Usare smartphone e tablet a letto fa male alla salute, ecco perchè

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

La maggior parte di noi hanno difficoltà a ricordare come è stato possibile sopravvivere senza la comodità di smartphone, tablet e netbook. La tecnologia si è infiltrata in ogni aspetto della nostra vita, coloro che andavano a fare shopping con gli amici durante il fine settimana adesso visitano i siti web di shopping online e si trovano i prodotti alla porta di casa. Coloro che frequentavano i negozi di libri non sentono più il bisogno di tenere un libro in mano, meglio leggere un e-book sul tablet.

Coloro che organizzavano riunioni di famiglia ora si tengono in contatto con i social network ed esprimono amore mettendo ‘mi piace’ alle immagini del profilo dei loro familiari. Gli esempi dell’impatto sociale della tecnologia abbondano, ma c’è un’altra preoccupazione che viene raramente discussa: l’impatto della tecnologia sulla salute. Il crescente utilizzo di tecnologie e dispositivi elettronici pone seri rischi per la salute; ci sono stati 6,9 miliardi di abbonamenti di telefonia cellulare in tutto il mondo nel 2014, e tablet e telefoni che voi e i vostri figli incollate agli occhi prima di dormire ogni notte per inviare messaggi, leggere e-book, giocare o semplicemente sfogliare il web è più dannoso per il sonno e la salute generale di quanto si creda.

Come la tecnologia influisce sul sonno

Nel mondo moderno di oggi, molte persone escono la sera e iniziano presto il giorno successivo, consumano caffeina in eccesso e lavorano troppo. Queste sono alcune delle ragioni principali di carenza di sonno, tuttavia, un fattore spesso trascurato e meno discusso è la luce elettronica, la quale agisce sul ritmo circadiano del corpo in numerosi modi. Il ritmo circadiano è il modello di cambiamenti mentali, comportamentali e fisici che una persona subisce in un giorno intero, ed è influenzato da luce e oscurità, ed è il responsabile del sonno. Questo è il motivo per cui il corpo entra in modalità assonnata tra la mezzanotte e le 4 del mattino. Sintomi come nausea, stanchezza e tensione sofferti dopo che si è fatto nottata, i viaggi tra fusi orari o dormire meno di 4 ore manda in tilt il ritmo circadiano del corpo.

La luce artificiale elettronica tra il tramonto e l’alba invia i messaggi sbagliati all’ipotalamo, una ghiandola che produce ormoni, facendola produrre i neuroni che promuovono la veglia e allo stesso tempo inibire quelli che inducono il sonno. Inoltre inibisce la produzione di melatonina, un importante ormone del sonno, causando insonnia, rendendovi stanchi in ore inadeguate e minando la qualità del poco sonno rimasto.

Tecnologia, insonnia e salute cardiovascolare

Il sonno è uno dei fondamenti di una buona salute. Senza sonno adeguato una persona corre un rischio maggiore di contrarre malattie, alcune delle quali potenzialmente fatali. Molti italiani soffrono di disturbi cronici del sonno, che ostacolano fortemente la loro vita quotidiana e mina la qualità della loro salute e della vita in generale. La tendenza ad addormentarsi durante il giorno, la difficoltà ad addormentarsi o a mantenere il sonno durante la notte, così come i problemi fisici come russamento e cattiva respirazione potrebbero essere sintomi di accompagnamento. I disturbi del sonno el’ insonnia sono una causa diretta della sindrome metabolica, un gruppo di problemi che si verificano in genere insieme e aumentano significativamente il rischio di una persona di sviluppare malattie cardiache e successivi attacchi di cuore.

Obesità, diabete, ipertensione, alti livelli di colesterolo cattivo, alti livelli di trigliceridi e l’accumulo eccessivo di grasso della pancia costituiscono la sindrome metabolica. Ecco come le diverse condizioni che la costituiscono sono legate alla privazione del sonno e al sopraggiungere di malattie cardiache.

Obesità

Un ritmo circadiano turbato può causare obesità: i ritmi circadiani del corpo regolano sonno e veglia, come accennato in precedenza. Tuttavia, ciò che questo significa a livello cellulare è che regola anche i periodi di attività e inattività delle cellule. Quando esse sono attive, impegnano più sostanze nutritive e ormoni, così come le cellule di grasso e trigliceridi. Un modello di sonno/veglia disturbato e imprevedibile altera il metabolismo del corpo in modo significativo, e può scatenare l’accumulo di cellule adipose, che provoca obesità.

Diabete

L’insonnia può interferire con la capacità del corpo di gestire il glucosio in eccesso attraverso l’insulina e mantenere i livelli di zucchero nel sangue sotto controllo. La privazione del sonno durante la notte può ostacolare l’uso del glucosio e aumentare i livelli di insulina, causando il diabete. Le persone che dormono meno di 5 ore ogni notte hanno registrato un aumento del 37% del rischio di sviluppare il diabete in 10 anni, secondo uno studio del 2003 pubblicato su Diabetes Care.

Ipertensione

Una minore durata del sonno notturno è associata ad un elevato rischio di sviluppare ipertensione. Dormire poco o affatto sforza il cuore e aumenta la pressione, facendo sì che il corpo mantenga alti livelli di sodio aumentando così l’ipertensione. Inoltre, scarso sonno o totale mancanza di esso attiva il sistema nervoso simpatico del corpo, il senso del corpo per rispondere alla tensione e ad una maggiore attività fisica. In altre parole, è lo stato di emergenza del corpo. La mancanza di sonno attiva il sistema nervoso simpatico del corpo e contribuisce ad un aumento del rischio di ipertensione nei soggetti.

Colesterolo

Le lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) sono il colesterolo dannoso del corpo, direttamente responsabile di intasamento delle arterie e attacchi di cuore. L’LDL si accumula nelle arterie nel tempo e le blocca, ostacolando in tal modo il flusso di sangue ricco di ossigeno al cuore. Questa ostruzione arteriosa è denominata malattia dell’arteria coronaria ed è responsabile di infarti. Una più breve durata del sonno è associata positivamente a maggiori livelli di colesterolo LDL, mentre il sonno ottimale è associato a livelli di LDL più bassi. D’altra parte, le lipoproteine ad alta densità (HDL) sono il colesterolo buono nel corpo, che ha il compito di individuare e canalizzare l’eccesso di LDL al fegato per abbatterlo in modo che non faccia male. Più alto è LDL nel vostro corpo, minore è HDL. La privazione del sonno è associata ad un basso livello di HDL nel corpo, un altro fattore indicativo di un aumento del rischio di malattie cardiache.

Trigliceridi

I trigliceridi sono grassi presenti nel sangue, e un alto livello di trigliceridi è uno dei fattori che aumentano il rischio di malattie cardiache. La durata del sonno notturno colpisce la produzione di trigliceridi nel corpo: le persone che dormono meno di 5 ore hanno riportato elevati livelli di trigliceridi, secondo uno studio del 2008.

Aumento del grasso sulla pancia

Il grasso che si raccoglie intorno alla vita è il più difficile da eliminare. E’ anche il più pericoloso in quanto aumenta notevolmente il rischio di sviluppare malattie cardiache e possibili attacchi di cuore. Le persone che soffrono di privazione del sonno con apnee ostruttive hanno segnalato un aumento del peso corporeo e del grasso addominale e in vita.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Loading...

Lascia un messaggio alla Nonna

Scrivi il dato mancante dell\'operazione che leggi qui sotto