Intolleranza al glutine? Non è detto, ecco gli errori dei medici più comuni

 

L’intolleranza al glutine può causare una serie di sintomi spiacevoli, e ricevere una diagnosi può essere l’inizio di una vita nettamente migliore. Tuttavia, la verità è che un sacco di altre malattie vengono comunemente confuse con l’intolleranza al glutine, un errore che può causare danni a lungo termine e minare drasticamente la qualità della vita. Ecco alcune malattie che causano sintomi simili all’intolleranza al glutine e che dovrebbero essere sempre considerate nel corso di un’indagine sui sintomi gastrici.

Sindrome dell’intestino irritabile

Con molti degli stessi sintomi dell’intolleranza al glutine, la sindrome dell’intestino irritabile può causare attacchi di crampi allo stomaco che vanno da acuti a gravi, gonfiore, costipazione e/o diarrea. La sindrome dell’intestino irritabile è più comune dell’intolleranza al glutine: una persona su cinque ne viene colpita ad un certo punto della vita. I principali fattori scatenanti della sindrome dell’intestino irritabile sono lo stress e alimenti specifici (ad esempio pasti piccanti), ma il medico potrebbe erroneamente pensare che siete intolleranti al glutine dato che molti cibi che la scatenano contengono glutine.

Morbo di Crohn

Un’altra malattia che dura per tutta la vita, il morbo di Crohn è simile all’intolleranza al glutine nella misura in cui colpisce l’intestino e può essere migliorata a seguito di una dieta rigorosa. I sintomi sono crampi acuti allo stomaco, diarrea, affaticamento e perdita di peso. Tuttavia, a differenza dell’intolleranza al glutine, il morbo di Crohn divampa e va in remissione per settimane o mesi alla volta. Questa è una malattia relativamente rara, ed è per questo che è così spesso mal diagnosticata.

Giardiasi

La giardiasi (chiamata a volte anche giardia) è simile all’intolleranza al glutine, causando sintomi come diarrea, stomaco gassoso, flatulenza, gonfiore, crampi addominali e nausea. La condizione è causata da un parassita da acqua contaminata, solitamente non trattata in fiumi o laghi. Gli individui che hanno questa infezione possono trattarla con un ciclo di cure specifico, anche se vale la pena notare che la giardiasi a volte passa attraverso l’organismo e va via da sola.

Fibrosi Cistica

Con sintomi come mancanza di appetito, la mancanza di energia e perdita di peso, la fibrosi cistica può essere diagnosticata erroneamente come intolleranza al glutine. Tuttavia, coinvolge anche più sintomi ovviamente diversi, quali problemi respiratori e tosse causata da muco. La fibrosi cistica può anche causare infezioni frequenti al torace e dispnea occasionale oltre a mancanza di respiro. Anche se non c’è alcuna cura, ci sono molti farmaci che possono ridurne i sintomi, oltre a rimedi naturali che includono terapie respiratorie e nutrizionali.

Allergia al grano

E’ ironico che, anche se il grano è parte della famiglia del glutine, una allergia al grano sia diversa dall’intolleranza al glutine! I sintomi includono nausea, crampi allo stomaco, indigestione, diarrea e vomito, ma una allergia al grano provoca in genere problemi aggiuntivi come eruzioni cutanee, mal di testa, starnuti e naso che cola. Oltre a seguire una dieta rigorosa, chi ha un’allergia al grano dovrebbe evitare prodotti non alimentari che contengono il grano (come ad esempio alcuni prodotti per il bagno).

Diabete di tipo 1

Con sintomi tra cui perdita di peso, crampi allo stomaco, vomito e stanchezza, il diabete di tipo 1 può essere mal diagnosticato come intolleranza al glutine. Tuttavia, con altri sintomi come minzione frequente, sete eccessiva e visione offuscata, il diabete di tipo 1 alla fine viene individuato. Poiché non esiste una cura per il diabete di tipo 1, l’attenzione va posta sul suo controllo attraverso iniezioni di insulina e l’alleviare i sintomi per aiutare l’individuo a vivere una vita normale.

Colite ulcerosa

La colite ulcerosa è comunemente diagnosticata come intolleranza al glutine, grazie a sintomi quali diarrea ricorrente, crampi allo stomaco, stanchezza, perdita di peso e frequenti movimenti intestinali. Tuttavia, questa condizione può avere un picco ogni poche settimane o mesi, causando sintomi quali febbre alta, dolori articolari, ulcere della bocca e occhi irritati. Il trattamento può includere diversi tipi di farmaci, e nei casi più gravi persino la chirurgia può essere un’opzione da prendere in considerazione.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Loading...

Lascia un messaggio alla Nonna

Scrivi il dato mancante dell\'operazione che leggi qui sotto