I migliori sostituti del caffè: orzo tostato, malto e altre bevande

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

Non si può certo dire che il caffè è buono o cattivo per la salute. Alcuni suggeriscono che dovrebbe essere consumato regolarmente, altri lo includerebbero nella lista dei cibi nocivi. Tutto dipende dal corpo di ogni persona e da quanto se ne beve, certo è che ci sono altre scelte altrettanto ricche e forse più sane.

In questo articolo la Nonna vi spiegherà quali sono i migliori sostituti del caffè, a cominciare dall’orzo tostato, perfetto per rimpiazzare gli effetti della caffeina.

Orzo tostato: cosa c’è da sapere

Il caffè d’orzo è un infuso a base di questo cereale dopo che è stato arrostito. E’ tra i sostituti del caffè più noti in diversi paesi occidentali ed è molto popolare in alcune zone della Spagna (Valencia e Murcia), Regno Unito e Messico.

In Oriente il tè d’orzo viene servito tutto l’anno, sia caldo che freddo. Nei tempi antichi, i semi di orzo venivano arrostiti e poi bolliti in acqua calda. Questo metodo è ancora utilizzato in alcune zone della Corea e del Giappone.

Negli anni ’80 andarono in vendita le bustine, e le macchine da caffè negli uffici iniziarono ad includere questa bevanda tra le opzioni. Il caffè d’orzo viene oggi venduto torrefatto e macinato, e miscelato con ingredienti quali il radicchio come una sostituzione del caffè convenzionale.

Caffè di malto

Il malto è uno dei derivati ​​dell’orzo (uno dei cereali più completi e sani in circolazione). Il caffè ottenuto dopo la tostatura e la macinazione dei chicchi è senza caffeina. Per questo motivo è uno tra i sostituti del caffè consigliati per i bambini, le donne incinte o le persone anziane.

Il malto ha le stesse proprietà dell’orzo puro, quindi è una meravigliosa fonte di nutrizione e un ingrediente per una alimentazione sana. Uno dei molteplici benefici del caffè di malto è che mette da parte gli effetti collaterali nocivi del caffè normale, per esempio, ansia, insonnia e nervosismo.

Poiché il gusto dell’orzo tostato è simile a quello di un tradizionale caffè, non viene percepita quasi nessuna differenza, soprattutto se si addolcisce o si mescola con il latte. In quanto alle sue proprietà nutritive, il malto fornisce magnesio, potassio, fosforo e fibra solubile. La fibra d’orzo è di per sé molto vantaggiosa per le persone che soffrono di diabete, poichè ritarda l’assorbimento del glucosio e favorisce la sua riduzione. Inoltre assorbe il colesterolo degli altri alimenti consumati e offre una buona dose di antiossidanti.

Orzo e malto: usati fin dai tempi antichi

L’orzo è il cereale più antico usato per fare il pane e bevande come la birra. Sin dai tempi antichi si conoscono i suoi benefici ottenuti attraverso il processo di maturazione. Ippocrate, Platone e Pitagora consigliavano questo cereale ai loro studenti perché aumentava la concentrazione e il pensiero razionale.

I Sumeri lo usavano per fare una bevanda simile alla birra (la cui tecnica è usata ancora oggi) e gli scozzesi lo utilizzano per la loro bevanda tradizionale: il whisky. I Celti consideravano l’orzo un dono degli dei perché permetteva loro di aumentare la temperatura corporea in inverno e credevano anche che potesse far rivivere i morti.

I nutrienti dell’orzo tostato e del malto hanno molteplici vantaggi come:

  • Formazione di denti e ossa
  • Regolazione ormonale
  • Metabolismo di grassi e proteine
  • Degradazione di carboidrati in glucosio
  • Calmare il sistema nervoso
  • Stimolare la digestione

sostituti del caffè: orzo, malto e altri ancora

Altri sostituti del caffè

Le persone che bevono caffè hanno problemi nello smettere di assumerne, e ne bevono quantità sempre crescenti. Credono che sia il combustibile giusto per il corpo e per rimanere svegli nelle prime ore del mattino. E’ vero, ma ha anche effetti negativi sulla salute, come insonnia, incubi o eccitazione del sistema nervoso.

Se state tentando di smettere di bere caffè, meglio non eliminarlo radicalmente, perché vi sentirete molto stanchi. Una buona idea è quella di cercare sostituti del caffè come il decaffeinato in modo da ingannare il cervello.

In secondo luogo, è indispensabile limitare il consumo ad una tazzina al giorno. Si può scegliere il momento migliore della giornata: alcune persone preferiscono berlo dopo pranzo per non addormentarsi in ufficio, o di sera come rito familiare.

I migliori sostituti del caffè sono orzo tostato, malto e segale perché hanno sapore, aroma, colore e consistenza simile. Altre opzioni interessanti sono il tè alla menta e persino la cicoria in quanto, essendo amara, fa “credere” al cervello che sta consumando caffè come al solito. Nel caso di quest’ultima pianta, è molto più sana e offre numerosi vantaggi quali:

  • Favorisce il processo digestivo
  • Riduce la stitichezza
  • Migliora la circolazione sanguigna
  • Accelera il metabolismo (ideale per coloro che sono in sovrappeso)

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Loading...

Lascia un messaggio alla Nonna

Scrivi il dato mancante dell\'operazione che leggi qui sotto