rimedi-nonna-insetti-casa-giardino

Rimedi della Nonna per allontanare insetti e animali fastidiosi

 

rimedi-nonna-insetti-casa-giardino

Per tenere lontane le zanzare, le mosche e quasi tutti gli altri noiosi o pungenti insetti, oltre ai normali zampiraoni, alle creme, agli spray, alle piastrine da bruciare negli appositi apparecchi elettrici, alle lampade particolari, agli strumenti più o meno sodisticati a ultrasuoni, ci sono ricette semplici, quasi casalinghe, in un certo senso addirittura ecologiche.

I nostri vecchi per esempio suggerivano di inumidire la pelle esposta con decotto di assenzio, oppure di fregarsi (se si sopporta l’odore, che però dispiace e irrita le zanzare tenendole lontane) con fettine di cipolla. Per tenere gli insetti lontani dall’ambiente in cui si vive o si dorme, viene suggerito di appendere nella stanza qualche piantina di assenzio oppure di pomodoro. Anche un vasetto con una piantina di basilico sul davanzale della finestra della camera da letto dovrebbe tener lontani gli insetti tutta la notte.

In estate anche nell’orto ci sono insetti dannosi. Maggiolini e calabroni (assieme alle altrettanto poco simpatiche vespe) sono nel pieno della loro attività dopo il lungo letargo. Spiace combatterle, ma purtroppo è necessario, sia per conservare fiori e frutta che per difendersi dalle terribili punture, soprattutto dei calabroni. Il metodo più indolore per eliminare i maggiolini, che si nascondono di preferenza tra i petali delle rose rosicchiandone il bocciolo, consiste nel cercarli e prenderli a uno a uno, gettandoli quindi in un vasetto dove ci sia della benzina. La benzina agisce da narcotico immediato e il coleottero non soffre: naturalmente muore.

Per vespe e calabroni, oltre ad avere la precauzione di accendere di tanto in tanto camini e stufe di casa per impedir loro di fare il nido nelle canne fumarie, il metodo classico per combatterli – ancora più crudele – è rappresentato da una bottiglia a collo abbastanza largo, appesa qua e là tra gli alberi (soprattutto sul lillà della cui corteccia i calabroni sono golosi). Sul collo della bottiglia spalmare un po’ di miele, nell’interno mettere un fondo di acqua e aceto. Calabroni e vespe, attirati dal miele e dall’aceto, entrano nella bottiglia e non sono più capaci di uscirne.

Per cacciare le talpe da giardino, il miglior sistema è forse semplicemente di avere un cane, che pur senza riuscire a catturare l’animale (ci riesce solo di rado) lo spaventa al punto da costringerlo ad emigrare. Per allontanare i topi da casa ci sono veleni potenti e sistemi di derattizzazione, ma un mazzetto di rami di menta messo nei posti frequenstati dagli sgraditi ospiti sembra li faccia sloggiare. In giardino, per eliminare i topini che scavano gallerie e rosicchiano radici, viene suggerito di piantare una euforbia, che emana un odore sgradito ai topi.

Grazie per l’attenzione, ci risentiamo al prossimo rimedio della Nonna, continuate a seguirci!

Loading...

Lascia un messaggio alla Nonna

Scrivi il dato mancante dell\'operazione che leggi qui sotto