La guida della Nonna per rimuovere le macchie da ogni superficie

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

Una delle domande più frequenti che ci viene posta riguarda la rimozione delle macchie dalle superfici più disparate. La Nonna è molto abile nello smacchiare, che si tratti di togliere le macchie dalle camicie oppure dai divani. Ma cerchiamo di fare chiarezza e di riordinare le idee una volta per tutte, in modo da avere sempre a disposizione un prontuario per come smacchiare in tutte le possibili situazioni. Siete pronti? Cominciamo!

Come rimuovere le macchie di sangue

Se vi tagliate durante la rasatura, se ricevete un graffio inaspettato dal vostro gatto o qualunque cosa possa accadere, è importante togliere le macchie di sangue dai vestiti al più presto possibile; le macchie di sangue sono relativamente facili da togliere agendo con prontezza, ma possono essere quasi impossibili da lavare dopo che sono passate 24 ore. Se riuscite a raggiungere la macchia prima che il tessuto la assorba, uno dei rimedi della Nonna più utilizzati è trattarla versandoci sopra dell’aceto bianco. Lasciate agire per 5-10 minuti, poi passate bene sopra con un panno o un asciugamano, ripetendo se necessario, infine lavatela immediatamente. Ma ci sono altri rimedi della Nonna per eliminare le macchie di sangue dai tessuti, vediamoli insieme.

Ammoniaca


E’ possibile rimuovere macchie di sudore, sangue e urina sui vestiti tamponando la zona con una soluzione al 50% di ammoniaca e acqua prima di mettere in lavatrice.

Acqua Ossigenata

Questo rimedio della Nonna funziona solo su macchie di sangue ancora fresche: Applicate dell’acqua ossigenata (o perossido di idrogeno) direttamente sulla macchia, sciacquate con acqua fresca, e poi lavate come al solito.

Cola

Questo rimedio della Nonna è ottimo per macchie di sangue che avvengono al di fuori delle mura di casa. Invece di aspettare di trattare la macchia quando si torna a casa, prendete la bottiglia più vicina di cola e iniziate a mettere ammollo il vestito. Se potete, tenetelo immerso nella cola per tutta la notte per avere migliori risultati.

Consigli su come togliere le macchie di sangue dai vestiti
Le macchie di sangue sui vestiti possono essere un problema, eliminiamole con i rimedi della Nonna!

Dentifricio

Provate a utilizzare dentifricio sui vestiti e biancheria sporchi di sangue, funziona bene su tessuti che possono essere lavati in lavatrice o accuratamente lavati a mano. Per procedere, applicate il dentifricio sulla zona macchiata di sangue, lasciate che il dentifricio secchi poi sciacquate con acqua fredda. Lavate la zona macchiata con sapone e risciacquate abbondantemente con acqua fredda, ripetendo se necessario. Attenzione: se usate questo rimedio su moquette, tappeti o mobili, correte il rischio che l’odore del dentifricio entri nel tessuto in modo permanente.

Amido di mais

Più veloce si agisce e meglio è. Che si tratti di abbigliamento o della biancheria da tavola, è possibile rimuovere o ridurre una macchia di sangue con questo metodo: fate un impasto di farina di granturco mescolato con acqua fredda, coprite la macchia con la pasta di amido di mais così ottenuta e strofinate delicatamente il tessuto. Adesso mettetelo al sole ad asciugare. Una volta asciutto, spazzolate i residui. Se la macchia non è completamente sparita, potete ripetere il processo.

Talco

Per rimuovere le macchie di sangue fresco dai vestiti, fate una pasta di acqua e polvere di talco e applicatela sulla macchia. Quando si asciuga, spazzolate con forza. Potete sostituire questo rimedio con l’amido di mais o farina di mais, se siete senza scorte di talco. Attenzione: potete utilizzare questo rimedio anche sui mobili!

Acqua fredda e salata

Non appena vi accorgete di avere una macchia di sangue sui vestiti, immergeteli subito in una pentola di acqua fredda salata. Lasciate assorbire per 3-4 ore, poi strofinate la macchia con detersivo liquido e mettete tutto in lavastoviglie.

Macchie di pastelli lasciate dai bambini

Oh no, il bambino mi ha sporcato il muro con dei pastelli! Probabilmente pensate che le pareti bianche e i mobili siano spacciati quando un bambino piccolo esprime il suo estro da Picasso su di loro. Per fortuna, i rimedi casalinghi per la pulizia dei segni da pastello consentono di risparmiare tempo, denaro e salute mentale, quando le pareti sono diventate una tela artistica. E ‘incredibile il numero di prodotti per la casa che possono diventare in un istante un prodotto per pulire le macchie dei pastelli. Quando si tratta di ripulire le pareti e i mobili che vengono a contatto con bambini e la loro creatività, potrebbe essere necessario prendere confidenza con uno  dei seguenti rimedi casalinghi per la pulizia di macchie da pastello:

  • bicarbonato di sodio: Cospargere un po’ di bicarbonato su un panno umido e pulire le macchie di pastello dalle pareti. Se il pastello si trova sulla vostra carta da parati, provate su una parte “nascosta” per vedere se la vostra carta da parati venga pulita e non si sfaldi, rovini o lo sporco da pastello non venga via in maniera uniforme.
  • Alcool: Mettere una piccola quantità di liquido infiammabile su un panno pulito ed eliminare i segni pastello sulle vostre pareti.
  • Maionese: Togliere i segni di pastello che hanno segnato i mobili in legno, sarà più facile se sfregherete la macchia, con una piccola quantità di maionese. Lasciate che la sostanza saturare per un paio di minuti. Pulire la superficie con un panno umido.
  • una gomma da matita: Provare a cancellare i segni di pastello sulle vostre pareti, utilizzando una semplice gomma da matita.
  • lacca per capelli: Spruzzare un filo di lacca per capelli su uno straccio per pulite i disegni di pastello sulle pareti e sulla carta da parati. Assicurati di testare su una piccola zona per assicurarsi che questo rimedio casalingo non causerà alcun danno. Non spruzzare la lacca per capelli direttamente sulle pareti – usare lo straccio. Ripulite con un panno leggermente umido.
  • Dentifricio: Applicare una goccia di dentifricio su un panno morbido – assicurarsi che il gel sia il tipo “bianco comune” e non una formula gel. Strofinare delicatamente il dentifricio sui segni del pastello e lasciatelo agire per qualche minuto. Utilizzare un pennello (setole dure) o uno spazzolino da denti, per rimuovere la macchia. Sciacquare bene con acqua.
  • aceto: Si possono trattare i segni di pastello più ostinati sulle pareti utilizzando uno spazzolino per strofinare una piccola quantità di aceto sulle macchie di pastello. Usare un panno umido per rimuovere i residui rimasti. Per la rimozione di pastello su capi di abbigliamento, immergere un vecchio spazzolino in aceto diluito e sfregare le macchie prima di mettere nel lavaggio.

Macchie di erba

Tutti noi da bambini eravamo la disperazione delle mamme, quando tornavamo a casa dal parco con i pantaloni o i jeans completamente verdi all’altezza delle ginocchia. Un rimedio della nonna classico e di semplice attuazione per i jeans è quello di immergere il capo da smacchiare nel latte. Attenzione a NON mettere in pratica questo rimedio se utilizzate capi leggeri in seta, lino o cotone è meglio utilizzare rispettivamente ammoniaca o alcool puro.

Come togliere le macchie di inchiostro

Per togliere via l’inchiostro, o almeno limitare i danni, è sufficiente lavare il vestito in acqua e sale, oppure in acqua e aceto. Anche in questo caso vi consigliamo di mettere in pratica questi rimedi della nonna soltanto se il capo è sufficientemente resistente. Nel caso di tessuti delicati vi consigliamo di tamponare la macchia con una miscela di acqua e succo di limone.

Come togliere le macchie di gomma da masticare

Eliminare la gomma da masticare per fortuna è semplice, e i risultati sono ottimi. Vi sarà sufficiente strisciare la parte sporca con un cubetto di ghiaccio. Per eliminare anche gli eventuali aloni basta passare un po’ di benzina.

Come togliere le macchie di fango

Come l’erba, anche il fango si presenta di frequente sui vestiti dei più piccoli: il consiglio è di far asciugare bene le macchie, quindi spazzolare il capo d’abbigliamento. Se necessario, si può anche tamponare con acqua e aceto gli aloni rimasti.

Come togliere le macchie di sudore

Le macchie causate dagli aloni di sudore sono particolarmente ostinate, oltre ad essere odiate perchè spesso costringono a buttare via un capo che adorate. Non fatelo! Leggete i rimedi della Nonna! Potete infatti immergere il vostro capo d’abbigliamento in acqua e ammoniaca oppure in acqua e aceto.

Come togliere le macchie dei cosmetici

Anche i cosmetici sono degli ottimi rovina-abiti. Di solito quando pensiamo a cosmetici che sporcano parliamo di rossetto. In questo caso utilizzate del talco: spargetelo sulla macchia, lasciate seccare facendo passare 5-10 minuti e poi strofinate energicamente.

Come togliere le macchie dal tappeto

Quasi tutti noi abbiamo almeno un tappeto nella nostra abitazione e quindi sappiamo bene che i tappeti si macchiano facilmente, e noi che facciamo? Cerchiamo di smacchiare il tappeto, ma se non ci riusciamo ed il tappeto non ha un gran valore, il tappeto finisce gettato in pattumiera. Per evitare di esser costretti a buttare il tappeto vi darò alcuni preziosi consigli su come smacchiare e pulire il tappeto. Ci sono 2 regole fondamentali che vanno seguite per eliminare tutte le tipologie e che si adattano a tutti i tappeti: non bagnare mai il tessuto e non sfregare la macchia. Il tessuto non va bagnato onde evitare di peggiorare la situazione.

Prendete una spugna o un panno umido e tamponate delicatamente la macchia. Se decidete di usare un detergente schiumogeno immergete la spugna o il panno nella schiuma (non nel detersivo liquido), avendo cura di liminare la schiuma in eccesso e poi tamponate. Non sfregate mai la macchia sul tappeto perché potrebbe rovinarsi la finitura del tessuto che lo compone. Sappiate che in commercio potrete trovare solventi e detergenti per ogni tipo di macchia. Potrete utilizzare questi prodotti in una dose molto molto piccola da tamponare sulla macchia per smacchiare il vostro tappeto con delicatezza evitando così di impregnare il tessuto ed estendere il danno. Ora passiamo ai consigli su cosa utilizzare per eliminare determinati e specifici tipi di macchie dal tappeto, perché tutte le macchie potranno essere rimosse, anche quelle di grasso, di inchiostro, di rossetto e via discorrendo.

macchie sui tappeti

Potrete sempre smacchiare il vostro tappeto,l’importante è sapere come ed ora andremo a parlare di ogni singola macchia e di come rimuoverla nel modo giusto per riavere il nostro tappeto intonso e pulito. Per eliminare una macchia di grasso vi basterà utilizzare un detersivo per i piatti incolore oppure del bicarbonato di sodio. Per eliminare dal tappeto le macchie più frequenti come caffè, tè, olio o sangue, invece potrete usare una soluzione forte di detersivo in polvere. Le macchie d’inchiostro, rossetto, lucido da scarpe, pastelli a cera, vanno trattate semplicemente con un po’ di alcool denaturato, mentre le macchie di colla e residui appiccicosi di nastro adesivo serve l’acetone. Con questi consigli finalmente non dovrete più esser costretti a buttare il tappeto macchiato perché riuscirete a pulirlo sempre e comunque.

Come togliere le macchie di cibo

E non manca mai … più i cibi saranno unti, succosi, pieni di colore, più facilmente troveranno la loro strada sulla vostra camicia, tovaglia o moquette. Mentre guardi la decolorazione dei tuoi capi, non perdere la speranza, esistono i vecchi rimedi della Nonna che potranno darti una mano.

Ci sono molti fattori che possono aumentare la difficoltà di rimozione di una macchia d’alimento. Per cominciare, il colore dell’alimento svolge un ruolo importante – gli alimenti più scuri (come, ad esempio, le bacche rosse) rappresentano il problema più grande. Se il cibo è grasso o unto influisce sul successo della smacchiatura. Maionese, condimenti per insalata, pollo fritto possono lasciare una macchia o possono scolorire l’indumento, se lo sporco non è trattato adeguatamente. La cosa fondamentale sarà agire tempestivamente, così da impedire che la macchia di cibo, si “insedi” nell’indumento, rendendola più difficile da trattare.

  • Acqua Fredda: Alcune macchie di succo di frutta e le macchie di bacche possono essere facilmente rimosse con acqua corrente fredda sopra le macchie. E ‘importante agire rapidamente contro questo tipo di macchie. Potrebbe essere necessario immergere il capo in una bacinella con acqua tiepida e 4 cucchiai di bicarbonato per rimuovere definitivamente le macchie.
  • Acqua bollente: Per rimuovere macchie di frutti di bosco (fragole in particolare) da indumenti e biancheria in cotone bianco, versare acqua bollente sulla macchia. Trattare la rimanenza delle macchie con del bicarbonato, mischiato con dell’acqua.
  • Acqua tiepida: Per togliere le macchie di gelato o di panna da materiali lavabili, basterà fare delle spugnature con acqua tiepida. Concludete il lavaggio lavando il capo di abbigliamento come al solito.
  • Coltello: Utilizzare un coltello per rimuovere l’eccesso di cibo (come il cioccolato e/o alimenti per l’infanzia) prima di utilizzare una soluzione per il lavaggio.
  • Pane: Per rimuovere delle macchie di cibo (come barbabietole), basterà tamponare con un pezzo di pane bianco per assorbire una parte del liquido.
  • Asciugamani di carta: Quando avete bisogno di cancellare una macchia “umida”, i tovaglioli di carta bianca sono eccezionalmente assorbenti.
  • Crema da barba: Un po’ di crema da barba può tornare utile dopo aver rovesciato della salsa di pomodoro sulla vostra camicia. Spruzzare la crema sulla macchia e strofinare delicatamente, lasciate che i residui si secchino prima di lavare come al solito.
  • Acqua fredda e sale: Per trattare una macchia a base di salsa di pomodoro, trattatela con acqua fredda, e successivamente cospargere la macchia con del sale in modo che possa assorbire il liquido. Dopo pochi istanti, pulire la macchia con della soda prima di mettere a lavaggio.

Macchie di vino

Spesso si pensa che le macchie di vino non vadano via, ma non è vero. Quando ancora la macchia è fresca, spargetevi del sale sopra e fate asciugare il capo. A questo punto lavatelo come se nulla fosse, e la macchia di vino sarà soltanto un lontano ricordo.

macchia di vino

Macchie di tè

Restiamo nella convivialità e nelle bevande, e trattiamo le macchie di tè. A prima vista sono meno insidiose delle macchie di vino a causa dell’alto contenuto d’acqua contenuto nella bevanda, ma non è detto che il danno non sia banale. Per sbarazzarvi di questa macchia potete fare una miscela di acqua e limone, e tamponare la parte sporca di tessuto con questa soluzione. Fortunatamente il limone non manca mai quando si beve del tè!

Macchie di cioccolato

Le macchie di cioccolato sono difficili da eliminare, ma possibili. Dovrete lavare a freddo con un po’ di sapone liquido, poi sfregare e tamponare con acqua. Ripetete il procedimento fino a che la macchia non sarà un ricordo.

Macchie di unto

Come ben sappiamo, gli aloni d’unto rischiano di rovinare in modo irreparabile i nostri abiti, quindi è necessario agire nel modo migliore. In linea generale è consigliato rimuovere l’eventuale grasso rimasto, poi coprire la macchia con saponaria o talco. Dopo aver lasciato agire per qualche minuto è necessario rimuovere la polvere assorbente, spazzolando delicatamente. Se il capo macchiato è in lana, dopo aver spazzolato via la polvere, si può intervenire sulla macchia con una soluzione formata da alcol, ammoniaca ed etere, quindi coprire l’alone con carta assorbente e passarci sopra il ferro da stiro caldo. Infine nel caso in cui il capo sia di cotone si può sfregare con sapone e successivamente procedere con il solito lavaggio in lavatrice.

Macchie di caffè

La fretta accompagna la colazione di molti e tra gli effetti negativi di un caffè bevuto in piedi in pochi secondi vi è la possibilità di macchiarsi gli abiti. Quando ciò accade si può intervenire prontamente tamponando con acqua tiepida la macchia appena fatta, se necessario aggiungendo anche qualche goccia di acqua ossigenata all’acqua, sempre verificando che i tessuti possano sopportare tale soluzione. Se, invece, non si ha tempo a sufficienza per rimediare subito al danno ed è necessario intervenire su macchie di caffè vecchie si può usare la glicerina per tamponare l’alone e qiundi completare l’opera con l’alcol.

Macchie di champagne

Se il brindisi è a base di champagne, invece che di vino, non vi sono ugualmente problemi di fronte ad eventuali macchie? E’ infatti sufficiente preparare un composto a base di sapone da bucato e potassa poi procedere a stendere tale pasta sulla macchia. In questo caso è consigliabile lasciare riposare per qualche ora e concludere l’operazione tamponando con acqua.

Macchie di pomodoro

Se la macchia è fresca, applicare del borotalco, lasciare asciugare e poi sciacquare con acqua calda e sapone. Se la macchia di pomodoro è secca, mischiare acqua e bicarbonato, così da realizzare un composto denso, applicare sulla macchia e lasciare agire per circa 5 minuti, sciacquare e lavare normalmente.

E’ possibile usare anche il detersivo per lavare i vetri: spruzzare la macchia e lasciare riposare per 15 minuti. Usare un panno pulito per asciugare la macchia, e poi sciacquare con acqua fredda. Questo rimedio non è consigliato per la seta, lana, o le loro miscele.

Summary
La guida della Nonna per rimuovere le macchie da ogni superficie
Article Name
La guida della Nonna per rimuovere le macchie da ogni superficie
Description
La guida della Nonna per rimuovere le macchie da ogni superficie
Author
Publisher Name
Rimedi della Nonna
Publisher Logo
Loading...
Ancora nessun commento... sii il primo

Lascia un messaggio

Your email address will not be published.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.