Guida completa per togliere l’odore di urina dei gatti da divani, tappeti e tessuti

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

Quando il tuo gatto fa pipì fuori dalla lettiera, l’odore può essere difficile da eliminare e quasi impossibile da mascherare. Sia che il gatto faccia i suoi bisogni su un tappeto, sulla biancheria da letto o sui vestiti, è importante neutralizzare l’odore sia per evitare imbarazzi che per evitare che il gatto diventi recidivo, dato che spesso i nostri amici a quattro zampe tornano in un posto dove hanno precedentemente urinato se l’odore non è andato via.

Ma per fortuna la Nonna ti viene in aiuto, grazie a questa guida completa per eliminare gli odori di urina di gatto da casa tua. Prova ad usare questi rimedi naturali, semplici ed efficaci, e il cattivo odore sarà soltanto un lontano ricordo!

Prodotti per pulire l’urina del gatto

Più a lungo l’urina di gatto rimane sui tessuti, peggiore diventa la puzza. L’odore diventa infatti più concentrato nel tempo; inoltre, una volta che una macchia di urina si asciuga, potresti non vederla più, ma ne sentirai ancora l’odore, e così anche il tuo gatto, portandolo a segnare nuovamente l’area.

Non fare come molti proprietari di gatti, che non puliscono abbastanza velocemente: la chiave è agire fin da subito.

Fortunatamente, ci sono diversi rimedi per neutralizzare l’odore, compresi prodotti naturali come aceto o bicarbonato di sodio, oltre naturalmente ai detergenti enzimatici che si trovano in commercio.

Molti riconoscono che l’aceto, anche se un po’puzzolente, funzioni benissimo per rimuovere l’odore duraturo di urina di gatto, poichè è un acido che neutralizza i sali alcalini che si formano nelle macchie di urina secca. Per pulire pareti e pavimenti è possibile utilizzare una soluzione composta da una parte di acqua e una parte di aceto. L’odore di aceto si placherà dopo pochi giorni, portando via con sé l’odore di urina.

Altri credono che l’arma più potente nella lotta contro l’eliminazione degli odori nei tappeti, cuscini del divano, materassi e lenzuola sia un detergente a base di enzimi, che si trova nei negozi di animali. Gli enzimi di questi prodotti in realtà abbattono l’acido nelle urine di gatto, contribuendo allo stesso tempo ad eliminare l’odore. Questi detergenti contengono enzimi naturali e batteri utili per sbarazzarsi dei batteri cattivi che causano gli odori sgradevoli.

Quando si pulisce una superficie, è importante arrivare non solo a non sentir più l’odore dell’urina, ma ad un punto tale che anche il gatto non riesca a sentirne l’odore: quando un gatto è in grado di annusare l’urina (sua o di un altro gatto), quell’area verrà probabilmente utilizzata di nuovo.

Ma soprattutto, dovrete evitare qualsiasi prodotto per la pulizia che contenga ammoniaca. L’ammoniaca è infatti un componente dell’urina del gatto, e se i gatti la sentono è più probabile che vadano lì a fare i loro bisogni. Inoltre, l’ammoniaca e altri detergenti chimici possono spesso macchiare a loro volta, l’opposto di quello che stai cercando di fare.

l'odore di urina del gatto ti disturba e non sai come toglierlo? Usa i rimedi della Nonna!

Come togliere l’odore di urina di gatto dalle superfici di casa

Vediamo adesso i migliori rimedi della Nonna per rimuovere l’urina di gatto da tappeti, cuscini, materassi e biancheria per la casa.

Dal tappeto

Dovrai trovare la macchia il prima possibile e asciugare più urina possibile con un panno pulito. Quindi, sciacqua la zona con acqua pulita e rimuovi il liquido con un aspirapolvere. Non usare un pulitore a vapore, dato che il calore può evidenziare la macchia. Segui poi la pulizia con un detergente enzimatico.

Dato che i detergenti enzimatici sono in formato spray, spruzzarne un leggero strato sulla macchia non farà molto. Per questo motivo, rimuovi lo spruzzatore e usalo abbondantemente. Lascia poi riposare il detergente per 10-15 minuti e asciuga il più possibile con un panno pulito. Per evitare che il gatto ritorni sul posto durante la pulizia, metti un foglio di alluminio o una teglia di alluminio sull’area o coprila con un cesto per biancheria rovesciato. Per le macchie più vecchie o particolarmente odorose, potrebbe essere necessario riapplicare il detergente e lasciarlo asciugare di nuovo.

L’urina può spesso impregnarsi attraverso il tappeto e lasciare una macchia e un odore che non possono essere rimossi con un detergente per tappeti e olio di gomito. In questo caso, neutralizza il cattivo odore utilizzando un olio essenziale, poi usa l’antimacchia e infine sostituisci l’imbottitura del tappeto.

Una volta che hai pulito una particolare area, per evitare che capiti di nuovo, cambia il significato di quell’area al tuo gatto. In altre parole, poiché i gatti preferiscono mangiare e fare i bisogni in aree separate, metti la sua ciotola o gioca con il gatto in quello spazio, e lascia lì i suoi giochi.

Dal cuscino

I cuscini possono essere puliti in modo simile ai tappeti: metti l’area interessata del cuscino in acqua, tampona il più possibile l’urina del gatto con un asciugamano, quindi immergi il cuscino lentamente versando il detergente enzimatico intorno all’area interessata.

Lascia riposare per 15 minuti, quindi elimina la maggior quantità di detergente enzimatico in eccesso possibile prima di ripulire con un asciugamano. Se puoi, lascia il cuscino all’esterno il più a lungo possibile mentre si asciuga. Poiché i cuscini impiegano giorni per asciugare, metti un foglio di alluminio sotto al cuscino, quindi metti un secondo strato di pellicola sopra la parte superiore del cuscino per scoraggiare il gatto da farci nuovamente pipì sopra.

Dal materasso

I materassi richiedono lo stesso procedimento dei cuscini. Dopo aver applicato il detergente enzimatico, lasciandolo riposare e asciugare, metti diversi strati di asciugamani puliti sull’area e quindi riassetta il letto. Cambia gli asciugamani ogni giorno fino a quando il materasso non sarà completamente asciutto. Per scoraggiare il vostro gatto da farci pipì mentre il materasso si asciuga, copri il letto con un grande foglio di plastica o un telo quando non lo stai usando.

Cuscini e materassi spessi possono richiedere diverse applicazioni per rimuovere completamente l’urina di gatto.

Da biancheria e vestiti

Se la biancheria da letto e i vestiti sono lavabili in lavatrice, prima sciacquali nel lavandino con acqua fredda, quindi aggiungili alla lavatrice con detersivo e bicarbonato, con l’aggiunta di aceto di mele. Se dopo il lavaggio riesci ancora a sentire l’odore dell’urina, aggiungi il detergente enzimatico al carico (seguendo le istruzioni sulla confezione) ed esegui nuovamente un ciclo di lavaggio.

Ricorda di non usare mai candeggina: se mescolata con ammoniaca e urina di gatto, può causare gas nocivi. Asciuga sempre la biancheria all’aria aperta, poiché il calore dell’asciugatrice potrebbe bloccare l’odore prima che sia completamente sparito. Potrebbe essere necessario effettuare il risciacquo una o più volte finché l’odore di urina di gatto non sarà completamente sparito.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Summary
Guida completa per togliere l'odore di urina dei gatti da divani, tappeti e tessuti
Article Name
Guida completa per togliere l'odore di urina dei gatti da divani, tappeti e tessuti
Description
Guida completa per togliere l'odore di urina dei gatti da divani, tappeti e tessuti
Author
Publisher Name
Rimedi della Nonna
Publisher Logo
Loading...
Ancora nessun commento... sii il primo

Lascia un messaggio

Your email address will not be published.

Informazioni aziendali
Idea e realizzazione:


P.IVA 06567400483

Copyright © 2017
Tutti i diritti riservati
Responsabilità
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
In caso di controversie vi preghiamo di contattarci ed entro 24 ore eventuali contenuti non autorizzati saranno rimossi.
Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.