Nella società odierna, i capelli unti sono una condizione comunemente associata a scarse abitudini di pulizia, ma per evitare indebiti imbarazzi o sguardi storti, ecco una serie di rimedi della Nonna per arrivare alla radice del problema.

Cause e sintomi


L’olio è un componente necessario per cuoio capelluto e capelli sani, in quanto impedisce che i capelli si spezzino, donando loro lucentezza. Tuttavia, quando le ghiandole sebacee responsabili della produzione di olio perdono il controllo, il risultato sono capelli che sembrano arruffati, unti o indisciplinati. Alcuni dei fattori che possono portare a capelli grassi includono: 

  • Umidità e calore intenso: durante l’estate, molte persone hanno i capelli unti perché il calore può causare un aumento del tasso di produzione di olio.
  • Ormoni: i cambiamenti negli ormoni, come l’androgeno (un ormone maschile) possono attivare le ghiandole sebacee. Allo stesso tempo, le donne prima del ciclo possono avere sbalzi ormonali che comportano la comparsa di capelli unti. Anche gli ormoni impetuosi degli adolescenti contribuiscono alla comparsa di capelli grassi. Quando gli ormoni raggiungono livelli normali, il problema di solito scompare.
  • Stress: livelli di stress aumentati possono aumentare la quantità di androgeno presente nel sangue di donne e uomini.
  • Ereditarietà: se i tuoi genitori hanno o hanno avuto capelli grassi, le possibilità che tu abbia lo stesso destino sono maggiori.
  • Tipo di capelli: poiché occupano meno spazio, i capelli fini di solito sono più portati ad avere alti livelli di produzione di olio.

Rimedi della Nonna per capelli unti


Contrariamente alla credenza popolare, i capelli unti possono arrivare fin da subito dopo un nuovo lavaggio. Dal momento che una chioma grassa è spesso legata a scarsa igiene, le persone sono costantemente alla ricerca di rimedi della Nonna per alleviare la sua comparsa. Dai comuni articoli per la casa che si trovano in cucina agli alimenti conservati in frigorifero, ecco quali sono i migliori rimedi per i capelli unti:

Liquore


Le bevande alcoliche non solo disidratano l’interno del corpo, ma possono anche asciugarne l’esterno. Combina un bicchierino di alcol con mezzo litro d’acqua per creare un risciacquo per i capelli. Non hai liquore forte in dispensa? Aggiungi una lattina di birra.

Aceto di mele


Riempi una piccola bacinella con acqua e aggiungi 50 ml di aceto di mele, immergici i capelli e poi lava accuratamente con acqua tiepida. Un altro approccio è quello di aggiungere la miscela a una bottiglia spray: semplicemente puoi spruzzare il contenuto sui capelli e poi risciacquare. Questo rimedio della Nonna aiuta a controllare l’accumulo di prodotti per la cura dei capelli, come i residui di shampoo.

Scegli uno shampoo chiaro


Scegli uno shampoo chiaro quando lavi i capelli, poiché tendono ad eliminare l’olio meglio dei prodotti che contengono ingredienti extra che possono lasciare un residuo.

Massaggia il cuoio capelluto


Mentre lavi i capelli, massaggia il cuoio capelluto per rimuovere l’olio in eccesso.

Smetti di usare il balsamo


Smetti di usare un balsamo dopo aver lavato i capelli, poiché questo prodotto è noto per rivestire i capelli con oli aggiuntivi che possono farli  appiattire entro la fine della giornata. Se l’uso del balsamo è un must, cercane uno che contenga la minor quantità possibile di olio. Inoltre, concentrati sul trattamento delle estremità anziché delle radici.

ragazza che non soffre più di capelli unti

Usa il tè


L’acido tannico presente nel tè agisce come un astringente, che può trattare un cuoio capelluto grasso. Prova a sciacquare i capelli con il tè diluito.

Menta

Fai bollire le foglie di menta in acqua per 15 minuti, quindi cola la soluzione, unisci il liquido a una bottiglia di shampoo da 300 ml e avrai creato un perfetto rimedio della Nonna per i capelli unti.

Succo di limone

È stato dimostrato che il succo di limone controlla l’olio e riduce la quantità di accumulo di shampoo. Spremi il succo da un limone e mescola con acqua, quindi usa questa soluzione come risciacquo, seguito da un risciacquo con acqua calda.

Aceto di malto

Aggiungi un cucchiaio di aceto di malto in un bicchiere d’acqua con un pizzico di sale, e applica due cucchiai di questa soluzione sul cuoio capelluto, usando i polpastrelli per massaggiare. La Nonna consiglia di ripetere questa procedura due volte a settimana per ridurre la quantità di olio che affligge il cuoio capelluto.

Lava i capelli più spesso

Quando hai i capelli unti, dovresti aumentare la quantità dei lavaggi. Per avere migliori risultati, potresti anche pensare di lavare i capelli tutti i giorni.

Collutorio

Rallenta la produzione di olio con un rimedio della Nonna davvero particolare, che vede applicare una miscela di parti uguali di amamelide e collutorio. Usa dei tamponi di cotone per applicare la soluzione sul cuoio capelluto: l’amamelide agisce come un astringente e il collutorio possiede proprietà antisettiche.

Summary
Capelli unti? Ecco i migliori rimedi della Nonna
Article Name
Capelli unti? Ecco i migliori rimedi della Nonna
Description
Capelli unti? Ecco i migliori rimedi della Nonna
Author
Publisher Name
Rimedi della Nonna
Publisher Logo
Loading...
Ancora nessun commento... sii il primo

Lascia un messaggio

Your email address will not be published.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.