Come usare il sale per pulire pentole e padelle

1 stella - pessimo2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle - ottimo! (Ancora nessun voto.. sii tu il primo!)
Loading...

Dopo aver preparato un pranzo per tutta la famiglia spesso si è in difficoltà a pulire pentole, padelle e taglieri. Ma la Nonna vi viene in soccorso con un alleato prezioso: il sale. Ecco come utilizzarlo per pulire in cucina, senza stress e senza fatica, con risultati fantastici.

Come pulire pentole e padelle di ferro con il sale

Le padelle in ferro, le cosiddette lionesi, sono state riscoperte negli ultimi tempi perchè, oltre a garantire eccellenti risultati di cottura, sono robuste e di lunghissima durata. Vanno però trattate e pulite dopo l’uso con alcuni accorgimenti particolari: non vanno mai lavate con acqua ma, dopo averle lasciate intiepidire, vanno pulite con carta assorbente da cucina e poi con il sale.

Se sono particolarmente sporche dopo l’uso procedete alla pulizia come facevano le Nonne di un tempo: mettete la padella nuovamente sul fuoco a fiamma vivace e versate qualche cucchiaio di sale grosso. Con l’aiuto di un canovaccio strofinate il sale grosso sulla superficie in modo da staccare qualsiasi impurità. Ma attenzione: questo tipo di pulizia non va fatto ogni giorno.

Pasta di sale sgrassante per piatti e stoviglie

E’ una pasta sgrassante, pronta all’uso, un efficace pretrattante e un ottimo rimedio della Nonna per stoviglie e piatti, efficace ed ecologico.

Ingredienti

  • 90 g di sale
  • Il succo di un limone
  • Mezzo bicchiere di aceto di vino bianco
  • 150 ml di acqua

Unite tutti gli ingredienti e mescolate bene. Quando il composto sarà ben amalgamato unite un cucchiaino di detersivo per piatti ecologico, adatto anche alla lavastoviglie. Trasferitelo in un contenitore chiuso e conservatelo lontano dalla portata dei bambini. Con la pasta potrete trattare le pentole particolarmente sporche prima del lavaggio o aggiungerne un cucchiaio in lavastoviglie.

Una variante della ricetta prevede l’uso di un limone intero: dopo averlo tagliato e privato dei semi unitelo con gli altri ingredienti nel bicchiere del mixer. Il risultato è un detersivo più concentrato ed energico.

Pulizia della pentola smaltata

Il vostro arrosto era buonissimo e gli ospiti l’hanno apprezzato come desideravate: l’unico errore, però, è stato usare la casseruola smaltata, tanto bella quanto delicata. Il fondo ora è tutto bruciacchiato: prima che il danno rimanga permanente versate dell’acqua calda con due manciate abbondanti di sale grosso e lasciate riposare per tutta la notte. Il giorno dopo mettete la casseruola sul fuoco e portate a ebollizione l’acqua salata: le macchie e le bruciacchiature spariranno.

Pietra ollare da cottura

Le pietre da cottura si puliscono ancora calde: prima si tolgono i residui più grandi con una spatola e poi, quando si è intiepidita, si strofina il piano con una paglietta e del sale grosso. Alla fine si sciacqua con acqua calda (non versate mai acqua fredda sulla superficie della pietra calda). Non si devono utilizzare detergenti o saponi in nessun caso: la superficie porosa potrebbe assorbire sostanze nocive che potrebbero essere liberate durante la cottura dei cibi. Inoltre ricordate che la pietra va lavata con acqua e sale dopo il primo utilizzo.

Bellissima la pietra ollare, ma che fatica pulirla!

Bellissima la pietra ollare, ma che fatica pulirla!

Pulire le pentole col sale

Se durante la cottura si è attaccato del cibo al fondo della pentola, mettetela in ammollo con una manciata di sale grosso, via aiuterà a staccare residui e bruciature più facilmente. Se lo sporco non va via, è sufficiente aggiungere del bicarbonato e far bollire per alcuni minuti. Con pentole in ferro particolarmente sporche bisogna scaldare a fuoco basso la pentola e coprire il fondo con dell’olio, toglierla dal fuoco quando è ben calda e aggiungervi 4 cucchiai di sale grosso. Strofinando energicamente e risciacquando in acqua calda vedrete che anche lo sporco più ostinato scomparirà. Per restituire lucentezza alle pentole si applica una miscela di sale e aceto in parti uguali e si strofina con cura.

Pulire il tagliere

Per pulire e igienizzare i taglieri, che siano di legno o di materiali sintetici, preparate una pasta mescolando sale fine e bicarbonato in parti uguali con acqua: la pasta deve essere consistente, non liquida. Al termine sciacquate con acqua calda e asciugate.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Loading...

Un commento

Lascia un messaggio alla Nonna

Scrivi il dato mancante dell\'operazione che leggi qui sotto