Ciclo mestruale, ecco alcuni problemi da non ignorare

 

La prima volta che a una ragazza viene il ciclo mestruale è un momento cruciale della sua vita. Esso segna significativi cambiamenti biologici nel suo corpo e significa che è in grado di concepire un figlio. Ogni mese durante il ciclo mestruale il corpo elimina il rivestimento dell’utero, il sangue scorre attraverso la cervice mestruale e fuoriesce dal corpo attraverso la vagina. Un ciclo mestruale tipico dura da 3 a 7 giorni, ed ecco alcune cose importanti da sapere, sia per le giovani donne che vogliono imparare qualcosa di più sulle mestruazioni sia per chi sta vivendo cambiamenti nel ciclo tipico.

Perché arriva il ciclo

Ogni mese un uovo comincia a crescere in una delle ovaie. Dopo che è pienamente sviluppato, lascia l’ovaia e viaggia verso l’utero attraverso le tube di Falloppio. Questo processo è chiamato ovulazione. Durante questo tempo, il livello di estrogeni (ormoni femminili) nel corpo inizia ad aumentare e fa sì che il rivestimento dell’utero si addensi. Se si hanno rapporti e lo sperma dell’uomo raggiunge l’uovo e lo feconda, l’uovo si assicura alla parete uterina ispessita, e rimarrete incinte. Se l’ovulo non è fecondato, si disintegra e viene eliminato dal corpo sotto forma di ciclo mestruale.

Cambiamenti prima del ciclo possono mimare la gravidanza

Non tutti i sintomi di una gravidanza indicano una gravidanza vera e propria: anche i cicli mestruali possono scatenare l’insorgenza di tali sintomi. Nei giorni precedenti il ciclo, il vostro corpo si addensa e si prepara a rivestire l’utero nel caso in cui si verifichi una gravidanza. Il corpo secerne alcuni ormoni che contribuiscono a creare questo rivestimento uterino che garantirà nutrimento all’embrione. Quando il corpo secerne detti ormoni, come il progesterone, può causare cambiamenti simili a quelli di una gravidanza, come ritenzione idrica con conseguente gonfiore allo stomaco. Si può anche soffrire di altri sintomi caratteristici della gravidanza, come nausea, vomito e mal di schiena.

Sanguinamento prolungato o pesante può indicare fibromi

Molte donne tendono a trascurare sanguinamenti consistenti. Qualcuna potrebbe anche non notare di sanguinare più del solito, e che sta utilizzando più prodotti sanitari del normale. I cicli mestruali di alcune donne possono durare più a lungo rispetto ai tipici 3-7 giorni, ma possono sottovalutare l’importanza anche di questo. Tuttavia, un pesante sanguinamento durante questo periodo e cicli che si estendono al di là di 7 o 8 giorni potrebbero indicare una crescita di un fibroma. Un fibroma è una crescita non cancerosa, fibrosa e muscolare che appare nell’utero o intorno ad esso. Un sanguinamento pesante e prolungato è il sintomo più comunemente riportato tra le donne che soffrono di fibromi. Di tanto in tanto, si potrebbe inoltre notare la presenza di coaguli di sangue nel flusso mestruale. Anche questo può essere sintomo di fibroma.

Eccessivo dolore mestruale può indicare endometriosi

Dolore addominale e crampi sono problemi comuni durante i cicli mestruali. Durante questi giorni l’endometrio produce prostaglandina, un ormone che induce infiammazione e dolore. Tuttavia, un dolore gravemente debilitante nella regione addominale inferiore e nella zona pelvica che ha impatto sulla vostra capacità di svolgere attività quotidiane in modo sostanziale può essere indicativo di endometriosi. L’endometriosi è una malattia infiammatoria in cui il tessuto uterino, che tipicamente dovrebbe crescere e rimanere all’interno dell’utero, cresce al di fuori di esso. Questo tessuto costituisce anche il rivestimento uterino, che si rompe durante il ciclo mestruale. Quando il tessuto cresce al di fuori dell’utero continua a funzionare come il tessuto uterino normale, sanguinando. Tuttavia il tessuto sanguinoso e disintegrato non ha più una via di uscita fuori dal corpo e nel corso del tempo, questo provoca gonfiore dolore e lesioni, che diventano ancor più dolore durante i cicli successivi.

Cicli mestruali irregolari possono indicare un disturbo ormonale

E’considerato normale avere cicli irregolari quando si è più giovani, ma se questa situazione persiste bene oltre i 20-25 anni può essere un motivo di preoccupazione. Se i cicli irregolari si accompagnano con altri sintomi come l’obesità, eccessivi peli sul viso e sull corpo, perdita di capelli e acne, potrebbe essere un segno di sindrome dell’ovaio policistico. Nelle persone che soffrono di questa malattia, si formano delle cisti nelle ovaie dovute all’eccesso di testosterone (un ormone sessuale maschile) nel corpo. Queste cisti fermano le uova dall’essere rilasciate dalle ovaie e ostacolano l’intero processo delle mestruazioni e questo fa sì che i cicli spesso possano saltare o ritardare.

Lo stress può intensificare i sintomi della sindrome premestruale

Molte donne soffrono di sindrome premestruale, una patologia che comunemente colpisce le donne proprio prima dell’inizio del ciclo mensile caratterizzata da stress, ansia, sbalzi d’umore, depressione, rabbia, stanchezza e dolori così come gonfiore occasionale e tensione mammaria. La sindrome premesrtuale tende a influire negativamente sulle relazioni di una donna con la famiglia e gli amici, riduce anche le prestazioni di lavoro e può spesso portare a problemi in famiglia. In realtà questi sintomi spesso sfidano il loro nome e persistono attraverso il ciclo. Se questo è ciò che vi accade regolarmente o vi è capitato, potrebbe essere un segno del corpo per dirvi che è stressato. Alti livelli di stress prima della comparsa dei cicli mestruali sono risultati associati alla sindrome premestruale. Lo stress può anche ridurre la lunghezza del ciclo.

Assenza di ciclo può influenzare la fertilità

Per avere cicli regolari ed essere in grado di concepire è necessario disporre di un indice di massa corporea (BMI) di almeno 22. Il BMI misura la quantità di grasso nel corpo. Se avete cicli irregolari, controllate il vostro indice di massa corporea. Un basso contenuto di grassi costringe il corpo a entrare in modalità di emergenza, concentrandosi su come eseguire solo le funzioni più importanti e di sostegno vitale. Così il corpo potrebbe interrompere le mestruazioni e questo può avere un effetto enorme sulla vostra fertilità. Se non si hanno i cicli mestruali, le ovaie non rilasciano uova per l’ovulazione e la successiva fecondazione.

Il ciclo non vi protegge dalla gravidanza

Prima viene sfatato questo mito, meglio è. Sì, la probabilità di concepire durante il ciclo è minore perché avete appena superato un ciclo di ovulazione e il prossimo è a giorni di distanza. Tuttavia ci sono alcune eccezioni: un ciclo mestruale è il periodo di tempo tra l’ultimo ciclo e il prossimo; molte donne hanno un tipico ciclo da 28 a 30 giorni e in tal caso le probabilità di rimanere incinta durante il ciclo sono minori. Tuttavia, se avete un ciclo più breve (da 21 a 24 giorni, per esempio), potreste rimanere incinta anche se avete rapporti durante il ciclo: in un ciclo più breve l’ovulazione si verifica prima, e dal momento che gli spermatozoi possono sopravvivere nel corpo per un massimo di 5 giorni, potreste concepire subito dopo che il flusso di sangue termina, anche se avete avuto rapporti sessuali giorni prima. Se state cercando di evitare una gravidanza utilizzate un preservativo, non importa che giorno del mese sia.

Anomalie del ciclo possono indicare problemi alla tiroide

Le anomalie di un ciclo mestruale possono assumere molte forme, e tutte possono essere indicative di problemi alla tiroide. Se avete cicli meno frequenti e irregolari, a volte pesanti o a volte senza, potrebbero essere tutti sintomi di un disturbo della tiroide. Inoltre, problemi di tiroide possono anche innescare il menarca precoce (l’inizio delle mestruazioni o la prima volta che una ragazza ha il ciclo) o ritardarlo. Le donne con problemi di tiroide soffrono di irregolarità, infertilità e un cattivo stato di salute durante la gravidanza. Controllare la tiroide è una scelta saggia se avete irregolarità mestruali e non sapete perché.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Loading...

Lascia un messaggio alla Nonna

Scrivi il dato mancante dell\'operazione che leggi qui sotto