Fitness e salute, le verità scomode

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

Per molti esperti o appassionati del settore wellness, sta diventando sempre più importante documentarsi sulle novità nell’ambito fitness, ma anche sulle correlazioni tra benessere, salute psicofisica e attività motoria. I numerosi siti, una marea praticamente, che sono attivi da questo punto di vista, propongono continuamente news e consigli, “fitness tips”, ma a volte diramano le informazioni in modo contraddittorio.

Per questo è necessario orientarsi al meglio, vagliando le fonti di quanto viene dato come verità assoluta, in particolare per le ricerche sulla risposta metabolica e dell’organismo durante e dopo l’attività sportiva.

Chi segue dei corsi personal trainer, oppure lavora nel settore, di certo sa che le ricerche sono sempre in atto, e non tutte possono essere sempre d’accordo su alcuni argomenti, però ci sono dei punti fermi, che è sempre meglio chiarire per chi pratica attività fisica in modo costante.

Spesso si presentano dei “falsi miti”, magari sussurrati negli spogliatoi, riguardo ad esercizi e attività molto richieste per il loro potere dimagrante o di presunto benessere cardiovascolare.

Ebbene, per sfatarne alcuni, o almeno fornire dei dubbi a riguardo, abbiamo pensato di predisporre una lista di argomenti da chiarire.

Allenarsi tutti i giorni fa male

Niente affatto. Dipende dall’intensità del training, dato che l’attività può essere anche non eccessiva ed essere tranquillamente tollerata dal corpo. Di certo non ci si può allenare in modo intenso tutti i giorni, se non si è degli atleti, ma con una scheda training diversificata, è fattibile e di certo non dannoso.

Allenarsi fa venire fame

I pigri insistono molto su questo punto, per chi vuole dimagrire ma non vuole impegnarsi in palestra più di una volta a settimana. In realtà, dopo un allenamento intenso, la fame si calma, lo stimolo al mangiare non è più così pressante e, quindi, si può approfittare di un momento in cui il corpo continua a bruciare calorie mentre la mente, rilassata, non richiede subito un reintegro.

L’attività sportiva brucia i grassi

L’esercizio più intenso, in realtà brucia i carboidrati, ovvero gli zuccheri. Si consumano calorie, ma i grassi vengono intaccati solo dopo aver bruciato tutti i carboidrati, con un lavoro intenso.

Non si deve bere mentre si fa attività fisica

Un falso mito, seppur nato anche per esigenze pratiche, il reintegro dell’acqua è possibile sia durante che dopo ogni allenamento, dato che il corpo è surriscaldato e tramite il sudore evapora le riserve di acqua.

Allenarsi costantemente consente di mangiare molto

I benefici dell’attività fisica non vanno vanificati con delle frequenti abbuffate di cibo, dato che l’organismo si sovraccarica di calorie, che non sempre riescono ad essere bruciate in una sessione di fitness. Per esempio, per smaltire un’abbondante porzione di patatine fritte, è necessario fare circa 2 ore di aerobica.

Le proteine vanno assunte prima dell’allenamento

in realtà, il momento più importante è quello dopo il training, quindi è consigliabile assumere prima i carboidrati mentre le proteine possono essere assunte sia prima che dopo, anche distribuendole lungo tutta la giornata.

Per eliminare la pancia bisogna fare molti addominali

Non solo. Di certo un lavoro sui muscoli addominali aiuta la tonificazione, ma la verità è che la riduzione del grasso sulla pancia avviene tramite un lavoro di dieta alimentare ipocalorica e attività fisica che bruci le calorie ogni giorno introiettate.

Utilizzare i pesi in palestra gonfia i muscoli

Sbagliato. Se si sollevano dei pesi per 2 volte la settimana, con esercizi limitati nel numero e nel carico, non avviene nessuna ipertrofia. Inoltre, si può lavorare su ogni gruppo muscolare, per armonizzare ogni definizione muscolare.

Gli integratori alimentari fanno crescere i muscoli

No. Da soli, non servono a nulla, mentre possono funzionare in connubio con un allenamento mirato allo sviluppo della massa – possono aiutare i muscoli a recuperare in fretta dagli sforzi, nutrendo alcuni processi che aiutano a crescere la massa.

Un allenamento al di sotto dei 60 minuti è inutile

Falso. Il miglior tempo per allenarsi è di circa 30 minuti, per 3-4 volte settimanali, il che assicura dei risultati migliori di un training di un’ora fatto in tempi più lunghi (tipo 2 volte a settimana).

I grassi vanno eliminati dalla dieta

la parte di lipidi deve rimanere presente in ogni dieta equilibrata, per questo non vanno mai eliminati i grassi del tutto. Sono delle fonti importanti di energia e di vitamine fondamentali per gli ormoni e per le componenti cellulari.

Per dimagrire i glutei servono molti esercizi mirati

il grasso sui glutei non sparisce tramite il solo esercizio fisico, come per la pancia. Il dimagrimento localizzato non si crea con un lavoro sulle fasce muscolari, che invece può essere ottimo per tonificare. Si aumenta la tonicità del muscolo del gluteo, ma per dimagrire è necessario un lavoro di dieta.

Le pedane vibranti fanno dimagrire

Le calorie bruciate non sono così elevate, e quindi non rappresentano uno strumento in grado di permettere una perdita di peso agevole.

Summary
Fitness e salute, le verità scomode
Article Name
Fitness e salute, le verità scomode
Description
Fitness e salute, le verità scomode
Author
Publisher Name
Rimedi della Nonna
Publisher Logo
Loading...
Ancora nessun commento... sii il primo

Lascia un messaggio

Your email address will not be published.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.