I 10 alimenti che aiutano a migliorare la concentrazione

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

Ogni volta abbiamo sempre più distrazioni mano che minacciano il nostro lavoro l’apprendimento dei nostri figli. Ci sono alcuni alimenti che possono migliorare la concentrazione, la memoria, il coordinamento e livelli cognitivi, e aiutarvi a rimanere in allerta. Con questo articolo la Nonna vi spiegherà quali sono per preparare così una dieta ideale per il vostro cervello e la vostra famiglia!

Così come ci sono gli alimenti che possono aiutarvi a concentrarvi meglio, ci sono situazioni che possono produrre l’effetto opposto: il rumore, le distrazioni, troppa o troppo poca luce e la temperatura. Provate dunque ad ottimizzare anche l’ambiente che vi circonda. Un altro fattore che vi aiuta a mantenere tutti i sensi attivi quando volete leggere, guardare la tv o ascoltare musica è lo stato fisico ed emotivo. Se vi sentite male o malati, troverete impossibile concentrarvi. Lo stesso dicasi per lo stato emotivo.

Parlando di cibo, tutto ruota attorno ai carboidrati: il loro consumo può influenzare le prestazioni degli studenti in un esame o di un lavoratore sul posto di lavoro, ma se il consumo è equilibrato, sarete eccitati nell’affrontare qualsiasi sfida. Ecco quindi i dieci alimenti che possono aiutarvi a mantenere elevata la concentrazione.

1. Pane e cracker integrali

Come altri carboidrati, liberano un aminoacido, chiamato L-triptofano, che viene assorbito dal cervello per produrre serotonina, un neurotrasmettitore che favorisce il rilassamento e aiuta a ridurre il sonno.

2. Pasta

Un’altra caratteristica dei carboidrati complessi è che forniscono al cervello il glucosio, una delle principali fonti di energia. E il cervello ha bisogno di energia per funzionare correttamente e consentire il funzionamento cognitivo.

3. Pollo

Le proteine sono un’altra fonte necessaria per mantenere elevata la concentrazione. Quando vengono consumate, viene rilasciato un altro aminoacido: la L-tirosina, che si occupa sintetizzare la norepinefrina e la dopamina, entrambe fondamentali per pensare in modo chiaro e veloce.

4. Uova

Aiutano il cervello a stimolare la memoria a lungo termine. Come altre proteine, il consumo di uova migliora lo stato di “allerta” e la stabilità. Altre fonti importanti di proteine con virtù simili sono carni magre, pesce e fagioli.

5. Latte scremato e yogurt

Le proteine vengono digerite più lentamente dei carboidrati. Come risultato, esse forniscono la potenza al corpo e al cervello più a lungo, anche quando l’energia dai carboidrati si esaurisce.

6. Noci

Le noci hanno le proprietà delle proteine e le virtù dei grassi. Quindi, oltre a contribuire ad aumentare la concentrazione e a rispondere più rapidamente sui vostri compiti di lavoro o di studio, aiutano anche il cervello a funzionare correttamente.

7. Olio d’oliva

Oltre a carboidrati e proteine, il terzo gruppo alimentare che promuove le funzioni cerebrali sono i grassi! Naturalmente è importante scegliere “grassi sani”. Un buon esempio è l’olio extravergine d’oliva, ma anche l’olio di pesce.

8. Avocado

Come si può non amare questo cibo così gustoso? Ma se sappiamo in anticipo che ci rende più intelligenti o almeno ci aiuta nel nostro lavoro o nel nostro studio lo ameremo ancora di più! I grassi sono elementi fondamentali nella dieta, contribuiscono ad assorbire le vitamine liposolubili e a costruire le cellule nervose.

9. Salmone

Oltre ad essere delizioso, questo pesce di acqua fredda è una ricca fonte di Omega-3. Tra le molte virtù di questi acidi grassi è stato scoperto che portano il cervello al massimo delle prestazioni. Alcuni studi sostengono che allevia i sintomi della depressione e i disturbi bipolari, prevenendo la demenza.

10. Sardine

Come tutti i pesci azzurri anche le sardine sono un’ottima fonte di acidi grassi omega-3. Ma contengono anche altri acidi come gli omega-6, che servono a prevenire varie malattie. Tuttavia fate attenzione: il consumo eccessivo può aumentare la suscettibilità alla depressione.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Loading...

Lascia un messaggio alla Nonna

Scrivi il dato mancante dell\'operazione che leggi qui sotto