Ecco perché gli antibiotici fanno male alla salute

 

I medici prescrivono antibiotici per curare infezioni o malattie causate da batteri, fra cui alcune infezioni delle vie respiratorie, infezioni della pelle e ferite infette. I farmaci bloccano i processi vitali dei batteri per ucciderli o impedire loro di moltiplicarsi e questo aiuta il sistema immunitario a combattere l’infezione. Diversi antibiotici funzionano in modo diverso contro i batteri. Ad esempio, la penicillina distrugge le pareti cellulari batteriche, mentre l’eritromicina ferma il processo di costruzione delle proteine nei batteri.

L’uso appropriato di antibiotici è importante nel trattamento tempestivo di varie infezioni, ma a volte fanno male alla salute perchè possono avere effetti collaterali e causare problemi collegati anche a malattie più gravi. Ecco i 10 problemi più comuni che possono capitare durante l’assunzione di antibiotici, con i rimedi della Nonna per risolverli.

Diarrea

La diarrea è un effetto collaterale comune degli antibiotici. Gli antibiotici possono infatti alterare l’equilibrio di batteri buoni e cattivi nell’intestino uccidendo i microbi buoni oltre ai batteri che causano infezioni. Questo porta a diarrea associata a feci acquose. Alcuni degli antibiotici più comunemente legati alla diarrea associata agli antibiotici sono cefalosporine, clindamicina, penicillina e fluorochinoloni. Per prevenire o trattare questo effetto collaterale degli antibiotici, aggiungete yogurt probiotico, crauti o miso alla vostra dieta.

Leggi anche: Diarrea, cause e rimedi naturali

Nausea e vomito

Assumendo antibiotici come la penicillina e il metronidazolo, molte persone sperimentano nausea e vomito. Questi sintomi si verificano quando gli antibiotici uccidono alcuni dei batteri buoni che vivono nell’intestino e questo conduce a problemi come gonfiore, nausea e vomito, che sono generalmente lievi e transitori. Se avete nausea derivante da un trattamento antibiotico, mangiate un po’ di yogurt probiotico e bevete tè allo zenzero.

Infezioni vaginali

La candida e altri germi che vivono all’interno della vagina sono innocui in condizioni di equilibrio naturale. Tuttavia, gli antibiotici usati per trattare le infezioni possono modificare questo equilibrio e aumentarne il numero, e ciò può portare ad una infezione vaginale. I sintomi di un’infezione vaginale includono perdite bianche, bruciore e prurito. Alcuni antibiotici che possono alterare l’equilibrio batterico nel corpo includono clindamicina e tetraciclina. Se li state assumendo, mangiate ogni giorno almeno uno yogurt greco per prevenire questo tipo di infezione. Potete anche chiedere al vostro medico di prescrivervi qualche integratore probiotico.

Reazioni allergiche

Alcune persone sono allergiche agli antibiotici come penicillina e cefalosporine. Le reazioni allergiche possono includere sintomi quali orticaria, eruzioni cutanee, prurito, gonfiore, respiro corto, dispnea, naso che cola, febbre e anafilassi. Minimizzate l’uso di antibiotici inutili e di evitate antibiotici a cui siete allergici. Segnalate eventuali reazioni avverse al medico in modo da prescrivervi un antibiotico diverso in caso di necessità.

Immunità indebolita

Più del 80 per cento dell’immunità del corpo viene costruita nel tratto intestinale con l’aiuto di batteri amici che risiedono lì. Tuttavia, gli antibiotici uccidono i batteri indiscriminatamente, buoni e cattivi. Includete alimenti nella vostra dieta ricchi di proprietà antibiotiche come zenzero, yogurt, origano, pompelmo, curcuma e aglio.

Rischio di cancro

L’uso eccessivo di antibiotici può causare stress ossidativo e aumentare il rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro, come al colon, alla mammella e al fegato. Questo accade soprattutto a causa di abuso di antibiotici, che possono curare solo le infezioni batteriche. Molte persone usano gli antibiotici in modo non corretto anche per il trattamento delle infezioni virali come raffreddore, influenza, bronchite acuta, mal di gola, e altre ancora (per quelli bastano alcuni Rimedi della Nonna).

Funzioni renali indebolite

Alcuni antibiotici, come meticillina, vancomicina, sulfamidici, gentamicina, fluorochinoloni, gatifloxacina, levofloxacina, moxifloxacina, e streptomicina, possono essere dannosi per i reni. I reni rimuovono i prodotti di scarto e aiutano a bilanciare acqua, sale e altri minerali nel sangue, quindi anche un piccolo danno può causare problemi gravi. Se avete un problema ai reni, assicuratevi che il medico lo sappia, in modo che vi possa dare una dose di antibiotici in base al livello di funzionalità dei vostri reni. Inoltre quando assumete antibiotici, se notate cambiamenti nella minzione, gonfiore alle gambe e piedi, e nausea e vomito, consultate il medico.

Infezioni del tratto urinario

Gli antibiotici usati per curare alcune malattie possono causare una infezione del tratto urinario specialmente nei bambini. Mentre combattono le infezioni, spesso spazzano via i batteri benefici che vivono vicino all’uretra rendendo più facile per i batteri pericolosi crescere nelle vie urinarie e della vescica. Le infezioni del tratto urinario possono essere impedite adottando misure volte a mantenere o sostituire batteri utili e praticando una buona igiene personale.

Problemi all’orecchio

Tutti i gli antibiotici aminoglicosidi possono causare ototossicità se entrano nell’orecchio. Il farmaco può entrare attraverso il sistema sanguigno o tramite diffusione dall’orecchio medio all’orecchio interno. Alcuni sintomi di ototossicità includono sordità parziale o profonda, vertigini e acufeni, temporanei o permanenti.
 

Ridurre l’efficienza di pillole anticoncezionali

Se state prendendo la pillola anticoncezionale o utilizzando un altro contraccettivo orale per prevenire una gravidanza, alcuni antibiotici possono ridurne l’efficacia. Chiedete al vostro medico se è necessario utilizzare un metodo contraccettivo addizionale per prevenire la gravidanza durante l’assunzione di un antibiotico. Il medico potrà anche suggerire altri metodi di contraccezione.

Ulteriori suggerimenti

  • Gli effetti collaterali differiscono da paziente a paziente e da antibiotico a antibiotico.
  • Bevete molta acqua per evitare la disidratazione. Se necessario, utilizzate bevande reidratanti ad alto contenuto di elettroliti.
  • Evitate alcol e caffeina.
  • Evitate di mangiare cibo piccante.
  • Non prendete antibiotici senza prescrizione del medico.
  • Completate l’intero ciclo di trattamento in modo che il vostro corpo riceva il dosaggio appropriato.
  • Mai prendere antibiotici avanzati. Essi possono non essere adatti per la specifica malattia contratta in una data successiva.
  • Non prendete antibiotici prescritti a qualcun altro. I vostri batteri possono essere diversi da quelli della persona a cui l’antibiotico è stato prescritto.
  • Non chiedete al vostro medico di darvi antibiotici per una rapida guarigione. Invece, chiedetegli i metodi per alleviare i sintomi.
  • Includete nella vostra dieta antibiotici naturali come zenzero, yogurt, miele, origano, pompelmo, curcuma e aglio per rafforzare il sistema immunitario e combattere le infezioni.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Loading...

Lascia un messaggio alla Nonna

Scrivi il dato mancante dell\'operazione che leggi qui sotto