10 sintomi di depressione da non ignorare

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

La depressione è uno dei disturbi meno compresi del nostro tempo. Le persone hanno la tendenza a trascurare ciò che non possono vedere fisicamente come occasionali sbalzi di umore o un breve periodo di sconforto, niente che un cono di gelato al cioccolato o un buon sonno notturno non possa risolvere. Per queste persone, “disordine” e “malattia” sono termini riservati a cose più gravi, e “sensazione di depressione” proprio non è adatto. Niente è più dannoso per un paziente malato di depressione sentire tali opinioni ignoranti e impertinenti. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), circa 350 milioni di persone di varie età in tutto il mondo soffrono di depressione. Se non trattata, può portare al suicidio.

Sì, è normale sentirsi giù quando si affrontano le sfide della vita di tutti i giorni, ma questi sentimenti di solito regrediscono con il tempo e non alterano negativamente la vita in modi importanti. Tuttavia, la depressione è molto più di una reazione emotiva temporanea: la depressione è un disturbo mentale. Può causare sintomi che non migliorano con il passare del tempo, rovinare completamente la vostra vita quotidiana e deteriorare gravemente la qualità della vita personale, sociale e professionale. Fattori come la mancanza di informazioni, mancanza di medici professionisti addestrati, diagnosi errate e lo stigma che circonda in generale i disturbi mentali sono la ragione per cui meno della metà dei malati di depressione chiede e riceve un trattamento adeguato. Il primo passo verso la lotta contro qualsiasi disturbo è identificare i suoi sintomi ed esserne consapevoli. Ecco 10 segnali premonitori della depressione da non ignorare.

Bassa autostima e sensi di colpa

La mancanza di fiducia in se stessi, sentimenti di colpa e una visione desolante di ciò che riserva il futuro sono sintomi di depressione clinica. Alcune persone possono non tenersi in alta considerazione, ma altre possono sentirsi disgustate di sè stesse. Alcuni possono anche esprimere un accresciuto senso di colpa e darsi la colpa eccessivamente per errori del passato. I pazienti di depressione sono spietati di loro stessi, e solo in pochi casi danno la colpa agli altri o esprimono sentimenti negativi verso di loro. Ciò dimostra che il senso di colpa è fondamentale per la depressione clinica. Auto-disgusto, senso di colpa e vergogna sono i sintomi che si verificano di frequente.

Fatica

La fatica è un sintomo che si verifica comunemente nei pazienti malati di depressione. La serotonina è il neurotrasmettitore emesso dal nostro cervello responsabile della creazione di sentimenti di felicità. Allo stesso modo, l’adrenalina è il neurotrasmettitore responsabile di creare energia. Biologicamente, la depressione clinica sopprime i livelli di serotonina prodotta dal cervello, che a sua volta innesca una minore produzione di altri neurotrasmettitori, tra cui l’epinefrina e ciò si traduce in stanchezza cronica. Un paziente malato di depressione si sente fisicamente stanco anche dopo un sonno adeguato e senza aver fatto molta attività fisica. Questo farà sì che salga anche la stanchezza mentale, rendendo il paziente impossibilitato ad impegnarsi in qualsiasi attività.

Insonnia

Il processo di omeostasi del corpo dice quando siamo stati svegli abbastanza a lungo ed è l’ora di dormire. Il processo circadiano del corpo mantiene la sonnolenza e la veglia durante il giorno. La depressione scombina questi sistemi singoli che aiutano a dormire. Infine, l’insonnia che persiste dopo la depressione aumenta il rischio di diventare ancora una volta clinicamente depressi. E’ importante prendere in considerazione questa possibilità quando si cerca un trattamento per la depressione.

Rabbia e irritabilità

Insieme ad un senso prolungato, evidente e schiacciante di disperazione, c’è un altro sentimento caratteristico della fase iniziale della depressione: la rabbia. Questa è spesso accompagnata da irritabilità accresciuta e una tendenza a perdere la calma su cose apparentemente banali. Ogni piccola cosa innocua può innescare uno scoppio da una persona depressa, che può scagliarsi contro la famiglia, amici e anche sconosciuti. Un individuo depresso, anche quando non sta esprimendo verbalmente rabbia, potrebbe consumarsi dalla rabbia internamente. Inoltre, una condizione depressiva che è accompagnata da rabbia è più grave in intensità rispetto alla normale depressione clinica ed è probabile che rimanga attiva più a lungo. Tale depressione grave prolungata e rabbia infestata può anche innescare altri disturbi, come abuso di sostanze e disturbi d’ansia.

Ansia

L’ansia non è semplicemente essere nervosi per qualcosa che è accaduto o deve ancora accadere. I disturbi d’ansia sono in grado di interferire terribilmente con la mente di una persona ossessionandola su piccole cose fino al punto di entrare in paranoia. Quando si è affetti da depressione, un attacco di ansia può spingere ancora più in profondità verso il buio. Una leggera battuta d’arresto personale, per esempio, farà sì che la persona depressa si disperi sulla mancanza, fino al punto di arrivare ad una disperazione senza speranza. L’ansia può anche mostrare sintomi fisici, come sudorazione, palpitazioni e tachicardia.

Mancanza di concentrazione e perdita di memoria a breve termine

Il frenetico mondo di oggi può lasciare sopraffatti e distratti di volta in volta. Tuttavia, se insieme a sentirsi costantemente infelice non riuscite a concentrarvi su una cosa per più di pochi secondi, potreste essere depressi. La concentrazione deteriorata è uno dei più frequenti sintomi di depressione. I malati di depressione segnalano anche difficoltà a ricordare le informazioni a breve termine. Potreste notare di essere diventato meno produttivo e che dimenticate costantemente dove mettete le cose importanti come documenti o chiavi. Questa perdita di memoria a breve termine può indicare una depressione.

Comportamento sconsiderato

Le persone che appaiono un po’ troppo selvagge e danno costantemente l’impressione di vivere la vita al limite potrebbero anche essere affette da depressione, soprattutto se non è così che vivevano in passato. Naturalmente, questo non significa che ogni persona avventurosa sia depressa, tuttavia se una persona che mostra altri sintomi di depressione e si trova in un tumulto emotivo diventa improvvisamente interessata ad alcol o droghe, qualcosa non va. L’alcolismo, il gioco d’azzardo, l’abuso di sostanze e comportamenti sessuali a rischio potrebbero essere un meccanismo per combattere la sofferenza interiore e semplicemente un modo per sfuggire a sensazioni spiacevoli. Purtroppo, questi exploit forniscono solo un sollievo temporaneo e rendono la depressione peggiore nel tempo.

Perdita di interesse nelle attività piacevoli

Una perdita di interesse per qualsiasi attività e contatto sociale, nonché una capacità gravemente ridotta di provare piacere, è una condizione nota come anedonia. Le persone depresse possono isolarsi e trascorrere del tempo da sole senza fare nulla dal momento che proprio non riescono a trarre piacere da nessuna attività. Quando le persone sane e i pazienti depressi hanno ascoltato la propria musica preferita seguita da una risonanza magnetica al cervello, i pazienti depressi hanno mostrato una minore attività nelle regioni del cervello associate al piacere rispetto alle persone sane. L’anedonia è una caratteristica importante della depressione, così come uno dei suoi primi indicatori. Quindi, se voi o qualcuno intorno a voi non ha più voglia di andare al cinema quando parlavano solo di film nel loro tempo libero, e sono stati anche molto tristi ultimamente, prendete nota.

Variazioni di peso

La maggior parte dei malati di depressione subiscono un improvviso calo di appetito, oltre ad essere costantemente lunatici. Solo il pensiero di mangiare potrebbe dar loro la nausea, anche se non hanno ancora mangiaot. Di conseguenza possono iniziare a perdere peso in modo malsano. La perdita di appetito è uno dei più comuni sintomi di depressione. Al contrario, anche se meno frequente della perdita di peso, alcune persone potrebbero cominciare ad aumentare di peso durante la depressione mangiando a dismisura per confortarsi. Se voi o qualcuno intorno a voi ha questi sintomi, potrebbero semplicemente indicare depressione.

Pensieri ricorrenti di suicidio e di morte

Non è raro per le persone di pensare alla morte, soprattutto via via che invecchiano. Tuttavia, i pensieri di morte soprattutto suicida, sono motivo di grave preoccupazione e devono essere affrontati con urgenza. I pensieri suicidi sono fortemente associati a disturbi dell’umore come la depressione clinica. Molti fattori contribuiscono alla tendenza di una persona anziana a danneggiarsi, e la depressione clinica è il più comune tra questi. Le tendenze suicide possono variare da pensieri ricorrenti, ricerche online e pianificazione, oltre ad autolesionismo fisico (taglio dei polsi, per esempio).

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Loading...

Lascia un messaggio alla Nonna

Scrivi il dato mancante dell\'operazione che leggi qui sotto